Martedì , 25 Luglio 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Luigi Mescia. Sondrio: Declino e degrado della sanità provinciale 
La grande assente è la Politica con la P maiuscola
Alberto Zoli, Beatrice Stasi, Alcide Molteni
Alberto Zoli, Beatrice Stasi, Alcide Molteni 
01 Maggio 2017
 

Sondrio – Nel declino e degrado della sanità provinciale la grande assente è la Politica con la P maiuscola. Tutti in ordine sparso a rivendicare il proprio orticello e il proprio interesse.

I sindaci dovrebbero avere un ruolo fondamentale per difendere i diritti dei cittadini amministrati. Alcuni di loro hanno esercitato con diligenza la propria responsabilità anche a fianco dei comitati popolari. Altri invero o hanno fatto o delegato al loro rappresentante istituzionale individuato nel Presidente della conferenza dei sindaci. Questo organismo ha un ruolo fondamentale sancito dalla legge: dalla programmazione ed indirizzo delle politiche sanitarie sul territorio financo alla proposta di revoca dell'incarico di direttore generale. Poteri di non poco conto.

Ma veniamo al nocciolo della questione.

Il nostro Presidente della Conferenza dei Sindaci, è anche il Sindaco del Comune capoluogo, ma è come se non lo fosse, Presidente ben inteso. Infatti da inerme spettatore ha assistito, negli anni di sindacato, al progressivo rimaneggiamento dei servizi sanitari, alla chiusura di reparti e di ospedali con pochi e maldestri interventi.

In particolare si ricorda la bocciatura del nuovo ospedale di Sondrio già finanziato con progetto esecutivo fatto redigere dall'allora direttore generale Ing. Triaca. Poteva essere un colpo d'ala per il nostro sistema in cui i vecchi ospedali in Lombardia venivano abbandonati e costruiti dei nuovi. E udite udite i fondi già stanziati dal governo, poiché non spesi, sono stati restituiti.

Come siamo caduti in basso!

Ma la sua arte sanitaria non è finita qui: infatti, da buon esponente del PD, (Molteni, ndr) si è direttamente schierato contro i numerosi comitati popolari che si sono costituiti in questi anni a difesa della sanità provinciale o indirettamente attraverso il suo fido scudiero ex-segretario provinciale.

La gente è già abbastanza lontana dalla politica che sicuramente questi interventi non hanno fatto bene all'indice di gradimento.

Il PD, però, ha sempre ben tutelato i suoi accoliti sanitari al di là della buona qualità ed in buona sintonia con il governo regionale anche se di altre parte politica.

Ma finito il suo mandato di sindaco è già pronto per una candidatura di altro livello; per questo si è trasformato improvvisamente in renziano.

Aspettiamo gli eventi !

 

Mentre aspettiamo gli eventi e che parli chi è a ciò preposto, nella fattispecie la ASST della Valtellina e dell’Alto Lario, è il solito Zoli, Direttore generale dell’AREU, che nell’incontro a Sondrio con la Croce Rossa, rompe il ghiaccio e invita gli operatori della CRI a “Non portare pazienti a Morbegno”!

Tornerò quanto prima su Morbegno, e do pieno appoggio al Comitato. Assieme potremo studiare adeguate strategie perché Morbegno merita di più di quanto i misters Zoli, Molteni e c. dicano.

Ciò che ci preoccupa, inoltre, è che l’ASST non abbia compreso appieno che, al momento opportuno, sarà scaricata e lasciata sola (il Direttore generale, tanto per intenderci) non solo per la questione Morbegno, ma anche per le questioni aperte e irrisolte da tempo nei Presidi ospedalieri di Sondrio, Sondalo e Chiavenna.

A noi, invece, interessa che il Direttore generale dell’ASST rimanga sempre ancorata ai principi della L,R. n. 33/2015 ed operi in autonomia, svincolata da subdole pressioni esterne.

Se opererà in autonomia, secondo la L.R., noi saremo pronti a sostenerla sempre.

Per Menaggio la nostra posizione è chiara! Ritorni con Como e/o si trasformi in POT.

È inaudito, perché queste sono responsabilità dell’ASST, semmai, Zoli, deve organizzarsi di conseguenza.

Ma si sa che la linea politica sanitaria-ospedaliera in provincia la determina il PD (il Sindaco Alcide Molteni in particolare), l’ANAAO e la CGIL, forti dell’accordo sotterraneo in Regione Lombardia con la Lega Nord e con la benedizione di Zoli.

 

Luigi Mescia


Articoli correlati

  Morbegno. P.S. Alpino, Riabilitazione cardiologica, Medicina, potenziamento Hospice e Poliambulatorio nel presidio ospedaliero territoriale
  Morbegno. Un presidio ospedaliero territoriale da riempire di contenuti
  Sanità di montagna: un malato da rianimare
  Morbegno. Meno 5 giorni alla chiusura del Pronto Soccorso
  Morbegno. Tutti in piazza per l'ospedale
  Buon lavoro, direttore Rotasperti!
  La divisione del patrimonio ospedaliero e sanitario
  Angelo Costanzo, PD. Basta tergiversare sulla sanità in provincia di Sondrio!
  Morbegno. Meglio una non-Provincia attiva che una Comunità Montana assente
  Sanità a Morbegno: cosa sta succedendo?
  Radicali Milano. “Via Infrastrutture Lombarde!”
  Morbegno. Non chiediamo la luna, ma esigiamo decenza
  Morbegno. “Chi, quando e perché ha chiuso la Ria­bi­li­ta­zio­ne cardiologica?”
  Morbegno Sanità. De Biasi (Pd): “Fondamentale garantire l’apertura 24 ore su 24”
  La Città di Morbegno e il suo Ospedale
  Morbegno. Salviamo la nostra sanità: “Non molliamo!”
  Morbegno. Dopo Della Bitta, Trivella...
  Morbegno. “Maroni, chiudi la Comunità Montana non il Pronto Soccorso!”
  Gianfranco Cucchi. La sanità di montagna, il POT di Morbegno e l'autonomia
  Pronto Soccorso Alpino
  P.S. Morbegno. Bene la prosecuzione con turnistica e organiz­za­zione consolidate
  Ospedale di Morbegno. “Roba da Gabibbo...”
  “Salviamo la nostra sanità” verso un'intesa di territorio
  Il Sindaco si pronuncia. Ulteriori sviluppi nel caso “cedro di Sondrio”
  Paola Pizzini. Sondrio. Dopo la decisione di tagliare il cedro e stop
  12 referendum. I Radicali chiedono l'intervento del Prefetto
  Prosegue la campagna di Radicali Sondrio a favore dei Rom e per il testamento biologico
  Sondrio: Tutti con il Garante dei detenuti… tranne il Sindaco?
  Carcere: Radicali Sondrio chiede il ritorno del Garante Racchetti
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.5%
Non so.
 1.2%
Non sono d'accordo.
 36.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy