Lunedì , 09 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Giustizia giusta: la lezione di diritto che (ancora una volta) ci viene dall’Europa
29 Maggio 2013
 
   Dalla Corte europea dei diritti dell'uomo è dunque arrivata l’ennesima lezione di diritto, perché è stato respinto il ricorso truffaldino presentato dal governo Monti-Severino che tentava, in modo italiota, di procrastinare quei termini perentori ed ordinatori che la stessa Corte aveva disposto: e cioè che entro un anno si deve trovare una soluzione al sovraffollamento carcerario, nonché risarcire i detenuti che ne sono stati vittime; è una sentenza diventata definitiva, e ora per esempio i contrari all’amnistia dovranno dirci che cosa pensano e intendono fare.
   Cosa intendono e pensano fare a fronte di una situazione descritta qualche giorno fa al Senato dal ministro della Giustizia Cancellieri. Sono quasi 66mila i detenuti nelle carceri italiane, molti di più dei posti disponibili: 18.821 i reclusi in eccesso, secondo le cifre fornite dal ministro, ma l'associazione Antigone parla addirittura di 30mila detenuti in più rispetto ai posti regolamentari. Numeri che rendono l'Italia il terzo Paese in Europa per carceri sovraffollate.
   I detenuti in attesa di giudizio sono ben 24.691, non è azzardato ipotizzare che la metà di questi verranno alla fine dichiarati innocenti, ma anche fossero un terzo, un decimo… I condannati sono 40.118, 1.176 gli internati in quegli ospedali psichiatrici giudiziari che dovevano essere chiusi e che invece sono stati prorogati ancora di un anno.
   Il Consiglio d'Europa, con un suo recentissimo rapporto ci avverte che per quanto riguarda il sovraffollamento carcerario nei 47 Paesi membri l'Italia è terza, dopo Serbia e Grecia, con 147 detenuti ogni 100 posti effettivi. E occupa lo stesso posto, dopo Ucraina e Turchia, anche per numero di detenuti in attesa di primo giudizio.
   L’Italia, ha detto una volta Leonardo Sciascia, più che la culla del diritto ne è la bara; e questi dati lo confermano. Per questo ieri mattina, a 25 anni dalla morte e a 30 dall'arresto di Enzo Tortora, una delegazione del “Comitato promotore dei referendum” presieduto da Marco Pannella ha depositato presso la Corte di Cassazione sei quesiti referendari “per la giustizia giusta”. I quesiti referendari riguardano la cancellazione del filtro di ammissibilità nelle richieste di risarcimento per responsabilità civile dei magistrati; la separazione delle carriere; l’eliminazione della custodia cautelare per il rischio di reiterazione nel caso di reati non gravi; le misure restrittive per il lavoro dei magistrati fuori ruolo; l’abolizione dell'ergastolo.
   Un bel pacchetto che assieme agli altri referendum già presentati, in materia di droga, immigrazione, finanziamento pubblico, otto per mille, divorzio breve, costituiscono un vero e proprio programma di governo “altro”, rispetto al bla-bla e al pio-pio che sentiamo tutti i giorni. Bisognerà raccogliere cinquecentomila firme autenticate in tre mesi, non è facile, ma è possibile. Ed è l’hic Rhodus, hic salta per chi si dice riformatore.
 
Valter Vecellio
(da Notizie Radicali, 29 maggio 2013)

Articoli correlati

  Rita Bernardini. A Regina Coeli con Marco Pannella e Roberto Giachetti
  Carceri. Il decreto-legge della ministra Cancellieri è in vigore da oggi
  Emiliano Silvestri. Perché è importante un voto alla lista “Amnistia Giustizia Libertà”
  Mario Staderini. Caro Epifani, l'amnistia è per la Repubblica, non per Berlusconi
  Valter Vecellio. Vade retro amnistia
  8 marzo a Salerno assieme alle Dame Bianche
  Lettera del Partito radicale al Partito democratico
  Carceri. Rita Bernardini: “Io sarò in Calabria e in Sicilia”
  Respinto dalla Corte Europea per i Diritti dell'Uomo il ricorso dell’Italia
  Rita Bernardini. Incontro con il Ministro della giustizia Annamaria Cancellieri
  Alessandro Barchiesi. Convivenza carceraria
  Carceri/San Vittore: Presidio radicale accoglie Napolitano al grido “Amnistia”
  La clemenza necessaria. Amnistia, indulto e riforma della giustizia
  Giorgio Napolitano: “La detenzione non deve umiliare la dignità delle persone”
  Rita Bernardini. Proposte di legge per riforma giustizia e carceri
  Radicalweb. #iostoconMarco contro lo Stato fuorilegge
  Amnistia, giustizia e libertà: così il Garante dei detenuti di Sondrio
  Carceri assassine: è avvenuto oggi il primo suicidio del 2014
  Stefano Santarossa. Referendum radicali: Casson favorevole alla responsabilità civile dei magistrati
  Milano. Domani sit-in a San Vittore a conclusione della 5 giorni nonviolenta
  Indulto e amnistia. Lo chiede il Presidente della Repubblica con un messaggio al Parlamento
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy