Domenica , 19 Settembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Diario del digiuno. 2 
Non è una protesta, come qualcuno dice. Informazioni negate che si sarebbero date se ci fosse un format per i diritti umani
24 Luglio 2008
 

Perché questo digiuno di “dialogo” con Marco Pannella – giunto ormai al diciassettesimo giorno – parlamentari, dirigenti e militanti radicali? Non è una protesta, come qualcuno ancora dice. Un digiuno e un’iniziativa politica contro la prevedibilissima condanna a morte (ed immediata esecuzione) dell’ex ministro iracheno Tarek Aziz, numero due del regime guidato per decenni di Saddam Hussein, questo sì. «Dopo la straordinaria vittoria della Risoluzione sulla Moratoria Universale della pena di morte approvata dall’Assemblea Generale dell’ONU il 18 dicembre 2007», dice Pannella, «centinaia di parlamentari di tutti gli schieramenti politici, premi Nobel e personalità di tutto il mondo hanno sostenuto l’azione nonviolenta e lanciato o aderito all’appello “Moratoria della pena di morte anche per Tarek Aziz».

 

Quello che non viene detto, non viene “raccontato” (e anche perché sia detto, sia “raccontato” si digiuna) è che in questi giorni in Irak è in corso un processo burla che con ogni probabilità si concluderà con la condanna a morte del cristiano caldeo Tarek Aziz. Ad Aziz è stata negata ogni garanzia processuale. Non ha un collegio di difesa, dopo che il suo avvocato iracheno ha abbandonato il paese per paura di essere assassinato, come è già accaduto all’avvocato difensore di Saddam. Ad Aziz è stato impedito anche di essere assistito da avvocati stranieri che ne avevano fatto richiesta.

 

Non si tratta di un “mero” atto umanitario; piuttosto è un preciso, concreto e puntuale obiettivo politico: la difesa del diritto e della verità, della legalità e della giustizia in Irak. Evitare la condanna a morte e l’esecuzione di Tarek Aziz potrebbe segnare una evidente soluzione di continuità, rispetto a metodi e pratiche in voga ai tempi di Saddam, oltre assicurare verità e giustizia a tutte le vittime del suo regime, non solo quelle per cui Aziz è oggi sotto processo. Per questo invitiamo tutti a firmare on line al sito www.radicalparty.org

 

Non se ne parla, non se ne deve parlare: Pannella da tempo sostiene che a fine febbraio 2003 sembrava possibile un rinvio dell’inizio della guerra; e che il presidente americano George W. Bush, preso atto che l’inizio l’esilio di Saddam si stava configurando come possibile, per questo scatena la guerra: «Noi lo dicevamo prima delle rivelazioni diffuse da El Pais sul fatto che Saddam avrebbe chiesto un milione di dollari per lasciare il paese. Ricordo che il 18 gennaio del 2003 dissi da Radio Radicale, avendo evidentemente raggranellato notizie, che occorreva dare forza politica alla possibilità che ci fosse davvero una alternativa, con le dimissioni o l’esilio di Saddam. C’eravamo riusciti a tal punto che probabilmente il presidente degli Stati Uniti ha anticipato la data della guerra perché la pace stava scoppiando…». Dice Pannella di ritenere che Bush abbia tradito «il suo giuramento di fedeltà alle leggi e alla bandiera degli Stati Uniti. E lo dico da americano onorario». La cosa non meriterebbe di essere approfondita e “raccontata”?

 

Quando si chiede perché con tanta insistenza si chiede che l’informazione radiotelevisiva pubblica si doti di un format per i diritti civili e umani, è anche per dare questo tipo di informazioni, di notizie. Nel momento in cui leggerete questa nota, molto probabilmente sarà in corso una clamorosa iniziativa radicale. Altre ne dovranno seguire, perché sia riconosciuto finalmente il diritto einaudiano del conoscere per poter deliberare secondo scienza e coscienza. Ne riparleremo.

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 23 luglio 2008)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy