Venerdì , 06 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. Mario Vargas Llosa riceve il Nobel per la Letteratura
07 Ottobre 2010
 

Lo scrittore peruviano Mario Vargas Llosa, ha ricevuto oggi - giovedì 7 ottobre – il Premio Nobel per la Letteratura assegnato come ogni anno dall'Accademia Svedese «per la sua descrizione precisa delle strutture del potere e per le incisive immagini che raccontano resistenza individuale, rivolta e sconfitta», come ha detto il segretario dell'Accademia, Peter Englund.

 

Quando è avvenuta la proclamazione lo scrittore era a New York. Il prossimo 10 dicembre riceverà il Premio a Stoccolma, dalle mani del re di Svezia. La Casa Editrice Alfaguara sta per pubblicare il suo nuovo romanzo, El sueño del celta, una sorta di libro-inchiesta sulla brutalità del governo di Leopoldo II di Belgio durante la colonizzazione del Congo.

L'ultimo autore di lingua spagnola ad aver ottenuto il Nobel è stato il messicano Octavio Paz (1990), prima ancora era stato premiato lo spagnolo Camilo José Cela (1989). Nello stesso anno in cui vinse Paz, Vargas Llosa si era immerso anima e corpo nell'avventura politica che lo portò a candidarsi alla presidenza del Perù. La cronaca romanzata di quel periodo è contenuta nel famoso libro El pez en el agua (1993), tradotto in italiano come Il pesce nell'acqua.

 

Nato ad Arequipa (Perú) il 28 marzo 1936, Mario Vargas Llosa, membro della Reale Accademia di Spagna, aveva già vinto tutti i premi più importanti in lingua spagnola, dal “Cervantes” al “Príncipe de Asturias”. Dopo alcuni anni che si è sempre trovato a lottare tra i favoriti, lo scrittore peruviano si è visto assegnare un riconoscimento prestigioso che lo inserisce tra i migliori autori della letteratura latinoamericana. Tra i suoi lavori più importanti: La ciudad y los perros (1962), La casa verde (1965) e Conversación en La Catedral (1969).

 

Fidel Castro non sarà contento di questo premio, perchè Vargas Llosa ha sempre lottato per l'affermazione delle idee libertarie e per il rispetto dei diritti umani, contrastando la dittatura cubana come un regime caratterizzato dalla mancanza di libertà e dalla sistematica sopraffazione individuale.

I grandi scrittori cubani Alejo Carpentier e Guillermo Cabrera Infante non hanno fatto in tempo a fregiarsi di un premio che anche loro avrebbero meritato, ma Mario Vargas Llosa è uno scrittore ugualmente degno del riconoscimento e può farsi portavoce della riscossa dei popoli oppressi dalla tirannia del potere.

 

Gordiano Lupi

www.infol.it/lupi


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy