Martedì , 09 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Ivana Cenci. Albert Camus, Né vittime Né carnefici - 6. 
IL MONDO VA VELOCE (Ni victimes Ni bourreaux, 1946)
15 Febbraio 2011
 

È evidente per tutti che il pensiero politico si trova sempre più sorpassato dagli eventi. I Francesi, per esempio, hanno iniziato la guerra del 1914 con i mezzi della guerra del 1870 e la guerra del 1939 con i mezzi del 1918. Ma anche il pensiero anacronistico non è una specialità francese. Basterà qui sottolineare che, praticamente, le grandi politiche odierne pretendono di stabilire lavvenire del mondo servendosi di principi concepiti nel XVIII secolo per quanto riguarda il liberalismo capitalista, e nel XIX per quanto riguarda il socialismo, detto scientifico. Nel primo caso, un pensiero nato nei primi anni dellindustrialismo moderno e, nel secondo caso,una dottrina contemporanea dellevoluzionismo darwiniano e dellottimismo renano si propongono di mettere in equazione lepoca della bomba atomica, dei bruschi cambiamenti e del nichilismo. Niente potrebbe illustrare meglio la sfaldatura sempre più disastrosa che si apre fra il pensiero politico e la realtà storica.

Beninteso, il pensiero è sempre in ritardo rispetto al mondo. La storia corre mentre il pensiero medita. Ma questo ritardo inevitabile diventa oggi sempre più grande in proporzione allaccelerazione storica. Il mondo è cambiato molto di più nel corso degli ultimi cinquantanni di quanto non avesse fatto prima in duecento anni. E vediamo ancora adesso la gente accanirsi a risolvere problemi di frontiere quando tutti i popoli sanno che le frontiere oggi sono astratte. È ancora il principio delle nazionalità che è parso prevalere alla Conferenza dei Ventuno.*

Dobbiamo tener conto di questo nella nostra analisi della realtà storica.

Noi imperniamo oggi le nostre riflessioni sul problema tedesco, che è un problema secondario paragonato allo scontro di poteri che ci minaccia. Ma se, domani, concepissimo delle soluzioni internazionali in funzione del problema russo-americano, rischieremmo di vederci ancora una volta sorpassati. Lo scontro di poteri è già in procinto di passare in secondo piano rispetto allo scontro delle civiltà. Da ogni parte, in effetti, le civiltà colonizzate fanno sentire la loro voce. Fra dieci anni, fra cinquantanni, sarà la preminenza della civiltà occidentale ad essere rimessa in questione. Tanto vale quindi pensarci subito e aprire il Parlamento mondiale a queste civiltà, affinché la sua legge diventi veramente universale, e universale lordine che essa sancisce.

I problemi posti attualmente dal diritto di veto sono falsati perché le maggioranze o le minoranze che si oppongono allO.N.U. sono false. LU.R.S.S. avrà sempre il diritto di rifiutare la legge della maggioranza fintantoché questa sarà una maggioranza di ministri, e non una maggioranza di popoli rappresentati dai loro delegati e fintantoché tutti i popoli non vi saranno equamente rappresentati. Il giorno in cui questa maggioranza avrà un senso, bisognerà che ciascuno le obbedisca o rifiuti la sua legge, ovverossia dichiari apertamente la propria volontà di dominio.

Allo stesso modo, se teniamo sempre presente questa accelerazione del mondo, corriamo il rischio di trovare il modo corretto di porre il problema economico attuale. Nel 1930, non si considerava più il problema del socialismo come si faceva nel 1848. Allabolizione della proprietà era succeduta la strategia della messa in comune dei mezzi di produzione. E questa strategia, in effetti, oltre a regolamentare nello stesso tempo il destino della proprietà, teneva conto della scala più vasta su cui si poneva il problema economico. Ma, dal 1930, questa scala si è ulteriormente estesa. E, così come la soluzione politica sarà internazionale, o non ci sarà affatto, così la soluzione economica deve riguardare innanzitutto i mezzi di produzione internazionali: petrolio, carbone e uranio. Se collettivizzazione deve esserci, essa deve concernere le risorse indispensabili a tutti e che, in effetti, non devono essere appannaggio di nessuno. Il resto, tutto il resto, rientra nel campo del discorso elettorale.

Queste prospettive sono utopistiche agli occhi di qualcuno, ma per tutti coloro che rifiutano di accettare leventualità di una guerra è opportuno sostenere e difendere questo insieme di principi senza alcuna riserva. Quanto a conoscere i percorsi che possono avvicinarci ad una simile concezione, essi non sono immaginabili senza lincontro tra i socialisti di ieri e gli uomini di oggi, solitari nei disparati luoghi del mondo.

È possibile in ogni caso rispondere ancora una volta, e per tutte, allaccusa di utopia. Perché, per noi, la cosa è semplice: sarà lutopia o la guerra, come ce la preparano sistemi di pensiero sorpassati. Il mondo ha facoltà di scelta oggi fra il pensiero politico anacronistico e il pensiero utopistico. Il pensiero anacronistico è sul punto di ucciderci. Per quanto diffidenti siamo (e io sia), il senso di realtà ci obbliga quindi a ritornare verso questa utopia relativa. Quando essa sarà entrata a far parte della Storia, come molte altre utopie dello stesso genere, gli uomini non immagineranno più altre realtà. Tanto è vero che la Storia non è altro che lo sforzo disperato degli uomini per dare corpo ai loro più chiaroveggenti sogni.

 

 

* La conferenza dei 21 Stati vittoriosi tenutasi a Parigi, al Palazzo del Louxembourg, il 29 luglio 1946, doveva fissare le frontiere dei paesi alleati della Germania: Italia, Romania, Bulgaria, Ungheria, etc.

 

Albert Camus, Ni victimes Ni bourreaux (in Combat, nov. 1946)

Traduzione di Ivana Cenci

(6 di 8 – La pubblicazione in Tf proseguirà, regolarmente e con continuità, ogni martedì)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy