Lunedì , 29 Novembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito. Legalizzazione marijuana. Ma il Parlamento è estraneo? 
Mentre continuano le esternazioni autorevoli e anche non opportune...
10 Luglio 2012
 

Firenze – Dopo gli articoli di Roberto Saviano sul settimanale L'Espresso e Umberto Veronesi sul quotidiano La Repubblica, sull'opportunità di una legalizzazione della marijuana (ognuno con le sue dovute differenze), diverse autorevoli personalità hanno sentito l'opportunità di esternare il proprio pensiero in merito.

Bene.

Tra i vari politici e persone del mondo della cultura, spicca il procuratore generale della Repubblica di Firenze, Beniamino Deidda, che si è espresso per la legalizzazione della marijuana. Non così, invece, nella medesima procura, il procuratore capo Giuseppe Quattrocchi che, pur premettendo che «è un problema del legislatore. Noi siamo solo servitori della legge», ha comunque manifestato il proprio dissenso all'ipotesi legalizzatrice:« alla fine credo che i traffici si possano stroncare solo nel momento in cui si smette di assumere quelle sostanze».

Noi continuiamo a non capire perché servitori dello Stato investiti di così importanti funzioni come quelle delle indagini penali, sentano la necessità di pronunciarsi sulla bontà o meno di una legge. Sarà che siamo strenui assertori della divisione dei poteri per la buona amministrazione dello Stato, con l'illusione che questo sia uno dei pilastri di una magistratura indipendente che, però, con queste esternazioni dà scarsa espressione del proprio “super partes” (la famosa dea bendata o la bilancia coi piatti ad equa altezza).

Ma questo è il nostro Belpaese, questa la nostra giustizia.

Nostro Belpaese che, in materia di legalizzazione delle droghe, dorme un sonno lunghissimo nonostante un referendum popolare di tanti anni fa ne chiese l'applicazione. E nonostante, per esempio, un nostro disegno di legge che abbiamo fatto depositare in questa legislatura ai senatori Marco Perduca e Donatella Poretti.

Certamente ci sono iniziative istituzionali lodevoli in giro per l'uso terapeutico della cannabis, come quella della Provincia di Bolzano e della Regione Toscana e di alcune Asl. Ma riguardano solo l'aspetto sanitario della sostanza, lodevole ma limitato rispetto al diffusissimo uso ludico che, nei suoi risvolti giudiziari, sociali ed economici rappresenta il nodo del problema.

Quindi, va bene parlarne come già avviene da tantissimi anni, ma se dormono coloro che abbiamo mandato a rappresentarci nelle massime istituzioni legislative, dal parlarne alla rassegnazione di dover continuare a vivere nella illegalità, il passo è brevissimo.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc



Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy