Lunedì , 29 Novembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Enrico Peyretti. Che fare col Caimano?
14 Aprile 2010
 

Abbiamo perso il significato della Legge, con la maiuscola. Le leggi sono state piegate a interessi partigiani perché chi dispone della forza dei numeri ritiene di poter piegare a fini propri anche il più pubblico di tutti gli atti: la legge, appunto.

 

Gustavo Zagrebelsky
(citato da l’Unità, 14 aprile 2010)

 

 

Chi ha preso coscienza della situazione italiana, sa che le cose stanno come dice Zagrebelsky (foto), e che la situazione civile-politica è tragica.

Chi non ne ha preso coscienza ha la vista oscurata, per una ragione o per l’altra.

Siamo in un nuovo fallimento storico e umano di troppa parte del nostro popolo.

Noi ne soffriamo profondamente. Sentiamo il danno e la vergogna non su qualche nostra posizione o interesse o idea, ma sulle nostre persone e le nostre vite, e specialmente sulle vite dei giovani e dei bambini che ci seguono.

Il Caimano (questo termine serve a ripararlo, a difenderlo da troppa personalizzazione) non è l’unico responsabile, ma è sia effetto sia modello moltiplicatore della malattia virale del corpo italiano. Ne è personalmente il simbolo, la rappresenta e la alimenta, la dice nella sua persona, atteggiamenti, parole.

 

Che fare col Caimano?

Siamo tra noi divisi tra due scelte: 1. mostrare chi è, e a quale fine fa quello che fa, come ha preso e mantenuto il potere; denunciare le malefatte e le illegalità sue e dei congregati con lui; negargli ogni collaborazione e isolarlo; rivelare l’inganno popolare o la corruzione morale popolare che lo approva e sostiene; smascherare il piano P2 che egli esegue, che è l’autocrazia eversiva della civiltà costituzionale italiana, costata sangue ai nostri padri migliori;

2. oppure, poiché la denuncia e l’accusa non cambiano il consenso (a tal punto è grave l’oscuramento mentale e morale italiano), aspettare che i più vedano il danno strutturale e civile che il Caimano fa all’Italia; che lo sentano materialmente sulla propria pelle quotidiana. È necessario un disastro economico fino alla miseria? È possibile? Per sradicare il fascismo dal corpo politico italiano fu necessario che commettesse il crimine folle della guerra, che morissero militari e civili, che l’Italia venisse distrutta. Per liberare la Germania dal nazismo Dietrich Bonhoeffer pregava per la sconfitta della propria patria e solo così quel popolo di grande cultura ritornò libero.

 

La scelta 2 è più pessimistica, o forse più realistica, o più disperata. A me pare che contenga anche un triste disprezzo per la coscienza e l’intelligenza del nostro popolo.

La scelta 1 è la mia preferita, con la consapevolezza dei suoi limiti e dei tempi lunghi. Probabilmente perché non so fare altro, credo nell’efficacia illuminante della parola seria, critica, veritiera, di denuncia e di proposta. La proposta è la roccia sana su cui è nata e può vivere a lungo la Repubblica democratica: la eccellente Costituzione del 1948, nei suoi valori essenziali e irrinunciabili, di umanizzazione della società politica. Contro la Costituzione, è il banditismo politico.

 

Enrico Peyretti


Articoli correlati

  I radicali presentano il documento su “La peste italiana”
  Lista Bonino-Pannella: sintesi delle proposte per l'immediato
  Il succo di frutta di Pannella
  Rita Bernardini. “Con questo voto si onora il Parlamento”
  Aldo Loris Rossi. Un decalogo per l’Europa
  Primo Mastrantoni. Europa. Che fare?
  Chiusura della campagna elettorale della Lista Bonino-Pannella a Milano
  Emma Bonino inizia l'occupazione degli studi Rai
  Pier Paolo Segneri. Pannella vuole radunare ciò che è sparso e spartire ciò che è stato radunato
  Europee. 4 liste chiedono la moltiplicazione degli spazi di informazione politica
  Tre appuntamenti per un giorno. Prossime iniziative radicali a Milano
  Valter Vecellio. Lettera aperta al direttore de “L’Espresso” Hamaui
  Lista Bonino-Pannella. Un appello (impegnativo) per la partecipazione alla campagna elettorale
  Valter Vecellio. Più che la festa di Casoria a inquietare è che “papi” dilaghi in Europa
  Valter Vecellio. La “resistenza” non è una metafora
  Tino Vittorio. Satyagraha 2009. Aderisco
  Valter Vecellio. Indovina chi non c’è, tra i candidati impresentabili e invotabili di “Micromega”?
  Stati Uniti d’Europa subito!
  Lidia Menapace. Mi spiace che non ce l'abbiamo fatta
  Rosangela Pesenti. Stare dentro o chiamarsi fuori: perché ho scelto di candidarmi nel PRC
  Calendarizzato voto agli intrasportabili
  Per un’Europa senza nazionalismi
  Rosario Amico Roxas. “Er più” vincente perché sconfitto
  Valter Vecellio. Regime: Berlusconi è il prodotto ultimo di un processo che viene da lontano
  “Per una nuova Liberazione: dal sessantennio partitocratico ora, come dal ventennio fascista allora!”
  Decine i personaggi che annunciano il loro voto radicale e, dei radicali, puntualmente subiscono la sorte: silenziati
  Lotta di Liberazione per restaurare la legalità democratica
  Giuseppe Candido. Europa dei Governi Nazionali o Patria europea?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy