Giovedì , 27 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Discorso introduttivo di Raúl Castro 
Comincia il sesto Congresso del Partito comunista cubano
18 Aprile 2011
 

Comincia il Sesto Congresso del PCC con un’immensa sfilata mentre le prime parole della giornata alludono a “chi sta cercando di distruggere la Rivoluzione”. Hanno proprio tanta paura! In compenso spendono un occhio della testa per organizzare la parata militare di apertura, cifre a sei zeri che pagheremo noi, stringendo la cinghia ancor più di quanto siamo abituati a fare. Organizzeranno una sfilata come questa anche per il primo maggio? Quando tutto termina la città è stremata e noi tiriamo un sospiro di sollievo, perché possiamo riposare le orecchie dopo tanto frastuono di mezzi corazzati e rombi di aerei. Non ci resta che ascoltare le parole degli oratori del Congresso, mentre continuo a pensare alla frase di Francis Sanchez: “La società cubana è sempre in stato di assedio, stremata da squilli di tromba che annunciano la guerra”.

Raúl Castro inaugura i lavori del Congresso: «I provvedimenti che prenderemo in questa sede impiegheranno almeno 5 anni per diventare effettivi». Propone subito di creare una commissione permanente del Congresso per supervisionare l’attuazione delle linee guida. Proprio quel che ci voleva, un altro gruppo di potere! Aggiunge: «Tutto è stato detto in questa Rivoluzione». Forse siamo noi a non capire, forse abbiamo esaurito l’abbecedario. Altra frase importante: «Mi vergogno perché sono state dimenticate e sono rimaste incompiute le riforme decise nel corso dei precedenti congressi». Annuncia pure che la conferenza nazionale del PCC avrà luogo alla fine del 2012. Bene, un modo come un altro per prendere tempo. Non comprende che dovremmo fare in fretta per dare impulso a un vero cambiamento.

Nel discorso di oggi non scorgo alcuna critica nei confronti della gestione di Fidel Castro, pare che i problemi siano stati creati solo dai burocrati, unici colpevoli del fallimento. In ogni caso Raúl parla molto del passato e poco del futuro. Non è confortante. Digito su Twitter come un’invasata. Voglio commentare in diretta il discorso del Presidente. «Non abbiamo un numero adeguato di sostituti preparati a gestire la Nazione». Saturno confessa in pubblico che si è divorato i propri figli. Raúl aggiunge che «non possono più esserci rielezioni a tempo indeterminato per le massime cariche della Nazione, ma d’ora in poi si potranno ottenere solo due mandati della durata di 5 anni». Il Presidente ha preso ufficialmente il potere nel febbraio del 2008, quindi secondo la nuova normativa non potrà più governare dopo il 2018. In futuro, quindi, non esisteranno più i leader storici? Ci avevano detto che il Congresso avrebbe affrontato solo temi economici, invece vedo che vengono toccati anche argomenti politici. Raúl Castro aggiunge che «verrà eliminata la tessera del razionamento alimentare, perché è ora di finirla con l’egualitarismo e lo Stato non può provvedere ai bisogni di tutti». Sarà possibile vendere case e automobili, verranno incentivate le concessioni di terre in usufrutto ai contadini, saranno ampliate le sfere di competenza per i lavoratori privati.

In ogni caso non si spende neppure una parola per dire che si sta progettando una Nazione pluralista capace di riunire tutte le idee possibili, senza fenomeni di intolleranza politica e atti di ripudio. In questo discorso non noto alcun segnale di cambiamento, perché si parla della dissidenza con il solito disprezzo, con un linguaggio ricco di insulti che punta a demonizzare. Inoltre il presidente afferma che il processo di liberazione dei prigionieri politici è terminato. Non mi sembrava. Raúl Castro conclude: «Non possiamo negare al popolo il diritto di difendere la loro Rivoluzione». Tradotto significa: via libera al ripudio pubblico dei non conformi. Il discorso di apertura del Sesto Congresso del PCC dura ben due ore e viene pronunciato da un Raúl Castro in guayabera bianca, ma termina con una frase carica di intolleranza. Si dia inizio ai lavori e - viste le premesse - che tutto cambi perché niente cambi.

 

Yoani Sánchez, 17/04/11

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Elizardo e Yoani non credono nel “ritiro” di Fidel Castro
  Cineasta cubano reclama il diritto a manifestazioni e scioperi
  Oswaldo Payá. Adesso tocca al popolo
  “Scusate il mio scetticismo...” Ma Y. Sánchez non rinuncia al “dibattito precongressuale”
  Oswaldo Payá: “Nessuna apertura dal Congresso del PCC”
  Raúl Castro convoca per aprile 2011 il 6° Congresso del PCC
  Generación Y. Ragioni civiche 2
  Carlos Alberto Montaner. La Cuba di Raúl Castro: il lato peggiore dei due mondi
  Yoani Sánchez e i primi messaggi del 2011
  I poveri, la tessera del razionamento e il lavoro privato
  Santana e Garrincha. Umorismo sull'ultimo congresso Pcc
  Garrincha. Apre i lavori il Sesto congresso del Partito comunista cubano
  Claudia Cadelo. Questi bizzarri lineamenti
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez e il futuro di Cuba
  “Vediamo, vediamo... Vediamo se indovini dov'è il cambiamento che tu vorresti... Vediamo...” (Garrincha su “Radio Martì”)
  Yoani Sánchez. La grande casa e il paese
  A Cuba si prepara il corteo del Primo Maggio
  A. Torreguitart Ruiz. Largo ai giovani!
  Yoani Sánchez. Cronaca da Cuba: dopo 13 anni si terrà un Congresso del Partito Comunista Cubano
  Gordiano Lupi. Cuba: Presto liberi gli ultimi prigionieri politici
  I risultati del Congresso del Partito comunista cubano
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy