Lunedì , 29 Novembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Milano. Radicali per Sant’Ambrogio
03 Agosto 2008
 
Notificata al Consiglio e alla Giunta Comunale di Milano la dichiarazione di resistenza nonviolenta allo sbancamento delle sepolture paleocristiane a ridosso della Basilica di S. Ambrogio e alla loro sostituzione con 500 posti macchina su 5 piani interrati

 

Agli Assessori che uscivano ieri da Palazzo Marino dopo l’ultima riunione della Giunta comunale, così come ai Consiglieri comunali il 28 luglio scorso, i “Radicali per Sant’Ambrogio” hanno consegnato le loro proposte operative per una degna sistemazione del sito della Basilica del patrono di Milano, in alternativa ai 500 box su 5 piani interrati a pochi metri dalla Basilica.

Subito il blocco dei lavori, solo apparentemente sospesi, affinché non ripartano proprio ad agosto, il mese classico di tutte le malefatte urbanistiche e ambientali. Poi la revoca della concessione e la revisione del Piano della mobilità e dei parcheggi (quello del “commissario Albertini”), che annulli i parcheggi interrati del centro storico, salvando dalla distruzione gli strati archeologici rimasti.

Infine un concorso internazionale di architettura sul tema della valorizzazione della sacralità del sito prescelto da Ambrogio per edificare la Basilica chiamata “ad martyres” per via delle sepolture dei martiri paleocristiani, prima del tuttora avveniristico Editto di Milano sulla libertà religiosa, proclamato dall’Imperatore Costantino I: tutti elementi da riscoprire e da meditare per rilanciare l’identità di Milano e una architettura fondata sul rispetto (la conoscenza) dei luoghi e della storia di chi li ha abitati. Lucio Bertè, radicale, architetto e portavoce del gruppo ha dichiarato:

«Siamo in mano ad anime morte, a politici che lasciano realizzare senza reagire ciò che essi stessi giudicano sbagliato. Ormai la tecnica è quella di proclamare una emergenza/urgenza e conferire i pieni poteri a un Commissario – ieri Albertini per il traffico, oggi la Moratti per l’Expo 2015 – fuori da ogni controllo democratico e da ogni contributo culturale della società civile, esautorando gli stessi Consigli comunali. Il caso di Sant’Ambrogio è davvero emblematico e paradossale, e solo una iniziativa che preveda anche la pratica nonviolenta può “rivoluzionare” la situazione in positivo, contro le previsioni pessimistiche di tutti. Ho gettato il guanto di sfida e ho aperto l’arruolamento di tutti quei cittadini, professionisti, studiosi, uomini di religione, e anche politici di ogni parte, che intendano battersi con metodo rigorosamente nonviolento per i loro valori più profondi. Personalmente sono disposto a mettermi di traverso fino a farmi denunciare per affermare il principio del rispetto della natura e del significato storico di quel luogo, come principio valido sempre ed ovunque per progettare un’architettura e un paesaggio urbano degni di essere abitati».

In Piazza Scala Lucio, Diego, Virginia, Egle e Natalia hanno raccolto il consenso unanime dei cittadini. Alcuni cartelli: «Hands off St. Ambrose – Nessuno tocchi Sant’Ambrogio», «Il sito ‘ad martyres’ non si tocca... se no me ne vado. Firmato Ambrogio», «Sant’Ambrogio è vivo e lotta insieme a noi», «No ai pieni poteri per distruggere Milano», «Stop allo scempio! Fermate le ruspe subito!», «Via i Sovrintendenti al servizio del potere – Abbasso i ‘saggi’ stolti», «Siete nella legalità solo perchè l’imbecillità non è reato», «Pubblica utilità: Sant’Ambrogio o un garage? – Cristo o il carretto di Barabba?», «Siamo pochi... ma vi sputtaniamo in tutto il mondo»... A questo proposito, due gruppi di turisti, uno norvegese e uno greco, si sono impegnati a tradurre il documento dei Radicali per Sant’Ambrogio, e ad inviarlo ai siti internet dei loro Paesi.

I greci erano entusiasti anche dell’idea di una iniziativa al P.E. per la restituzione ad Atene delle sculture e dei fregi del Partenone “prelevati” nell’800 e oggi al British Museum o al Louvre.

Milano, 2 agosto 2008

 

Per arruolarsi:

luciobert@libero.it – Tel. 02 20240674 – Cell. 338 1155520

 

 

Fonte: Radicali.it, 02/08/2008


Articoli correlati

  Milano, Sant'Ambrogio. Niente parcheggio, ma “giardino della memoria”
  Stop ai lavori per il parcheggio di S. Ambrogio
  Milano. “Radicali per Sant’Ambrogio” sigillano il cantiere
  Milano. Sant'Ambrogio. Altre adesioni dal mondo religioso, mentre i Radicali vigilano sul sito
  Milano, Radicali per Sant'Ambrogio. “Gabbato lo santo” ancor prima della sua festa
  Milano. Ci sarà il "Giardino della memoria dei martiri cristiani"
  Memorie dimenticate, Giornata internazionale della nonviolenza, Anna Politkovskaja...
  Milano/ S.Ambrogio. Il Comune vuol salvare il Cimitero 'ad Martyres'
  In difesa del Cimitero paleocristiano ad Martyres di S. Ambrogio
  Chiesa Ortodossa greca per Cimitero ad Martyres di S. Ambrogio
  Cimitero Ad Martyres di S. Ambrogio. I Radicali chiedono la sospensione del cantiere fino al voto
  Don Andrea Gallo a difesa del Cimitero paleocristiano di S. Ambrogio
  Radicali per Sant'Ambrogio. Lucio Bertè in digiuno per dialogo con Sandro Bondi
  Milano. Successo dell’incatenamento alla basilica di S. Ambrogio
  Milano. Il radicale Lucio Bertè rende omaggio alle vittime della Shoah nel cimitero “ad Martyres”
  Lucio Bertè. Milano Sant'Ambrogio. Formigoni d'estate, Formigoni d'autunno...
  «Chi ama Milano si organizzi con i Radicali»
  Un risarcimento per lo scempio della Darsena!
  Per la libertà religiosa e per la parità di tutte le confessioni nel diritto all'informazione
  Milano. “Proposta indecente”. Cercasi consigliere “liberale” per servizio a democrazia
  Radicali per Sant’Ambrogio. “Appello del Venerdì Santo”
  La liberazione di Milano, un mese dopo
  Milano. Lucio Bertè ancora incatenato a S. Ambrogio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy