Mercoledì , 20 Settembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Salviamo la nostra sanità” verso un'intesa di territorio 
Martedì sera il Consiglio comunale straordinario a Morbegno
14 Luglio 2017
 

Lungo, paziente e incessante il lavoro di informazione e coscientizzazione svolto nel corso degli ultimi cinque mesi dal comitato popolare attivatosi a Morbegno alla “fuga” (e il termine risulta appropriato considerando la tradizionale assenza di trasparenza degli amministratori della sanità in provincia) della notizia che il Pronto Soccorso dell'ospedale cittadino avrebbe perso l'apertura notturna e la postazione Areu. L'iniziativa civica avviata dalla petizione popolare massicciamente sostenuta ha visto attivarsi, dapprima in modo disordinato e un po' confuso, i sindaci del Morbegnese, qualche forza politica organizzata e poi, via via, i vicariati della zona e le rispettive comunità cristiane, i comitati di zona della Città etc. etc. La presa di coscienza, il confronto e l'approfondimento hanno consolidato una diffusa conoscenza dei termini complessi della questione sul tappeto che, accanto alla costante vigilanza di Salviamo la nostra sanità e malgrado la negazione di importanti momenti di partecipazione democratica quali l'audizione diretta dei direttori delle aziende/agenzie sanitarie e la tempestiva attivazione della cabina di monitoraggio cui il comitato stesso aveva proposto di poter dare il proprio contributo, consentirà forse ora di addivenire a una proposta condivisa di territorio nell'ambito del contesto normativo e programmatorio regionale.

La strada istituzionale individuata, in continuità con la disattesa elaborazione dei sindaci del Morbegnese del 4 aprile 2014, passa per il Consiglio comunale straordinario di Morbegno, convocato sul tema per martedì 18 luglio e per la migliore preparazione del quale il comitato ha accolto l'invito a partecipare al tavolo della conferenza dei capigruppo nel lavoro comune di questi ultimi giorni. La realizzazione del presidio ospedaliero territoriale, la cui sperimentazione l'Azienda Socio Sanitaria Territoriale ha annunciato aver già avviato dal 1° maggio con l'attivazione dei reparti di Riabilitazione Generale Geriatrica e Sub Acuti, dovrà essere perseguita con la massima efficacia – ed è questo l'intento unitario di gestori responsabili della sanità, società civile e istituzioni del territorio – ma per la totalità delle risposte ai bisogni di salute espressi. In tale progettualità condivisa sono pertanto a pieno titolo da includere il “Pronto soccorso alpino”; la riapertura tempestiva della Riabilitazione Cardiologica e della Medicina Generale; l'implementazione delle attività ambulatoriali e, in particolare, il raddoppio di quella Odontoiatrica e l'ottimizzazione di quella Ortopedica con il ripristino dell'impiego di personale specialistico strutturato per la prima e il completamento dell'équipe della rispettiva unità organizzativa presso l'Ospedale di Chiavenna per la seconda; l'efficientamento dei servizi diagnostici.

Un'estesa e attiva partecipazione al consiglio straordinario costituirà il miglior modo anche per i cittadini di concorrere a rendere irrinunciabile questo programma di rilancio e avviarne concretamente la repentina attuazione. (Red.)


Articoli correlati

  Morbegno. “Maroni, chiudi la Comunità Montana non il Pronto Soccorso!”
  Gianfranco Cucchi. La sanità di montagna, il POT di Morbegno e l'autonomia
  Sanità di montagna: un malato da rianimare
  Morbegno. Tutti in piazza per l'ospedale
  Morbegno. Meno 5 giorni alla chiusura del Pronto Soccorso
  Angelo Costanzo, PD. Basta tergiversare sulla sanità in provincia di Sondrio!
  Morbegno. Meglio una non-Provincia attiva che una Comunità Montana assente
  Buon lavoro, direttore Rotasperti!
  Radicali Milano. “Via Infrastrutture Lombarde!”
  Ambrogio Saibene. Sanità di montagna: Morbegno assente ingiustificato
  Morbegno. “Chi, quando e perché ha chiuso la Ria­bi­li­ta­zio­ne cardiologica?”
  La divisione del patrimonio ospedaliero e sanitario
  Morbegno Sanità. De Biasi (Pd): “Fondamentale garantire l’apertura 24 ore su 24”
  La Città di Morbegno e il suo Ospedale
  Morbegno. Un presidio ospedaliero territoriale da riempire di contenuti
  Morbegno. Salviamo la nostra sanità: “Non molliamo!”
  Sanità a Morbegno: cosa sta succedendo?
  Morbegno. Dopo Della Bitta, Trivella...
  Luigi Mescia. Sondrio: Declino e degrado della sanità provinciale
  Morbegno. P.S. Alpino, Riabilitazione cardiologica, Medicina, potenziamento Hospice e Poliambulatorio nel presidio ospedaliero territoriale
  Pronto Soccorso Alpino
  P.S. Morbegno. Bene la prosecuzione con turnistica e organiz­za­zione consolidate
  Morbegno. Non chiediamo la luna, ma esigiamo decenza
  Ospedale di Morbegno. “Roba da Gabibbo...”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.4%
Non so.
 1.2%
Non sono d'accordo.
 36.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy