Giovedì , 05 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Il blog di Alejandro
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
A. Torreguitart Ruiz. Yoani Sánchez contro Mariela Castro
10 Novembre 2011
 

Yoani è gentile, educata, risponde agli insulti con la dolcezza. Io no. Io non ce la faccio. Sono un cafone figlio di cafoni. Vivo a Luaianó, frequento Diez de Octubre e L’Avana Vecchia. Ho qualche amico a Marianao. E se mi offendono tiro fuori le unghie, per Dio.

Sono ventidue anni che è caduto il Muro di Berlino, ma il nostro muro non vede il giorno della sua fine, forse perché abbiamo sulle spalle il peso di un’isola, circondata dall’acqua da ogni parte, per dirla col vecchio Piñera. Adesso ci capita pure di assistere alle liti tra Yoani e Mariela, ma mica nella vita reale, no, sarebbe troppo bello, discutono su Twitter, ché pure in rete vogliono dare ordini questi fenomeni dei nostri mandatari. Mariela Castro è una tipa tosta, è andata in visita ad Amsterdam, ha visitato il quartiere rosso, s’è ricordata di Cuba, delle puttane che frequentano il Malecón e ha detto la sua. “A Cuba tante ragazze fanno le prostitute perché devono riparare il bagno, ma quando l’hanno messo a posto smettono, mica vogliono fare quella vita per sempre”. Cara la mia figliola di Wilma Espín e di Raúl Castro, ma quando te ne vai in giro per il mondo, visto che ti ci mandano, stare zitta ti farebbe schifo? E invece di parlare di puttane e dei motivi per cui fanno quel mestiere, ché poi a qualcuna magari piace, cosa ne vuoi sapere tu, altre invece non ce la fanno a campare con i quattro pesos che paga lo Stato, non hanno parenti all’estero e il loro capitale è un corpo da vendere. Che cazzo ne vuoi sapere dei problemi della gente, tu che non ti vergogni neppure ad andare in giro a dire che a Cuba c’è libertà di parola e di stampa. Rispondi alle domande che ti fanno, invece, visto che adesso hai aperto una pagina su Twitter, spazio governativo s’intende, dove è possibile solo darti ragione. Rispondi a Yoani, se sai cosa dire, invece di allenare la lingua all’insulto. Ti ha dato il benvenuto nella comunità di Twitter, ti ha chiesto quando saremo liberi di uscire e di entrare dal nostro paese, ché adesso non lo siamo, se non lo sai, ti ha domandato perché non possiamo discutere su ogni argomento politico e sociale. Non ha detto cose strane, cara Mariela, non ha detto che le puttane lavorano per riparare il bagno, non meritava che tu le rispondessi di studiare per migliorare i suoi servizi, che rincarassi affermando che la sua voglia di tolleranza riproduce vecchi meccanismi di potere. I vostri servizi non miglioreranno mai, invece, neppure se studiate mille anni, ché vivete il popolo come un fastidio e siete vecchi dentro. Cara Mariela, potevi restare ad Amsterdam nel quartiere rosso, così lo studiavi a fondo, magari ti trovavi bene e ti portavi a casa qualche puttana da impiegare al Cenesex. Un consiglio. Non usare troppo Twitter, ti può far male, la rete è democratica, non ce la fai a zittire la gente, neppure se ti chiami Castro. Prendi esempio da Fidel, Mariela, prima di parlare rifletti, magari scrivi, forse ti viene meglio.

 

Alejandro Torreguitart Ruiz

L’Avana, 9 novembre 2011

Traduzione di Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Twitter vuol dire uguaglianza e l'arroganza non porta lontano
  Antonio Stango. La blogosfera libererà Cuba?
  Uno scrittore pericoloso: Reinaldo Arenas
  Orlando Luis Pardo Lazo. Pessima poesia
  Cuba. Wendy Iriepa e Ignacio Estrada oggi sposi
  A. Torreguitart. Siamo tutti finocchi
  Gay.it. Cuba. Annullato il primo Pride della storia dell'Isola
  Omar Santana. Il regalo di Ahmadinejad
  Cuba. Omofobia e ragion di Stato
  Yoani Sánchez sfida Mariela Castro
  Yoani Sánchez. Paseo orgoglioso
  Garrincha. Prostitute a Cuba
  Gordiano Lupi. A Cuba aumenta la repressione
  Yoani Sánchez. Il Quartiere Rosso e le vetrine cubane
  Gordiano Lupi. “En el cuerpo equivocado” di Marylin Solaya
  La Cuba di Mariela Castro
  Yoani Sánchez. Galletta
  Yoani Sánchez sarà testimone al matrimonio di Wendy
  Cuba. Un 8 settembre di arresti e violenze
  A. Torreguitart Ruiz. Fidel si fa da parte
  Yoani Sánchez ospite virtuale alla Fiera del Libro di Miami
  “La discriminazione degli omosessuali è stata colpa mia!”
  Le favole di Mariela e la stampa compiacente
  Garrincha e Mariela Castro
  Yoani Sánchez. Breve incontro con Mariela
  Antúnez, un “diamante nero” nelle carceri cubane
  Mariela Castro chiede diritti per i gay cubani
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 5 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy