Martedì , 16 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Brivio e Monti. Una riflessione sul pacifismo
Kyiv, 1 aprile 2022
Kyiv, 1 aprile 2022 
03 Aprile 2022
 

La maggior parte di coloro che si dichiarano pacifisti sostiene in questi giorni che l’unica via per evitare nuovi spargimenti di sangue e arrivare ad una pacificazione dell’Ucraina sia quella di convincere Usa e Ue dell’inutilità di inviare armi in quel Paese e quindi costringere Zelensky ad arrendersi. L’argomentazione è motivata dalla constatazione della incolmabile disparità di forze tra esercito russo e esercito ucraino, per cui la resistenza dell’Ucraina è destinata alla sconfitta. Inutile pertanto prolungare la guerra col solo risultato di aumentare morte e distruzione e di arricchire i fabbricanti e i commercianti di armi. Si tratta della moderna versione del ’porgere l’altra guancia’.

È immaginabile come neppure i più convinti pacifisti pensino che Putin, una volta ottenuta la vittoria, ritiri le truppe e permetta agli ucraini di decidere liberamente il loro futuro, perché la conseguenza della resa sarebbe l’occupazione di tutta l’Ucraina, sia con annessioni dirette che con la costituzione di un governo fantoccio filorusso. L’opinione prevalente è che se si lascia campo libero alla strategia di conquista di Putin, da un lato lo si incoraggia a perseguire altre sue aspirazioni, come riprendere i territori ex-URSS della Georgia, della Moldavia e delle tre repubbliche baltiche (con la prospettiva reale di uno scontro con la NATO, perfino nucleare) e dall’altro non si evitano comunque un bagno di sangue e dure repressioni tra le fila della massiccia e motivata resistenza popolare ucraina.

La storia e la cronaca ci insegnano che purtroppo l’umanità non ha ancora cancellato la guerra come mezzo per risolvere le controversie. I pacifisti possono rispondere a questa constatazione citando due episodi di successo del metodo della non violenza: quello dell’India di Gandhi e quello del Sud Africa di Mandela. Sono eventi storici significativi che però vanno studiati nel loro contesto storico e sociale (crisi del colonialismo, sproporzione numerica tra oppressori e oppressi) e comunque non possono essere generalizzati.

In realtà esiste un precedente storico di realizzazione di un sistema che impedisce la guerra e risolve i contrasti con il diritto e non con la violenza, e si chiama Unione europea. Pensiamoci bene: per secoli gli europei hanno fatto guerre sanguinose fra loro e le ultime sono state particolarmente distruttive, malgrado la presenza di opinioni pubbliche spesso largamente pacifiste. Poi, dopo il secondo conflitto mondiale, si è affermata l’idea che gli stati possono evitare la guerra mettendo in comune le risorse per le quali si era lottato in passato e affidando a un arbitrato la soluzione delle controversie. È la rivoluzione pacifica e silenziosa dalla quale sono nate e si sono estese le istituzioni europee, la cui caratteristica è quella di aver devoluto importanti fette di sovranità ad una entità sovranazionale democratica. L’attuale Unione europea è un processo imperfetto, ancora in corso, pieno di difetti e difficoltà, però l’Ue ha dimostrato come popoli con tradizioni storiche spesso diverse, che spesso si sono combattuti in passato, con 23 lingue e 3 alfabeti differenti, possono creare strutture statuali di convivenza pacifica dove il diritto prevale sulla violenza e una Carta dei diritti e una Corte di giustizia fanno rispettare questo principio. Certo sorgono contrasti fra i governi, ma alla fine chi si discosta, come Polonia e Ungheria, sarà costretto a piegarsi al diritto europeo.

Di fronte a questo precedente storico i pacifisti dovrebbero meditare e capire che il pacifismo è creare strutture in grado di rendere impossibile la guerra, perciò la via da percorrere è quella dell’Ue. Si può obiettare che gli europei hanno realizzato queste strutture sovranazionali in un particolare momento storico e in specifiche condizioni che non sono ripetibili altrove, tuttavia la “ripetitività” è dimostrata dall’allargamento di queste strutture col mutare del contesto internazionale. Dagli iniziali 6 Paesi si è progressivamente arrivati a 27 e altri stati ambiscono ad entrare negli organismi europei, come dimostra la domanda di adesione dell’Ucraina all’Ue. L’allargamento ha obbligato a modificare la fisionomia originaria e a renderla democratica con l’elezione del Parlamento europeo, e le istituzioni europee hanno dimostrato adattabilità a differenti scenari, come nel caso dell’uscita del Regno Unito che in altre parti del mondo avrebbe avuto un esito devastante.

Un’ulteriore dimostrazione della riproducibilità del metodo anche in altri contesti sono i tentativi di imitazione che si ripetono con alterne vicende, ma con costante progresso, in America Latina (col Mercosur) o in Africa Occidentale (con l’Ecowas). Occorre convenire che darsi da fare per la pace, al di là delle pur opportune manifestazioni, consiste prima di tutto nel percorrere la strada dell’allargamento dell’Ue ai paesi limitrofi (Balcani), inteso come estensione dello stato di diritto, promuovendo nel contempo una politica di collaborazione con i Paesi non ancora pronti ad un’adesione quali la Russia, gli stati del Medio Oriente e quelli del Magreb.

Utopia? Certamente, e comunque sempre più concreta delle invocazioni alla pace prive del supporto di un progetto politico sovranazionale come il federalismo europeo.

 

Giuseppe Enrico Brivio - segretario della sezione “Ezio Vedovelli” Valtellina-Valchiavenna del Movimento federalista europeo

Guido Monti - responsabile del Comitato provinciale per l’Europa di Sondrio


Articoli correlati

  Mellana. Trattativa
  Oggi a Milano e Roma: “Ucraina nell'Unione”
  “Siamo Ucraina”, una poesia di Roberto Malini, un dipinto di Ivan Marchuk
  Urlo imprigionato (Merendelli – Garofalo)
  Claudia Osmetti. Un referendum può salvare l’Ucraina (e l’Europa)
  Olivier Dupuis. L'Ucraina siamo noi!
  Asmae Dachan. Il pianista di Parigi come il pianista di Yarmouk
  Garrincha. Il sogno di Putin
  MFE Sondrio. La battaglia delle idee
  Asmae Dachan. Quando bombardano gli ospedali
  Guido Monti. Conflitto russo-ucraino: e ai profughi chi ci pensa?
  Mellana. La settimana con l’elmetto
  Mellana. Affari d’Ucraina
  Giornata europea dei Giusti. 2022
  Omar Santana. Il tiro alla fune di Putin
  Omar Santana. Putin 1984
  EveryOne Group. Cinque viaggi per la vita
  Claudia Osmetti. Putin, Occidente avvisato mezzo salvato
  Omar Santana. Le bandiere di Putin
  Carlo Forin. Memori di Chernobyl 26 aprile 1986
  La libertà degli altri
  Laura Harth. Kiev 2014: Gli eroi non muoiono mai
  Mellana. Zeta
  Omar Santana. Ucraina
  Asmae Dachan. #Siria #Ucraina: le nostre lacrime non cadono per terra
  Igor Boni. Per dire la sua nella crisi ucraina
  Mfe, Sondrio. Verso il 25 marzo, per l'Europa
  Davvero sono i popoli che non vogliono gli Stati Uniti d'Europa?
  Carlo Forin. Che cosa è urgente per l’Europa?
  Un'Europa a due velocità per fare la Difesa comune?
  Roberto Malini. I morti e le stelle
  Vincenzo Donvito. Stati Uniti d’Europa: Più difficili senza la UK, ma possiamo e dobbiamo farcela
  Carlo Forin. Cives europei estote
  +Europa. Liste transfrontaliere alle prossime elezioni Ue
  Morbegno e Sondrio. “La mia piazza è l'Europa”
  Sondrio. “L’Europa e i Corridoi Umanitari”
  Lidia Menapace. Cittadina europea di nazionalità italiana
  Vincenzo Donvito. Il potere e la forza dell’euro
  Carlo Forin. Migranti, l’Italia, sempre più sola, deve pretendere la cittadinanza europea
  Sondrio si prepara alla Convention delle forze democratiche ed europeiste
  L’irriverente degli Stati Uniti d’Europa. Dimmi cosa fai e saprò chi sei
  Rosario Amico Roxas. Per gli Stati Uniti d’Europa
  Stati Uniti d'Europa. Pensare europeo
  Schuman day, Giornata dell'Europa. A Sondrio, mercoledì 9 maggio
  Stati Uniti d'Europa. Iniziamo con il libero mercato. Lettera a Sassoli
  Vincenzo Donvito. Stati Uniti d'Europa: Ceta e Ue. C'è più di qualcosa che non funziona
  Sondrio. Genocidio in Siria e il silenzio delle coscienze
  Guido Monti. Quale federalismo?
  La sanità divisa nell’Europa unita
  Sondrio. Oltre l'Unione europea, verso gli Stati uniti d'Europa
  Federica Mogherini, alta rappresentanza internazionale e cittadinanza Ue
  Guido Monti. A proposito dei nostrani Sovranisti d’Europa...
  Carlo Forin. “Posso aspirare a una carta d'identità europea?”
  Olivier Dupuis. L’Europa delle monetine
  Stati Uniti d'Europa. Elezioni olandesi: un caso interessante
  Guido Monti. Celebrazione del 60° anniversario dei trattati di Roma
  Vincenzo Donvito. Stati Uniti d’Europa: Per non vivacchiare… pensiamo europeo a partire dall’Esercito
  Carlo Forin. Che l’Europa svolti sui suoi cittadini
  Lidia Menapace. Primarie PD: quali prospettive?
  Vincenzo Donvito. Riflessioni di un patriota alla vigilia del 20 Settembre
  Marcia per l'Europa, a Milano sabato 12 maggio
  Vincenzo Donvito. Stati Uniti d’Europa. Siamo europei più che mai e fieri di esserlo
  Vogliamo gli Stati Uniti d’Europa!
  Carlo Forin. Migranti: l'ira del Papa
  Pietro Yates Moretti. Tutta colpa dell'Europa?
  Sondrio. Verso le elezioni europee
  Stati Uniti d'Europa. Coronavirus: prima gli italiani?
  Carlo Forin. Rispondete a Carola Rackete!
  Giovedì 14 a Morbegno con l’europarlamentare Danti
  Guido Monti. Sandro Gozi e la cittadinanza... europea
  C. Ruscigno, G. Monti. Covid-19, una risposta europea
  Carlo Forin. Allargare l’anima europea
  Pietro Moretti. Mediazione civile: eliminare l'obbligo dell'avvocato
  Lidia Menapace. Autonomie ed Europa
  Guido Monti. È di nuovo l'ora di una Resistenza europea
  Stati Uniti d’Europa. Sovranisti d’Europa, schizofrenia e inconcludenza
  Carlo Forin. L’opportunità della cittadinanza unica
  MFE. A Morbegno nel nome di Vedovelli
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 8 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.8%
NO
 35.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy