Lunedì , 25 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Enrico Peyretti. Perché è bene votare no a questa riforma 
Appunti miei da un dibattito (sul referendum, naturalmente) all'Anpi
20 Novembre 2016
 

Torino, 19/11/16 – Oggi una bella assemblea dell'Anpi, a Torino, sul referendum costituzionale. Sono stati espressi diversi pareri (non tutti per il no) sulle due ampie relazioni di Maria Grazia Pellerino (è stata assessora con Fassino, per il no) e da Anna Rossomando (parlamentare Pd, per il sì).

Le due relazioni, serie e argomentate, mostrano che i contenuti della riforma sono estremamente controversi e anche abbastanza confusi e pasticciati (più che mai sul nuovo Senato), cioè non chiari, interpretabili in modi opposti, portatori di effetti assai discutibili (p. es. il Senato sarà un'assemblea a composizione continuamente variabile; la legislazione rimane paritaria su una quantità di materie; ogni governo, anche pessimo, detterà l'agenda della Camera; ...).

Basta questo per dire che quei contenuti non valgono come materia costituzionale. La Costituzione e le sue modifiche sono superleggi, non come le leggi comuni, valide se approvate col 51%, volute dalla maggioranza del momento. Questa riforma è divisiva, divide le famiglie, le amicizie, i partiti (per fortuna anche il Pd). Divide il Paese. Quindi le modifiche su cui voteremo non sono vere regole costituzionali, le quali sono regole del gioco, super partes, forma e limite di ogni potere istituzionale, che non possono essere dettate da una parte sola, calcolando che tornino a proprio vantaggio. Questo invece è ciò che fa Renzi, illuso da quel 41% alle europee: ci ha messo la faccia e la testa, e continua a farlo anche oggi. Fa una propaganda semplicistica, sommaria, illusoria, come la pubblicità commerciale. Brutto segno.

Il governo deve lasciare al Parlamento la materia costituzionale. Se auspica regole che stabilizzino il proprio potere (come Renzi fa capire ogni giorno) sfiora la dittatura della maggioranza, degenerazione della democrazia.

Inoltre, il Parlamento attuale – eletto col Porcellum condannato come incostituzionale – è, sì, in funzione, per la necessaria continuità dello Stato, ma doveva avere il pudore e la sensibilità civile di limitarsi alla ordinaria amministrazione e non toccare la materia costituzionale, perché non è correttamente rappresentativo (sentenza Corte Cost. 1/2014).

È una carenza di cultura giuridico-costituzionale, un grave errore, quello che Renzi commette nel giocare tutto su questa riforma (col ricatto di quel che potrebbe succedere politicamente) perché dimostra di non distinguere la politica variabile dalla struttura costituzionale: le colonne e il tetto della casa, chiunque sia oggi o domani a lavorare in cucina.

La nostra decisione di cittadini verte non su governo e politica, che non sono in gioco diretto, ma sulla Costituzione, sulla garanzia costituzionale da difendere, perciò è bene votare no a questa riforma.

 

Enrico Peyretti


Articoli correlati

  “Nexus causalis”. Io voto NO perché...
  Anche noi vogliamo cambiare: in meglio
  Modeste ma opportune riforme istituzionali, che potranno sempre essere migliorate
  Andrea Massera. 4 dicembre: le ragioni di un No convinto, motivato, determinato
  “Re-nzi-ferendum”. Io voto NO perché...
  Andrea Ermano. Se voto “No” casca il mondo?
  Lucio Garofalo. “Accozzaglie politiche”
  Vuoi votare per il referendum? Io voto SÌ perché...
  Enrico Peyretti. Le religioni neghino il diritto alla difesa armata
  Enrico Peyretti. La nonviolenza è la via
  Giuliano Pontara. Il dolore segue l'errore
  Tiziano Cardosi – Enrico Peyretti. Crisi Governo Prodi. Del “meno peggio” e del meglio
  Enrico Peyretti. “Del male e di Dio” di Claudio Ciancio
  Lidia Menapace. Lettera dalle catacombe. Con saluti sgomenti (di Rosangela Pesenti) e altre lettere (di Enrico Peyretti etc.)
  Poesia d'autore/ Speciale su Mahmud Darwish (1941-2008)
  Enrico Peyretti. Guerra alla Libia
  Tre libri recenti su Gandhi
  Enrico Peyretti. Vedo che il problema è grande e grave...
  Enrico Peyretti. Il punto sulla Resistenza nonviolenta
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 12 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy