Lunedì , 18 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblň cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Rosa María Payá: «Cuba si dissangua con Obama che prende il volo dall’Avana» 
La figlia di Oswaldo Payá critica la connivenza internazionale nel bel mezzo del cambio d’immagine del regime castrista
Rosa María Payá in un hotel di Siviglia (foto J. M. Serrano @ABC)
Rosa María Payá in un hotel di Siviglia (foto J. M. Serrano @ABC) 
15 Luglio 2016
   

Ha trascorso due giorni a Siviglia, dove la sera di lunedì 4 ha tenuto una conferenza sui diritti umani a Cuba. Rosa María Payá (L’Avana, 1989) si conferma degnissima erede del lascito ideologico del suo progenitore, Oswaldo Payá, di cui conserva la fede cattolica e un pensiero di denuncia sereno quanto contundente.

 

Sogna ancora a occhi aperti che un giorno qualche autorità faccia giustizia per la morte di suo padre?

Non è un sogno. Sono già in possesso di un rapporto della Human Rights Fundation in cui si stabilisce che tutte le prove dimostrano che mio padre è stato assassinato da agenti della sicurezza dello Stato del Governo cubano. La verità è nota. Per il processo giuridico ci vorrà più tempo, ma stiamo cercando nei tribunali internazionali la via migliore dato che la Audiencia Nacional (Corte Nazionale, ndt) ha deciso di non riaprire il caso in quanto il Governo spagnolo ha dato per buono il processo tenutosi a Cuba a cui la mia famiglia non ha nemmeno potuto assistere: è andato bene così.

 

Non hanno il minimo dubbio che possa essersi trattato di un assassinio? Non li influenza quella profezia di suo padre: “Hanno detto che mi uccideranno prima della fine del regime, ma io non fuggirò”?

Non sembra: è stato un assassinio. Ci sono le dichiarazioni dei testimoni oculari, i messaggi di testo, i primi verbali della polizia usciti quella stessa notte dall’ospedale… non c’è dubbio che si sia trattato di un attentato.

 

Il regime migliora la sua facciata all’esterno: visita del presidente statunitense, arrivo del Papa, Raúl Castro che patrocina la pace della Colombia… all’album mancano pochi elementi.

Sì, il piano funziona. Ora la comunità internazionale dovrà decidere se comprare questa immagine che il Governo vuole vendere ma che non ha nulla a che vedere con il riconoscimento dei diritti fondamentali di tutti i cubani, e nemmeno degli stranieri. Si stanno ponendo le condizioni per la maggior impunità possibile del regime. E non parlo solo degli assassinii di mio padre, di Laura Pollán o delle bastonate, degli arresti arbitrari e della prigione politica: parlo di 11 milioni di cubani che continuano a vivere senza diritti e scappano come si scappa da una guerra. Cuba si sta dissanguando mentre Obama decolla dall’aeroporto internazionale.

 

L’ha sorpresa l’evoluzione di Raúl Castro, che ha molta più presa di Fidel?

No, è un piano totalmente elaborato dall’intelligence. Ma la comunità internazionale è anche a conoscenza del record criminale di Raúl Castro e dell’ingerenza del Governo cubano nel resto dell’America Latina. Il Venezuela sta crollando. E tutti quanti criticano il signor Maduro, ma trascurano il fatto di avere un punto d’appoggio molto forte nel governo dell’Avana.

 

Obama arriva questo fine settimana a Siviglia. Che cosa gli direbbe se lo incrociasse per un minuto?

La sua visita mi è parsa molto positiva. Per la prima volta dopo molto tempo i cubani hanno potuto ascoltare una persona libera parlare liberamente. E sono felice del fatto che Obama appoggi il diritto a decidere del popolo: che, in questi momenti di tanta negoziazione internazionale, si chieda ai cubani cosa vogliono con un plebiscito. Speriamo che finisca così e che non solo lui, ma la comunità internazionale, compresi Rajoy, Hollande, Mogherini… appoggino lo strumento del plebiscito.

 

La fine dell’embargo sta portando qualche cambiamento che lascia sperare?

Il problema dei cubani non è la politica estera degli Stati Uniti. La cosa basilare di cui una persona ha bisogno per avere il pane è la libertà di lottare per ottenerlo, perché il Governo cubano la tiene sotto sequestro da 57 anni. Aumentare le sanzioni economiche è praticamente irrilevante perché la maggior parte dei cubani non ha diritti economici. Alcuni contano sui permessi per avere delle attività, ma questo non li sostiene, ad esempio, nel costituire un’azienda con un imprenditore di Siviglia: questo può soltanto investire con il Governo cubano e con un limite del 49%, perché il regime si appropria per legge del 51%. Il blocco degli Stati Uniti era secondario. La cosa fondamentale è il blocco dei diritti e delle libertà del popolo cubano.

 

Aznar a suo tempo ha reclamato un’indagine sulla morte del padre. Ha chiesto una valutazione dell’ex presidente e anche di Mariano Rajoy.

Non sono nata né vivo in Spagna; la politica spagnola preferisco lasciarla agli spagnoli. Tuttavia, per quanto riguarda la coerenza con le libertà fondamentali, con la lotta contro l’impunità e con il rapporto di amicizia che lo univa a mio padre, Aznar è stato realmente di grandissimo sostegno. Purtroppo non posso dire lo stesso di Rajoy e del comportamento del suo Governo negli ultimi anni.

 

Ha temuto che Podemos facesse una scalata alle scorse elezioni?

Credo che sia responsabilità del popolo spagnolo scegliere i suoi leader, ma io direi ai miei amici spagnoli di fare molta attenzione a non essere parte di un piano di altri che spagnoli nemmeno lo sono.

 

Manuel María Becerro

(da ABCdesevilla, 6 luglio 2016)

Traduzione di Silvia Bertoli


Articoli correlati

  La morte di Oswaldo Payá č stata un delitto di Stato?
  Rosa Maria Payá e Orlando Luis Pardo Lazo in visita a Radio Tv Martě
  Rosa María Payá vola in Spagna e a Ginevra
  “Ci aspettano momenti difficili, ma il sistema non durerŕ ancora per molto”
  Vetrina/ Rosa María Payá Acevedo. Al padre
  Yoani a Miami-mon-amour
  Carlos Alberto Montaner. Un anno senza Fidel
  Gordiano Lupi. Musicisti uniti per la libertŕ di Cuba
  Yoani Sánchez incontra Rosa Díez, leader spagnola di Unione Progresso e Democrazia
  Cuba. A due anni dalla morte di Oswaldo Payá
  Il Partito Popolare Spagnolo sostiene la candidatura di Oswaldo Payá al Premio Nobel per la Pace
  Gordiano Lupi. La Cuba quotidiana di Domenico Vecchioni
  Breve da Cuba sull'incidente a Oswaldo Payá
  Oswaldo Payá. Adesso tocca al popolo
  Cuba. Sull'incidente che ha causato la morte di Payá e Cepero
  Oswaldo José Payá Sardińas ripropone il Progetto Varela
  Yoani Sánchez. I funerali di Payá tra arresti e sospetti
  Oswaldo Payá replica al cardinal Bertone
  Yoani Sánchez negli USA
  Antonio Stango. La blogosfera libererŕ Cuba?
  Rafael Rojas. Il falso dilemma della transizione cubana
  Dissidente cubano Antúnez ripudia riforme di Castro in una lettera di sfida
  Gordiano Lupi. Un cubano ricorda Payŕ alle Olimpiadi?
  Oswaldo Payá Sardińas. Per la democrazia a Cuba
  In memoria di Oswaldo Payá
  Gordiano Lupi. Il Parlamento Europeo assegna il “Premio Sakharov” al dissidente cubano Guillermo Farińas
  Yoani Sánchez. L'opposizione cubana eternamente divisa
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Un uomo di nome Payá
  “Somos Liberación”. Nasce la rivista del Movimento Cristiano di Liberazione
  Oswaldo Payá, il Gandhi cubano
  Dissidenti cubani firmano progetto unitario di lotta
  Gordiano Lupi. Muore il dissidente cubano Oswaldo Payá
  Andy Garcia: “Oswaldo Payá porta la fiaccola della libertŕ assoluta in un paese dove non esiste”
  Carlos Alberto Montaner. Appunti sul caso della morte di Oswaldo Payá
  Yoani Sánchez: Il giro del mondo in 80 giorni
  Oswaldo Payá Sardińas denuncia una campagna repressiva contro i dissidenti
  Payá (dissidente cattolico), “Via l’embargo” esiste “alternativa pacifica”
  Il cambiamento si chiama LIBERTŔ: a Cuba non č cambiato niente
  Yoani Sánchez e la morte di Payá
  Cuba. Il regime vuol presidiare le messe del Papa
  Oswaldo Payá. Adesso abbia fine la cortina di spine
  Cuba. Repressioni contro “El Camino del Pueblo”
  Oswaldo Payá: “Nessuna apertura dal Congresso del PCC”
  Oswaldo Payá: “Siamo molto vicini alla veritŕ e alla liberazione”
  Yoani Sánchez firma petizione per la democrazia a Cuba
  Oswaldo Payá. Cronaca di un ricatto
  Carlos Amel Oliva: “Voglio dare la mia vita per una Cuba diversa”
  Massimo Campo. L'universo della dissidenza
  Notizie da una Cuba in movimento
  Il Papa a Cuba tra ipocrisia e repressione
  Pier Ferdinando Casini invita a Roma la vedova di Oswaldo Payá
  Oswaldo Payá e Yoani Sánchez candidati al Nobel per la Pace
  Cuba. In libertŕ alcuni prigionieri politici
  L'Avana. Le Damas de Blanco sfilano lungo la 5Ş Avenida
  Oswaldo Payá rilancia il Progetto Heredia
  La veritŕ su Cuba
  La Polizia cubana confisca la sede della rivista indipendente “Convivencia”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy