Domenica , 25 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Governo. Pre­scri­zio­ne e il “lodo Conte”: la toppa peggiore del buco
24 Gennaio 2020
 

Roma – Dobbiamo evitare che i colpevoli siano agevolati dai tempi lunghi dei processi e quindi siano assolti per decorrenza dei tempi. Così il M5S.

Siamo tutti d'accordo che i colpevoli devono essere condannati, che gli innocenti siano assolti e che i danneggiati ricevano giustizia.

Tuttavia, la legge sulla abolizione della prescrizione, proposta dal ministro Bonafede e approvata dal M5S e dalla Lega, non raggiunge questi obiettivi, perché i danneggiati saranno gli innocenti e coloro che attendono un risarcimento.

Vediamo.

Il 75% dei processi va in prescrizione entro il primo grado di giudizio. Sarebbe necessario concentrare l'attenzione su quel 75%.

La legge, comunque, entrerebbe in vigore fra 3-4 anni e ha tutti i caratteri della incostituzionalità, visto che la nostra Costituzione prevede la ragionevole durata dei processi e non l'infinita durata dei processi.

Ieri, il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ha dichiarato che “gli innocenti non finiscono in carcere”, il che è falso perché ben 27 mila innocenti sono finiti in carcere e per questo risarciti. Sarebbe opportuno che il ministro Bonafede tornasse alle occupazioni precedenti il suo incarico.

In questi giorni si sta discutendo il cosiddetto “lodo Conte”, cioè il blocco della prescrizione solo per chi è condannato in primo grado di giudizio.

Una toppa peggiore del buco.

Da far notare al premier, e avvocato del popolo, Giuseppe Conte, che la Costituzione prevede l'innocenza di un imputato fino al terzo grado di giudizio, e non al primo grado. Tale precetto è stato ribadito dalla Corte Costituzionale.

Finirà che, al primo processo che si farà, si ricorrerà in appello alla Corte Costituzionale, che dichiarerà incostituzionale la legge sulla abolizione della prescrizione.

Insomma, è stata propinata ai cittadini l'ennesima bufala: si è fatto credere che con l'abolizione della prescrizione si sarebbe fatta giustizia. È esattamente il contrario.

 

Primo Mastrantoni, segretario Aduc


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy