Martedì , 22 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Nuove licenze, lavoro privato e vecchi mestieri 
Raúl Rivero: “Il governo vuole riscuotere imposte e far ricadere sui privati le sue responsabilità”
(da
(da 'El Nuevo Herald') 
03 Ottobre 2010
 

Raúl Rivero, poeta e giornalista esiliato in Spagna, è un commentatore politico che analizza con lungimiranza il problema delle liberalizzazioni economiche concesse dal governo castrista.

«Le autorizzazioni a esercitare 178 mestieri prima proibiti dalle leggi cubane risolvono due problemi al governo. Prima di tutto tolgono dalla clandestinità migliaia di persone che da tempo vivevano grazie ad attività private. Da oggi questi cittadini cominceranno a pagare le tasse sul loro lavoro, mentre prima non lo facevano. In secondo luogo trasferiscono ai privati la responsabilità della miseria e delle mancanze che asfissiano la cittadinanza» (El Nuevo Herald, 03/10/10).

I nuovi lavori autorizzati sembrano prelevati da manuali ottocenteschi di storia delle attività produttive e non sono certo mestieri moderni capaci di risolvere i molteplici problemi economici. In certi casi l’elenco dei lavori privati ridonda di parole e di espressioni da anni cadute in disuso. Troviamo limpiabotas (lustrascarpe o sciuscià, che dir si voglia), criadas (serve di casa), forradores de botones (rivestitori di bottoni), reparadores de colchones (restauratori di materassi)… Da ora in poi sarà responsabilità individuale se le cose non funzioneranno, se non sarà possibile mettere insieme il pranzo con la cena non si potrà colpevolizzare lo Stato - che ha liberalizzato, cos’altro dovrebbe fare? - ma chi non sa sfruttare le opportunità. Nell’elenco dei liberi lavori privati spiccano mestieri come arrotino, riparatore di strumenti musicali, pulitore di scarpe… ecco le grandi opportunità concesse dal governo di Raúl Castro!

La stampa e la televisione sono al servizio dello Stato, quindi sarà impossibile leggere proteste e ascoltare liberi dibattiti, così come il sindacato è espressione del governo e non rappresenta le istanze dei lavoratori. La sola cosa vera è che mezzo milione di lavoratori statali finiranno per strada, senza sapere cosa fare, privi non tanto del magro stipendio quanto delle opportunità illecite legate al lavoro, vero fulcro dell’economia cubana insieme alle rimesse degli emigranti. Le uniche possibilità lavorative per i cubani sono legate al turismo: piccolo artigianato, licenze per affittare case e camere, apertura di ristoranti familiari, piccoli bar e strutture da spiaggia dove si confezionano panini e si vendono bibite. Tutte queste attività, in passato, sono state rese difficili da una tassazione spropositata agli effettivi guadagni, per impedire - parole di Fidel - che si formasse una casta di nuovi ricchi.

Raúl Rivero ritiene che la liberazione-deportazione di 36 prigionieri politici e queste pseudo aperture economiche siano poca cosa per pretendere che venga modificata la posizione comune europea nei confronti di Cuba. Condividiamo le sue parole e attendiamo ulteriori passi in avanti da parte del governo di Cuba. Non può bastare un astuto meccanismo per far pagare le imposte ai piccoli imprenditori che da anni lavorano in nero per modificare la nostra opinione nei confronti di una dittatura. I veri cambiamenti che i cubani attendono riguardano la libertà di movimento (eliminazione del permesso di uscita e di entrata), il sistema monetario (eliminazione della doppia moneta e valore reale degli stipendi), la libertà di espressione del pensiero e un sistema elettorale su base democratica. Non è poco.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Radio Martì. Uno sguardo sulla piccola impresa cubana
  Gordiano Lupi. Jeffrey Goldberg risponde a Fidel: “Nessun malinteso!”
  Cuba autorizza la compravendita di auto
  Garrincha. Le riforme di Raúl
  Leonardo Padura Fuentes: “La mia generazione non è pronta per il cambiamento”
  Il governo cubano autorizza i contadini a vendere i loro prodotti
  Timoteo. Sulla situazione cubana
  A Cuba cominciano i licenziamenti
  Il lavoro privato secondo Raul Castro
  Gordiano Lupi. Le innovazioni del sistema cubano
  Raúl Castro: misure capitaliste per salvare il comunismo
  A Cuba si potranno comprare e vendere case
  I poveri, la tessera del razionamento e il lavoro privato
  Gordiano Lupi. Il Governo cubano autorizza la vendita di elettrodomestici ad alto consumo
  Cuba impone imposte molto alte per i lavoratori privati
  L’esplosione del “cuentapropismo” cubano
  Cuba va verso il capitalismo?
  Yoani Sánchez, Alejandro Torreguitart, Fidel Castro e il modello cubano
  “Vede dottore? La Rivoluzione non abbandona nessuno!" (da 'El Nuevo Herald', giovedì 7 ottobre 2010)
  Gordiano Lupi. Cuba: ora in commercio anche auto nuove
  Garrincha. Benvenuti, compagni vermi!
  Yoani Sánchez. La rinascita dei sapori
  Gordiano Lupi. Obama critica le riforme cubane
  Iván García. Riforme a Cuba: tra speculazione e problemi
  Gordiano Lupi. Burocrazia e corruzione: i mali endemici del sistema cubano
  “Ma la guerra nucleare non cominciava ieri?”
  Vignetta sulle 'privatizzazioni' (magiche) cubane
  Garrincha, Jardim, Santana: Le prime vignette del 2014
  Cuba riduce le imposte e amplia i paladares per stimolare nuovi negozi privati
  Vignetta sul “modello cubano” che non funziona (più)
  Garrincha. Burocrazia e Rivoluzione
  Gordiano Lupi. Strane manovre per salvare il socialismo
  Un socialismo dal volto capitalista
  Gordiano Lupi. Riforme cubane e capitalismo di stato
  Claudia Cadelo e il modello cubano
  Claudia Cadelo. Licenziamenti e privatizzazioni
  Prima di tutto l’economia
  Cuba: Nuove normativa per i lavoratori indipendenti
  Yoani Sánchez. Cuba aumenta le tariffe doganali
  Cuba. Elezioni farsa mentre 34 prigionieri di coscienza stanno sull'orlo della morte
  Entrevista a William Navarrete, a propósito de la publicación en Italia de "Versi tra le sbarre"
  Raúl Rivero. Cuba: mano aperta, pugno chiuso
  Letteratura e censura a Cuba
  Arrivano i dissidenti cubani
  Gordiano Lupi. A Cuba non si legge e non si scrive poesia
  Roberto Ferranti. Para ellos para todos
  Aldabonazo en Trocadero 162
  L'ostilità “incomprensibile” di Lupi “contro” Cuba e Fidel Castro
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 5 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy