Domenica , 24 Marzo 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Manuale Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Il Bacio” di Francesco Hayez. Risposta a Gloria Marini da parte di Anna Lanzetta
Hayez: Il bacio
Hayez: Il bacio 
29 Maggio 2008
 

Apprezzo molto questi percorsi che proponete, sono utilissimi, per una mia lezione, vorrei sapere qualcosa sul dipinto di Hayez "Il bacio" (Commento di Gloria Marini del 28/05/2008)

 

L’opera è un olio su tela di 112 x 88 cm, realizzato da   Hayez nel 1859 e conservato a Milano nella Pinacoteca di Brera. L’opera, presentata da  Hayez (Venezia, 1791 - Milano, 1882) a Brera, all’esposizione annuale del 1859, fa discutere per il tema che propone e per il suo intrinseco significato dato che si presta a varie interpretazioni.

Il pittore rappresenta due giovani che si scambiano un bacio appassionato. Il luogo è spoglio e imprecisato, forse l’atrio di un castello. L’ambientazione medievale, suggerita anche dai costumi dei protagonisti del secolo XIV: la calzamaglia rossa del giovane, scarpe appuntite e pugnale al fianco, rispecchia un gusto ricorrente in tutta la pittura italiana del primo ottocento. La raffigurazione puramente sentimentale potrebbe richiamare i protagonisti di un romanzo medievale:il giovane coperto da un ampio mantello marrone, attira a sé il volto della fanciulla. La scena molto romantica riporta alla lettura di amori medievali. Il giovane  raffigurato nell’atto di partire dimostra una certa fretta nel farlo, forse per timore, per paura di ciò che gli potrebbe accadere, come lasciano presagire le ombre che appena si intravedono dietro al muro, nella parte sinistra del quadro. Il piede sinistro poggiato sul gradino, fa emergere un pugnale; è forse un cospiratore? Impossibile scorgerne il volto, coperto dal cappello piumato.

La giovane, dal profilo dolce e delicato, risponde al bacio con passione e si stringe all’amato per paura di perderlo. Ma perché tale raffigurazione? Forse per rispetto delle rigorose convenzioni che dominano l’arte fin dopo la metà dell’Ottocento, che facevano apparire sconveniente una scena d’amore in età contemporanea o la scena nascondeva un altro significato?  Amico di Manzoni, anche Hayez avvertiva il bisogno di interporre tra l’opera e il pubblico, la Storia, come  presa di coscienza della situazione politica contemporanea e camuffava il presente, come Manzoni per il romanzo I promessi sposi ambientando i temi in epoche passate per non esporsi a eventuali soprusi.

La scena ci riporta  al Melodramma, al quale Hayez fu molto vicino, infatti fu anche scenografo di Giuseppe Verdi. È interessante vedere come la Arti in quel periodo interagissero fra loro affinché più efficace risultasse il messaggio da dare al popolo in un sincretismo tra Arte, Musica e Letteratura. Appare dunque chiaro che “Il Bacio” assume nel contesto romantico-risorgimentale, un preciso significato politico: «il sentimento dell’ “Amor patrio”».

Pertanto la scelta dei colori non è casuale: il bianco della veste, il rosso della calzamaglia, il verde del cappello e del risvolto del mantello e l’azzurro dell’abito della donna vogliono rappresentare l’alleanza avvenuta tra l’Italia e la Francia (accordi di Plombierès). Il quadro fu presentato infatti nel 1859, a soli tre mesi dall'ingresso di Vittorio Emanuele II e Napoleone III a Milano.

Il quadro assume in tale contesto, un significato allegorico-politico che colpì molto il pubblico contemporaneo, diventando il simbolo della giovane nazione italiana.

 

(E. Bernini, R. Rota, A regola d’arte 4.dal Seicento all’Ottocento, Editori Laterza)

 

                                                                                               

 


Articoli correlati

  Il Signore degli anelli, Harry Potter, Il cavaliere inesistente, La tempesta...
  Rigoletto: Storia tragica di un buffone di corte.
  Anna Lanzetta: “Romanzo storico e pittura di storia”. Arte per gli istituti tecnici 3
  Domanda ad Anna Lanzetta sul dipinto di Fattori: "Il campo italiano dopo la battaglia di Magenta"
  Romanzo storico e pittura di storia (5). Visita alla Galleria d’Arte Moderna Firenze
  “Romanzo storico e pittura di storia”. “Massimo D’Azeglio e Ippolito Nievo”. Arte per gli istituti tecnici 4
  Il Fantastico nell’epica classica 1
  Anna Lanzetta: Pittura di Storia. Prima parte: Contesto storico-culturale
  Giovanni Pascoli, Edvard Munch e la tragedia umana. A cura di Anna Lanzetta
  Il fantastico mondo del re degli Elfi
  Anna Lanzetta: Klimt e D’Annunzio
  Anna Lanzetta: Pittura di Storia con Hayez romantico
  Il Fantastico. L’esempio del “Codice antico” con Kandinskij
  I poemi di Ossian: Daura e Arindal
  Il Fantastico nell’epica classica 2
  Romeo e Giulietta. Dalla lettura alla ri-scrittura degli studenti
  Dalla lettura alla scrittura: Il morso eterno di Dracula
  Il Fantastico in musica. Anna Lanzetta e gli studenti dell'ITIS "A. Meucci" di Firenze
  “Romanzo storico e pittura di storia”. Arte per gli istituti tecnici 2.
  Anna Lanzetta: “Romanzo storico e pittura di storia”. Arte per gli istituti tecnici 1
  Ambra Banelli: su “Il Sublime”. Arte per gli istituti tecnici
  Anna Lanzetta: La pittura come cronaca: “La zattera della Medusa”
  Anna Lanzetta: Elementi del Neoclassicismo in Canova, David e Gros
  Anna Lanzetta: Il Sublime. Arte per gli istituti tecnici (Parte Seconda)
  Anna Lanzetta: Il diritto all’Arte per gli studenti degli istituti tecnici.
  Anna Lanzetta: il caso a parte di Francisco Goya
  La professoressa Anna: studentesse e colleghe: Mary, Ambra, Laura, Elena, Lucia.
  Anna Lanzetta: La Scrittura creativa nella didattica
  Ambra Banelli: Quando partecipai al percorso didattico sul “Sublime”.
  Anna Lanzetta: Il “Sublime”. Arte per gli istituti tecnici (Parte Prima)
 
Opere correlate

 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 6 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy