Martedì , 09 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Paolo Diodati. Il gioco continua. Da “Per nome” a… “A mountain rising from the sea”
25 Settembre 2009
 

Il gioco, guerra, provocazione o, peggio, mero pattume per alcuni, continua. Avevo promesso concretezza e a questa mi attengo. Era prevedibile che, proponendo Gli equivoci amici, come primo testo in cui cercare o un significato unitario, o sprazzi di luce, si obiettasse che non sia rappresentativo, essendo una composizione minore, un divertissement, come ha ammesso Luca Menoni. Sì, ma ricordiamo che i divertissement (che sta per divertimento) dovrebbero essere scritti per piacere. A me continua a piacere il Battisti che la canta. Ma devo sentirla in lontananza, in modo da non essere irritato dallo sgarbo fatto alla sua grazia, ai suoi ricami inimitabili, alle personalissime e bellissime incrinature della sua voce, inizialmente criticate dagli esperti e che invece conferiscono accenti unici di malinconia, tristezza o disperazione.

Le mie sollecitazioni a docenti che dovrebbero essere esperti in critica letteraria, hanno avuto un riscontro, per ora, quasi nullo. Il motivo addotto per defilarsi, sempre lo stesso: non è un testo commentabile, perché assolutamente incomprensibile. Un testo che non mi ispira niente, se non fastidio. Qualcuno ha parlato di repulsione. Uno ha coniato l’espressione “masturbazioni letterarie”. Nessun panelliano ha scritto per dire “a me piace, perché mi ispira un senso di…”. Nessun panelliano ha tentato di indicare neanche un solo sprazzo di luce. Un insegnante di filosofia, dal quale speravo di aver lumi su dove trovare le influenze hegeliane, non ha trovato di meglio che indicare il nome di un testo Le cose che pensano, come esempio di gioiello di rara bellezza.

Gli ho risposto nei commenti, proponendogli la lettura di un testo alternativo (sempre per massaie, questa volta eraclitee) e segnalandogli la truculenza da sogno o da film di Dario Argento di alcuni “versi” del cui innesto chiedo, umilmente, spiegazione. Sempre valida la domanda: dov’è Hegel?


Allora, restando sempre in attesa di gradite interpretazioni del primo testo proposto, leggerino, passo subito al secondo, certamente non classificabile tra i leggerini: Per nome. Caldissima atmosfera mediterranea, m’ha fulminato al primo ascolto. Originale pur restando nel classico. Nell’estrema semplicità della linea melodica, c’è tutto il Battisti e il suo “aver capito il segreto della costruzione della bella musica”. Grande nel proporre il nuovo, lo strano, il complesso, grande e sempre originale negli sviluppi su schemi noti o addirittura scontati. Ma, ri-siamo alle solite, per i miei gusti, sarebbe perfetta se ascoltata in un mare azzurro e calmo, sotto un cielo di cobalto, proveniente da un’imbarcazione lontana. In modo da non poter capire le parole. Ascoltate, lette e meditate, queste, si scopre il trucchetto elementare della costruzione: per far rima o assonanze (che piacciono alle massaie ma pure a Panella), si va sul facile-facile, buggerandosene di ottenere un qualche significato (e infilerà un segnale nel sospeso, ha un nome molto bello, molto illeso che se me lo ricordo si apre un fico, golosamente arreso se lo dico). Chi non è d’accordo, mi spieghi il senso di questi quattro versi, se non di tutto il testo. Come vedete, non mi attacco alla singola parola, ma a 27 parole. Potrei fare le stesse osservazioni, con le stesse domande, per tutto il pezzo.

Invito ancora le stesse persone elencate nel Gioco di fine estate, ma anche tutti gli interessati, in particolare chi mi ha “coperto d’insulti” all’inizio, affermando che non sapevo quello che dicevo perché non avevo letto i testi del Panella-Battisti, a esprimere, possibilmente senza insulti, l’interpretazione di Per nome, il cui testo è riportato nella prima colonna, a sinistra, della prima doppia colonna riportata. Anche senza avventurarsi in spiegazioni di un filo logico, si faccia ricorso magari al linguaggio pittorico, a quello olfattivo, degustativo, acustico. Anche nelle descrizioni delle proprietà dei vini e degli olî, si usano dei nomi di profumi o di sapori (bouquet, viola, fruttato, robusto, soave, mosso, fermo, ecc. ecc.). Possibile che nessuno indichi una strada per poter apprezzare i paradisi panelliani che, si dice, esistano? Non c’è un interprete della sua lingua? Non dire semplicemente “è un capolavoro”, “un gioiello”. Indicare i versi-gioiello e dire perché debbano ritenersi tali.

Oso riportare, a destra della prima doppia colonna, un testo che metricamente è identico a Per nome e quindi facilmente cantabile con la musica di Battisti. Nella seconda colonna, a destra della seconda doppia colonna, il gioco diventa ancora più difficile o, per qualcuno, forse provocatorio. Ma la provocazione non è il mio scopo. Ripeto: l’assoluta intraducibilità dei testi di Panella, vorrà pur dire qualche cosa. Io ho tradotto il testo alternativo. Trovatemi un traduttore in qualsiasi altra lingua dei testi del Panella-Battisti. La mia versione inglese del testo alternativo e comprensibile, fedelissima e accessibile a chiunque abbia una minima conoscenza dell’inglese, rende il brano cantato davvero incantevole. Provate a cantarlo. Testo facilissimo che calza alla perfezione con la linea melodica, di gran lunga più memorizzabile dell’originale. Da tener presente la maggiore difficoltà del mettere le parole su una determinata musica, rispetto alla maggiore libertà espressiva della composizione libera da vincoli ritmici.

La versione “per massaie”, ripeto, potrà essere giudicata brutta e banale, ma sul piano della comprensibilità, che è quello su cui ho fatto partire le mie critiche, deve essere giudicata migliore. E da tutti. Che è quanto volevasi dimostrare.

Allego la foto di un quadro ispirato alla versione “per massaie”, con lo stesso titolo del testo: “Un monte che sbuca dal mare”. Opera di Nello Palloni, ritenuto da molti il migliore allievo di Dottori su scala mondiale e il miglior pittore umbro contemporaneo, insieme a Franco Venanti. Non ha ricavato spunti dalla lettura di Per nome, giudicandolo nullo come significato e come fonte d’ispirazione, per immagini, anche a prescindere dai significati logici che, per un pittore, possono mancare del tutto.

Valore commerciale del quadro, non piccolo, elevato e in continuo aumento.

Se daranno l’autorizzazione (trattandosi di un “esperimento” non a fine di lucro, potrebbero darlo), metterò in rete l’esecuzione delle due versioni “per massaia”. Per quelle italiane e per quelle che capiscono l’inglese. Anche loro, poverine, hanno diritto a godersi, fino all’ultimo, un Battisti comprensibile. Così comprensibile e onesto da dichiarare testualmente (ho l’intervista in un cd): «Io e Giulio abbiamo considerato la possibilità di passare all’ermetismo. L’abbiamo scartata. Sarebbe una fuga». Che è quanto ho sostenuto nel mio primo scritto.



Per nome


Ha un nome molto bello

che se me lo ricordo

lo chiamo quel bel nome.

E lei starà

non in qualche foresta

ma in qualche bestiola

che colta sul fatto si volterà di scatto

mostrando i suoi tre quarti

stupefatti

e gli inzuppati come dolci nel latte

bianchi degli occhi

con il tocco sopra d'amarena.

Per nome ma non tanto per davvero

starà leggendo un libro nel pensiero

e infilerà un segnale nel sospeso.

Ha un nome molto bello, molto illeso

che se me lo ricordo si apre un fico

golosamente arreso se lo dico.

E lei starà

misurando con calme sequenze di palmi

su sé quanto dista

la gola fatalista

da tutta la tastiera

del costato. Avrà accordato

il respiro con l'arco

della dorsale

e sembra l'obiettivo

del suo cruciale sbarco.

Per nome quell'alone protettivo

che la dimenticanza ha rinforzato

la punta della lingua m'ha aggredito.

Ha un nome molto bello, smemorato.

Starà guardando molto da vicino

qualcosa che da qui non l'indovino.

E lei starà.

Un monte che sbuca dal mare


È un monte così bello

che, se lo raffiguri,

non è mai così bello.

Sta in mezzo al mare,

ha un nero d’ossidiana,

più in su di boschi ha il verde

con larghe radure, ginestre immense, macchie

con fichi e fichi d’India,

fiori al vento

e bianchi uccelli, come archi in ciel tesi,

stanno stagliati.

E su, in cima, ha il fuoco della Terra.

L’amico mio dimora su quel monte

che, se lo vedi, torna al tuo pensiero

e resterà un ricordo sempre acceso.

Un monte nero e verde, luminoso,

che sbuca dall’azzurro nell’azzurro,

selvaggio ed aspro, dentro sempre acceso.

E lui sta là,

misurando con passi pensosi quei lidi

sassosi e ventosi,

poi va su un’altra costa

ad ascoltar la voce

dei canneti. T’invidio, amico…

da discorsi e discordie

così lontano…

e ai canti di quei suoni

tu cuore e udito tergi.

Riecheggia, amico caro, la tua voce

nel gran silenzio ritmico del mare,

t’invidio, io, che non ho più stagioni…

perché il cemento non fiorisce mai,

ti sento un re nel guscio tuo di noce,

un’oasi che da qui non raffiguri…

Mimmo, sta là…


Un monte che sbuca dal mare


È un monte così bello

che, se lo raffiguri,

non è mai così bello.

Sta in mezzo al mare,

ha un nero d’ossidiana,

più in su di boschi ha il verde

con larghe radure, ginestre immense, macchie

con fichi e fichi d’India,

fiori al vento

e bianchi uccelli, come archi in ciel tesi,

stanno stagliati.

E su, in cima, ha il fuoco della Terra.

L’amico mio dimora su quel monte

che, se lo vedi, torna al tuo pensiero

e resterà un ricordo sempre acceso.

Un monte nero e verde, luminoso,

che sbuca dall’azzurro nell’azzurro,

selvaggio ed aspro, dentro sempre acceso.

E lui sta là,

misurando con passi pensosi quei lidi

sassosi e ventosi,

poi va su un’altra costa

ad ascoltar la voce

dei canneti. T’invidio, amico…

da discorsi e discordie

così lontano…

e ai canti di quei suoni

tu cuore e udito tergi.

Riecheggia, amico caro, la tua voce

nel gran silenzio ritmico del mare,

t’invidio, io, che non ho più stagioni…

perché il cemento non fiorisce mai,

ti sento un re nel guscio tuo di noce,

un’oasi che da qui non raffiguri…

Mimmo, sta là…

A mountain rising from the sea


It is so fine a mountain

that in imagination, it couldn’t be so perfect.

It lies in the sea

with its oxidian-black,

above, the green of woods,

with large and open spaces

immense brooms and bushes

full of fig-trees and cacti

windswept flowers

and white wild-fowls, as arches in the sky,

are silhouetted.

And on the top, it has the fire of the Earth.

My dear, dear friend, now lives on that mountain

that, seen once, you for ever will remember

as it will be an ever-lighted memory.

A mountain, green and black, always brilliant

arising from the sea-blue towards the sky-blue,

it is rugged and wild, inside ever-lit inside.

My friend is there,

he is measuring by thoughtful steps

those shores full of stones, full of winds,

then he goes to another coast

to listen to the voice

of the cane-brakes I envy you, my dear…

from talk-talk and dissensions

you are so far…

to the murmuring of those sounds

you, heart and hearing, clean.

Your voice resounds, oh dear my sweet old friend

in that high rithmic silence of the sea

I envy you, I, who have no more seasons…

like concret which can never, never bloom,

you are a king, free happy in his nutshell

an oasis that from here we can’t imagine…

Mimmo is there…


Paolo Diodati


Articoli correlati

  Paolo Diodati. Risposte dell'autore del gioco su Battisti-Panella
  Patrizia Garofalo. Intervista con il mito
  Teatro della Luce e dell'Ombra presenta “Dottor Jekyll e Mr Hyde”
  A Renato Marengo per “Lucio Battisti, la vera storia dell’intervista esclusiva”
  Paolo Diodati. Assemblaggi di sprazzi di luce
  Paolo Diodati. Gioco di fine estate: alla ricerca di sprazzi di luce
  Paolo Diodati. Risultato dell’esperimento voluto da Lucio Battisti
  Paolo Diodati. Considerazioni finali sull’esperimento voluto da Lucio Battisti
  “QM Live Club”. Omaggio a Lucio Battisti con Innocenti Evasioni Band
  “Ancora tu”. Omaggio a Lucio Battisti
  Alex. A me Panella piace. Quanto Mogol
  Augusto Ancillotti. I rischi della comunicazione emotiva e coinvolgente
  Premi e concorsi/ Una poesia di De Maestri nella pubblicazione firmata da Mogol
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 35 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy