Martedì , 22 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò mediorientale
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Un enorme pericolo alla diga di Mosul. Siano ritirate le truppe italiane
08 Settembre 2016
 

Viterbo – Le principali agenzie di stampa diffondono oggi la notizia (lanciata da un sito giornalistico che sembra avere come fonti servizi segreti e comandi militari) che i terroristi dell'Isis starebbero preparando un attacco alla diga di Mosul dove per folle e illegale decisione del governo italiano sembra prosegua il dispiegamento di centinaia di soldati del nostro paese.

Ignoriamo ovviamente quale sia il livello di attendibilità della notizia, e quali siano i fini di coloro che dall'interno delle forze armate e/o dei servizi segreti l'hanno diffusa ai mass-media con molti dettagli - veri o falsi che siano –.

Quel che è certo è che da mesi i mass-media internazionali riferiscono come sia imminente una cruciale iniziativa dell'esercito iracheno e dei peshmerga curdi per liberare la città di Mosul, da anni occupata dai terroristi dell'Isis. Ed è probabile che l'organizzazione terrorista prima di abbandonare la città possa tentare un attentato alla diga. La presenza dei soldati italiani alla diga di Mosul purtroppo favoreggia di fatto la propaganda dell'organizzazione terrorista (che può presentarli come truppe occupanti di un paese straniero già partecipe della prima guerra del Golfo e dell'occupazione militare seguita alla seconda) ed espone pertanto ancor più quell'impianto ad essere bersaglio di un attentato che potrebbe avere esiti fin apocalittici sia per quanti si trovano in loco, maestranze e difensori, sia per le popolazioni a valle della diga.

Per l'ennesima volta chiediamo quindi che le truppe italiane lì dislocate siano immediatamente ritirate e che per la sicurezza dell'impianto e delle maestranze provveda personale dello stato iracheno, come è logico e legittimo.

Il terrorismo va contrastato e sconfitto con mezzi adeguati; le guerre e le occupazioni militari straniere invece lo alimentano.

La presenza militare italiana in Iraq, come in Libia, non solo non è utile, ma è assolutamente nociva, ed anziché garantire protezione ai civili in realtà mette gratuitamente ed assurdamente in pericolo innumerevoli vite umane.

L'Italia torni al rispetto della sua Costituzione che ripudia la guerra.

 

Il Comitato nonviolento per la revoca della decisione governativa

di inviare centinaia di soldati italiani alla diga di Mosul


Articoli correlati

  Francesco Cecchini. Italia e Iraq
  Francesco Cecchini. Diga di Mossul, Iraq. Soldi per andare alla guerra
  Peppe Sini. Fermare le stragi nell'unico modo possibile
  Wolinski, Cabu, Charb, Tignous: non dimentichiamoli e impegniamoci come loro per la libertà
  Omar Santana. Il califfato affonda nel sangue
  Garrincha. Buon appetito
  Asmae Dachan. Baghdad, l’ennesima strage degli innocenti dimenticati
  We are Orlando
  Francesco Cecchini. Cosa sta succedendo a Falluja, a Mosul e in Italia
  Roberto Malini. Grazie, Lucasz
  Christian Flammia. Prevenire, educare, magari rinunciare a qualcosa... ma l'Isis si può vincere
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non cessa la vendetta
  Umberto Santino. La pace naviga controcorrente
  Asmae Dachan. “Figlie di un dio minore”, un reportage che pone interrogativi
  Asmae Dachan. Il pianista di Parigi come il pianista di Yarmouk
  Gordiano Lupi a tutto Garrincha
  Asmae Dachan. Basta con terrorismo e giù le mani dall'Italia
  Asmae Dachan. #Siria: Isis e l’infibulazione dei cervelli
  “Da Senigallia a Kobane. Insieme ai Curdi”
  Carlotta Caldonazzo. Terrorismo e guerra al terrorismo: una controproposta
  Marco Lombardi. Radici
  Cosa sta accadendo a Mosul?
  Roberto Malini. La follia di sostenere Isis
  Omar Santana, il doppio sistema monetario e lo Stato Islamico
  Mario Lucchini. Ma quale sicurezza?
  Lidia Menapace. Guerre e bugie
  Gino Songini. Una guerra mondiale “a pezzi”
  Al distributore
  Lidia Menapace. Neutralità, Nato, Caschi blu
  Asmae Dachan. Isis e Assad: il tempismo del terrore per seppellire altro terrore
  Peppe Sini. Hiroshima sul lungomare di Nizza
  Zoé Valdés. “Je suis Bangladesh et Bagdad”
  Marco Lombardi. Occhi voraci di libertà
  Christian Flammia. “È in corso la terza guerra mondiale”
  Carlo Forin. Strage di libertà in Francia
  Roberto Fantini. Bombe italiane utilizzate dall’Arabia Saudita in Yemen
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy