Giovedì , 30 Giugno 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
La Casa di Anne Frank si arricchisce di 25.000 documenti e fotografie
28 Giugno 2007
 

Amsterdam, 25 giugno 2007. Buddy Elias, 82 anni, cugino di Anne Frank ha donato oggi alla “Casa di Anne Frank” di Amsterdam circa 25.000 lettere, fotografie, ricordi e documenti riguardanti l'autrice del Diario, i suoi familiari e gli amici che condivisero la loro clandestinità nell'Alloggio segreto. Elias ha conservato finora il prezioso materiale nel suo attico a Basilea, in Svizzera e ha deciso per la donazione nella ricorrenza della prima edizione del Diario (1947), curata dallo stesso Otto Frank in meno di 3.000 copie.

La donazione comprende la lettera con cui papà Otto Frank informò sua madre in Svizzera della morte della moglie Edith (Auschwitz, 6 gennaio 1945) e delle figlie Anne e Margot, avvenuta a Bergen Belsen nel mese di marzo del 1945. La collezione include inoltre un gran numero di fotografie che ritraggono la famiglia Frank a partire dal 1890, quando i nonni di Anne vivevano a Francoforte sul Meno, sede di un'importante comunità ebraica. Otto Frank, la moglie e le figlie fuggiranno di lì in concomitanza con l'ascesa al potere del nazionalsocialismo di Adolf Hitler.

Grazie alla donazione di Buddy Elias, oggi la “Casa di Anne Frank”, diretta da Hans Westra, possiede praticamente tutto il materiale originale legato alla vicenda della giovane ebrea tedesca. Quasi tutti i documenti posseduti dal cugino di Anne sono conosciuti dagli storici dell'Olocausto, ma già emergono lettere inedite, come quella scritta da Johannes Kleiman - uno dei benefattori che nascosero la famiglia - ai parenti dei Frank in Svizzera, per comunicare loro con un linguaggio “in codice” che i loro cari erano ancora vivi. Le lettere e gli altri scritti dei Frank dimostrano come la famiglia avesse da generazioni il dono di un talento letterario.

«Mia nonna era una grande poetessa», dice sorridendo Elias, «ma tutti i Frank amavano i libri, il teatro, l'arte e la musica».

Secondo l'archivista Toebak, la donazione rivelerà parecchie notizie sconosciute, dopo che sarà vagliata con attenzione.

 

Roberto Malini

(da www.annesdoor.com)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.1%
NO
 24.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy