Giovedì , 18 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Stato attuale delle forme e dei gruppi armati in Iraq” 
Conferenza organizzata da “Non c’è Pace Senza Giustizia” e “International Alliance for Justice”
08 Novembre 2008
 

L’associazione radicale Non C’è Pace Senza Giustizia e l’International Alliance for Justice (IAJ) stanno organizzando una Conferenza sullo “Stato delle Forze e dei Gruppi Armati in Iraq”, che si terrà a Dokan, nel Kurdistan iracheno, il 9 e 10 novembre del 2008.

La conferenza è uno degli eventi organizzati da NPSG e IAJ col supporto del Ministero italiano degli Affari Esteri, in cui policy-makers iracheni discuteranno l’attribuzione delle competenze tra le amministrazioni federali, regionali e provinciali, in modo da promuovere uno spazio di dialogo che si avvalga dell’esperienza dei paesi federali e di analoghe esperienze di paesi che escono da situazioni di conflitto o da regimi autoritari.

 

L’obiettivo della Conferenza è di facilitare un dibattito profondo tra i maggiori attori politici iracheni sulle opzioni e le condizioni da creare per la smobilitazione delle milizie e degli eserciti privati e per il loro eventuale assorbimento o integrazione in un esercito iracheno composito, che includa i Corpi Regionali, come forza pluralista e inclusiva, e che risponda ai principi della Costituzione Federale Irachena rispettando le diversità dei cittadini e le loro diverse origini.

La frammentazione dei gruppi armati basata su linee politiche e la militarizzazione della società rappresenta una vera sfida per la stabilità politica e la sicurezza del paese. Anche qualora diversi gruppi armati si integreranno completamente o parzialmente, rimarrà l’eventualità che questi mantengano i loro legami precedenti di fedeltà ad un gruppo specifico, che potrebbero riemergere in un momento di conflitto. La conferenza esaminerà dunque la situazione del dibattito politico corrente e il corrente dispiegamento delle forze impiegate nel settore della sicurezza sul campo, e affronterà temi quali il ruolo delle forze armate nelle amministrazioni federali e regionali, prendendo in considerazione inoltre le esperienze internazionali già avuto in questi campi.

 

Fra i partecipanti vi saranno i Vice-Presidenti e membri di entrambi il Parlamento Iracheno e l’Assemblea Nazionale del Kurdistan, leader politici e rappresentanti di istituzioni nazionali e regionali irachene, prendendo in considerazione la più vasta rappresentanza politica, geografica e comunitaria. Esperti non iracheni contribuiranno al dibattito con le loro rispettive esperienze sull’integrazione e le riforme attuate su forze militari frazionate e su possibili scelte e opzioni attuate in diverse occasioni di smobilitazione o assorbimento di gruppi militari.

 

L iniziativa riguarda un paese a cui l'area radicale nel suo complesso è particolarmente attenta a partire dalla campagna “Iraq libero” per l'esilio del dittatore iracheno come soluzione all’intervento armato e poi alla campagna contro l’applicazione della pena capitale per gli ex dirigenti iracheni.

 

Non c'è Pace Senza Gustizia

www.npwj.org

 

 

Fonte: Radicali.it


Articoli correlati

  Valter Vecellio. Non è tempo finalmente di gridare “Siamo tutti iracheni”?
  Asmae Dachan. Baghdad, l’ennesima strage degli innocenti dimenticati
  Marco Perduca. Visita al Campo di Ashraf in Iraq. Resoconto della missione
  Asmae Dachan. Omar e Salman, un appello per le voci di pace dell’Iraq
  Incontro tra parlamentari donne Iraq - Kurdistan - Italia, il ruolo della donna
  Arwa Damon. Per dar da mangiare ai nostri bambini
  Afif Sarhan. Gli iracheni ridotti a vendere i figli
  Francesco Cecchini. Diga di Mossul, Iraq. Soldi per andare alla guerra
  Marco Pannella. Il Partito Radicale chiederà di essere ascoltato dal Congresso statunitense
  Cosa sta accadendo a Mosul?
  Bobby Ghosh. «La stupida donna ce l'ha fatta»
  Valter Vecellio. Una buona notizia dall’Irak. Che essendo buona, non è una notizia
  Francesco Cecchini. Cosa sta succedendo a Falluja, a Mosul e in Italia
  Iraq. “DiverCities - città miste e aree contese”
  Aseel Kami. Il lavoro più duro è essere madre
  EveryOne. Decine di giovani “emo” assassinati dalle brigate sciite in Iraq
  Conclusa (per noi) l'avventura irachena
  Francesco Cecchini. Italia e Iraq
  Mariano Giustino. Turchia: i Curdi e il superamento della vecchia ideologia dello Stato-nazione
  Carla Caraccio. “Non c’è pace senza giustizia” in Iraq alla ricerca della democrazia
  Roma. In piazza per il Kurdistan
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.8%
NO
 35.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy