Domenica , 05 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L’Italia s’è desta. Stampa satirica, storia iconografica dell’Unità d’Italia 
Al Museo di Roma in Trastevere dal 20 settembre la mostra curata da Fabio Santilli
17 Settembre 2011
 

L’ITALIA S’È DESTA

la stampa satirica

per una storia iconografica dell’Unità d’Italia

dalla Repubblica romana a Roma Capitale

 

Inaugurazione martedì 20 settembre 2011

(ingresso fino alle ore 19:30)

Museo di Roma in Trastevere

Piazza Sant’Egidio 1/b, Roma

L’inaugurazione della mostra sarà preceduta,

alle ore 17:30, da una conferenza di presentazione

presso la Sala Multimediale del Museo di Roma in Trastevere

 

Interverranno:

Paolo MASINI Membro della Commissione Cultura di Roma Capitale

Simonetta BUTTÒ Direttore Biblioteca di storia moderna e contemporanea

MELANTON Disegnatore e storico della caricatura satirica

Fabio SANTILLI Presidente del Centro Studi Galantara, curatore della mostra

 

 

Una mostra particolarmente interessante per la storia del Risorgimento ma anche per la storia del giornalismo e della caricatura satirica quella che si inaugurerà il 20 settembre alle ore 17:30, al Museo di Roma in Trastevere.

Promossa dall’Assessorato alle Politiche culturali e Centro storico di Roma Capitale-Sovraintendenza ai Beni Culturali di Roma Capitale, ideata dal Centro Studi Gabriele Galantara di Montelupone (un piccolo centro delle Marche che ha dato i natali a Gabriele Galantara, il padre indiscusso della caricatura satirica italiana), curata da Fabio Santilli che ne è il presidente, con il sostegno della Regione Marche e della Provincia di Macerata, la mostra si inquadra nelle attività celebrative per la ricorrenza del 150° dell’Unità d’Italia, intendendo fornire una lettura storico-iconografica dei fatti risorgimentali mediante l’interpretazione che ne fecero i più autorevoli illustratori italiani dell’arte satirica i quali esprimevano, con arte, professionalità e creatività, la propria attività nei quotidiani e nei periodici del tempo.

Difatti la storia degli avvenimenti salienti del Risorgimento italiano che portarono all’Unità della nazione sarebbe impossibile leggerla, raccontarla, illustrarla, o spiegarla alle generazioni presenti e future, senza l’uso delle migliaia di caricature satiriche realizzate da alcune decine di straordinari artisti, polemici, combattivi, graffianti come la loro arte esigeva. In effetti le illustrazioni della stampa satirica sono le uniche fonti iconografiche realizzate in contemporanea (quasi quotidianamente) agli eventi risorgimentali.

Occorre precisare che in quei tempi il disegnatore satirico era equiparato a tutti gli effetti ad un giornalista che forniva la sua versione dei fatti con la matita anziché con la parola scritta. Una sintesi tanto più efficace solo in parte spiegabile dal diffuso analfabetismo; in effetti era lo strumento stesso della sintesi grafica, critica e immediata, a coinvolgere ampi strati della popolazione.

In Italia l’autentica “esplosione” della stampa satirica avviene nel fatidico anno della “Primavera dei Popoli”, il 1848. Nella Napoli del tempo, certamente grande capitale europea del XIX secolo, il 18 marzo nasce infatti L’Arlecchino sulla spinta dei moti popolari esplosi in Sicilia il 12 gennaio di quello stesso anno e propagatisi velocemente nei maggiori centri del Regno delle due Sicilie imponendo a Ferdinando II (futuro “Re Bomba”) la concessione del primo Statuto.

Dopo quel primo giornale napoletano ne fiorirono in brevissimo tempo tanti altri, man mano che la concessione dello statuto veniva estesa agli altri stati italiani, portando con sé l’annullamento della censura preventiva e il principio della responsabilità dei gerenti e dei singoli giornalisti.

Nasceranno così le testate che hanno contrassegnato la narrazione della storia attraverso la satira; a Roma Il Don Pirlone (primo giornale audacemente proteso a combattere il potere temporale dei papi), il Cassandrino (viceversa fortemente conservatore e clericale) e Er Rugantino. A Milano Lo spirito folletto, nato sulle barricate delle “Cinque giornate” e qualche anno dopo L’Uomo di Pietra. A Firenze Il lampione (tra i fondatori figura quel Carlo Lorenzini che, con lo pseudonimo di Collodi, diventerà famoso per le sue Avventure di un burattino). A Torino Il fischietto (da considerarsi tra i più importanti dell’epoca, per l’impostazione grafica e i vigorosi contenuti, magistralmente espressi dalle ottime caricature di Redenti, Virginio, Teja e di altre “grandi firme”). A Genova La strega, particolarmente spietato e per questo attaccato tanto dai progressisti quanto dai conservatori. E può valere la pena riflettere sul motivo per cui lo stesso Cavour fu l’ispiratore del torinese Pasquino, fondato nel 1856 e pubblicato ininterrottamente fino al 1930 divenendo in breve tempo il prototipo dei giornali satirico-umoristici italiani. Ciò si spiega proprio dal fatto che quei giornali facevano informazione esattamente come gli altri, ma usando una metodologia comunicativa di nuova generazione.

Il risultato è che, anche ai giorni nostri, qualunque libro di storia sul Risorgimento italiano non può evitare di riportare le illustrazioni satiriche di quei giornali che hanno documentato tanto il “comune sentire” di quell’Italia che anelava all’unificazione, quanto a quell’altra, che invece accusava i libertari unitari di essere non patrioti, ma piuttosto sovvertitori dell’ordine, ribelli, senza Dio e massoni al servizio del caos.

 

La mostra è corredata da un libro-catalogo di 272 pagine (form. 23x27), con la prefazione di Giovanni Sabatucci, che costituisce anche il primo volume della storia d’Italia attraverso 150 anni di illustrazioni satiriche.

La mostra rimarrà aperta al pubblico sino al prossimo 9 ottobre con il seguente orario: da martedì a domenica ore 10:00 - 20:00.

Il biglietto di € 5,50 (ridotto € 4,50) dà diritto a visionare anche le altre esposizioni presenti nel museo.


CENTRO STUDI GABRIELE GALANTARA
PER LA SATIRA SOCIALE E DI COSTUME

Piazza del Comune 1 - 62010 Montelupone (MC) tel. 0733 2249317

Sede Roma: Viale Giuseppe Mazzini 113, 00195 ROMA, tel. 06 39729800

centrostudi@galantara.itwww.galantara.it


Articoli correlati

  Arvangia. Sarte contadine dell'Italia unita
  Famiglia Valtellinese di Roma. Conferenza di Garbellini “Risorgimento e unità d'Italia”
  Gigi Fioravanti. Lettera al vento
  Carrara. Le interviste risorgimentali di Paolo Pratali
  Giovanna Corradini. Intorno alla mafia, prima e dopo l'unità
  Archivio antifascista. Benigni e Fratelli d'Italia, dubbi su una lezione di Storia
  Alessandra Borsetti Venier: “Addio, mia bella, addio…” il libro di Anna Lanzetta
  Ferrara. Il Risorgimento a Palazzo Paradiso
  Addio mia bella addio. Gioventù, passione, amicizia e onore nel Risorgimento comasco
  Risorgimento: questioni aperte
  Marco Lombardi. L'inganno del Governo sul 17 marzo 2011
  Laura Tussi. 1861-2011 Unità (militare) d’Italia
  Amici Biblioteca Sondrio: Arti in Valtellina tra Risorgimento e unità nazionale
  Spot/ Se peregrina voglia...
  Sergio Caivano. La battaglia di Buglio in Monte (16 giugno 1944)
  V. Donvito e A. Gallucci / Giorgio Gaber. Io non mi sento italiano
  Rosangela Pesenti. A Cortenuova (BG), se non ora quando?
  Momenti della riflessione filosofica e pedagogica italiana nell’età risorgimentale
  Vetrina/ Ezio Maifrè. L'amor di Patria e di paese
  Alberto Figliolia. Io da cosmopolita festeggerò il 150°
  Nemo. Centocinquant'anni…
  Premi e concorsi/ A Macerata e Caldarola le giornate conclusive del Premio Rabelais 2011
 
Opere correlate

 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy