Giovedì , 01 Dicembre 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lotta di Liberazione per restaurare la legalità democratica 
«15 giorni per “operazione verità”; poi si può decidere per le europee». Così la mozione generale approvata dal Comitato nazionale di Radicali Italiani
Manifesto del 1997, in occasione delle elezioni amministrative a Roma
Manifesto del 1997, in occasione delle elezioni amministrative a Roma 
06 Aprile 2009
 

Si riporta integralmente il testo della mozione approvata ieri a Roma.

 

 

Il Comitato Nazionale di Radicali Italiani, riunito a Roma dal 3 al 5 Aprile 2009, udite le relazioni di Segreteria e Tesoreria, le approva.

 

Il Comitato,

individua come assolutamente necessaria al dibattito politico, elettorale e referendario la conoscenza dei connotati costitutivi e dei gravi episodi che dimostrano le responsabilità dell’attuale Regime italiano nella scomparsa della legalità costituzionale della democrazia e dello stato di diritto; ritiene che, anche in conseguenza dell’ostracismo dell’informazione, in particolare quella radio-televisiva pubblica, spetti ai Radicali il dovere di fornire la indispensabile, rigorosa documentazione indispensabile a tale opera di verità; ritiene altresì che sia giunto il momento di passare dalla fase della lunga, profonda e fortissima resistenza del popolo italiano, a quella della lotta di Liberazione per la restaurazione della legalità democratica e la conquista di una radicale riforma “americana” del Regime;


delibera pertanto

che - d’intesa e in collegamento operativo con la presidenza del Senato del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito e con gli altri soggetti politici della galassia radicale - compito militante del Movimento radicale sia quello di realizzare tale documentazione, entro al massimo 15 giorni. Questo obiettivo è urgente e preminente, e pertanto occorre prevedere e preventivare comportamenti politici conseguenti che potrebbero portare anche alla sospensione delle altre attività in cui i soggetti della galassia radicale siano oggi impegnati.

La scomparsa della legalità costituzionale di cui è responsabile l’attuale Regime partitocratico impedisce al Paese di imboccare la strada della rivoluzione liberale, della riforma “americana” presidenzialista e federalista, delle riforme laiche, ambientaliste, antinazionaliste, antipartitocratiche, anticlericali, antitotalitarie, antiproibizioniste, che costituiscono nell’essenziale gli obiettivi delle iniziative e delle lotte perseguite dal movimento radicale, dagli anni ’70 ad oggi, anche attraverso un totale di quasi cento milioni di firme autenticate raccolte in calce ad oltre 110 referendum su temi di indubbio, essenziale interesse e rilevanza che sono stati invece sistematicamente e pervicacemente silenziati dall’informazione di regime, e quindi mai divenuti oggetto di reale confronto e dibattito politico.

La documentazione relativa a questa storia costituirebbe, qualora fosse portata a conoscenza dell’opinione pubblica, il tema e l’occasione di un possibile, necessario scandalo da cui avviare una grande lotta di liberazione per l’alternativa alle attuali classi dirigenti e politiche.

La preparazione e la diffusione del documento è la precondizione necessaria delle decisioni relative alle elezioni europee - che potrebbero anche prevedere l’impegno di radicali italiani, in collaborazione con gli altri soggetti della galassia radicale, per la presentazione di liste autonome, aperte a forze e personalità liberali, laiche, socialiste, ambientaliste e federaliste europee, e contribuirà alla convocazione, subito dopo le elezioni europee, di una grande assemblea finalizzata a rilanciare obiettivi e speranze della rivoluzione liberale per la liberazione dal regime partitocratico.

 

 

Fonte: Radicali.it


Articoli correlati

  Rosario Amico Roxas. “Er più” vincente perché sconfitto
  Aldo Loris Rossi. Un decalogo per l’Europa
  Per un’Europa senza nazionalismi
  Europee. 4 liste chiedono la moltiplicazione degli spazi di informazione politica
  Tino Vittorio. Satyagraha 2009. Aderisco
  Giuseppe Candido. Europa dei Governi Nazionali o Patria europea?
  Valter Vecellio. Indovina chi non c’è, tra i candidati impresentabili e invotabili di “Micromega”?
  Enrico Peyretti. Che fare col Caimano?
  Lista Bonino-Pannella: sintesi delle proposte per l'immediato
  Valter Vecellio. La “resistenza” non è una metafora
  I radicali presentano il documento su “La peste italiana”
  Il succo di frutta di Pannella
  Lidia Menapace. Mi spiace che non ce l'abbiamo fatta
  Chiusura della campagna elettorale della Lista Bonino-Pannella a Milano
  Lista Bonino-Pannella. Un appello (impegnativo) per la partecipazione alla campagna elettorale
  Calendarizzato voto agli intrasportabili
  Valter Vecellio. Lettera aperta al direttore de “L’Espresso” Hamaui
  “Per una nuova Liberazione: dal sessantennio partitocratico ora, come dal ventennio fascista allora!”
  Tre appuntamenti per un giorno. Prossime iniziative radicali a Milano
  Primo Mastrantoni. Europa. Che fare?
  Stati Uniti d’Europa subito!
  Decine i personaggi che annunciano il loro voto radicale e, dei radicali, puntualmente subiscono la sorte: silenziati
  Rita Bernardini. “Con questo voto si onora il Parlamento”
  Pier Paolo Segneri. Pannella vuole radunare ciò che è sparso e spartire ciò che è stato radunato
  Rosangela Pesenti. Stare dentro o chiamarsi fuori: perché ho scelto di candidarmi nel PRC
  Valter Vecellio. Più che la festa di Casoria a inquietare è che “papi” dilaghi in Europa
  Emma Bonino inizia l'occupazione degli studi Rai
  Valter Vecellio. Regime: Berlusconi è il prodotto ultimo di un processo che viene da lontano
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 66.4%
NO
 33.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy