Sabato , 28 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando: Nota a margine su “A un passo” di Angelo Andreotti
Vincent Van Gogh,
Vincent Van Gogh, 'Natura morta: Vaso di Iris su sfondo giallo' 
13 Giugno 2014
 

Lui… così vicino al suo sogno.

 

Animata da una profonda spiritualità, la scrittura di Angelo Andreotti è di quelle che tendono all’ascesa e si nutrono di silenzio e di riflessione.

Emblematico il racconto A un passo, che, pur dando ampio spazio alla inquieta e complessa interiorità del personaggio (lui), mantiene la leggerezza e le sfumature di un sogno svanito all’alba.

Natura, realtà e desiderio fluiscono e si amalgamano nell’armonia dell’impostazione, degli assunti e della straordinaria creatività espressa nell’equilibrio non solo formale, ma giocato anche tra ragione e sentimento.

 

Le figure di lui e lei, si muovono sullo scenario di una tarda sera d’estate, nell’area del giardino di lei… dove lui riposa su una sdraio… Appaiono in una dimensione surreale, da sogno.

Lui è in preda al tormento fisico e spirituale di un amore inespresso (sarà questo grumo di emozione chiusa a pugno nella bocca dello stomaco, che preme e lo costringe a contenere un tremore profondo e remoto, continuo...).

Lei, bella e affascinante, sguardo solido e fiero, sulla sdraio di fronte, (con una mano regge il bicchiere di whisky con il ghiaccio ormai quasi sciolto, piccolo ...con l’altra mano tormenta il colletto della camicia) sta come in attesa che qualcosa …accada.

 

In un breve lasso di tempo sfilano in sequenza immagini istantanee, semplici, efficaci.

Qualche allusione all’eros tangibile e… rarefatto…: l’azzurro degli occhi di lei.

..Un azzurro sorridente. Ampio. Da starci dentro, come in volo, appunto. Le labbra belle carnose, rosa acceso anche senza il rossetto si muovono cullando quasi le parole. Le lambiscono, le circuiscono per rinvigorirle, le porgono all’ascolto, ne mimano il significato. Sembrano vezzeggiarle prima di lasciarle andare. Lui ne è incantato e quasi non ne ascolta la voce, peraltro armoniosa, pur di concentrarsi su quella danza di aria e carne.

Vorrebbe, eccome se vorrebbe… quelle labbra… È da tempo che vorrebbe… è da sempre.

 

Eros non disgiunto dal pathos .

Pathos intessuto di ritorni come ogni amore che tormenta: amore che appare e, all’improvviso, scompare, quasi non fosse mai esistito, per poi… ritornare ad occupare pensieri e desideri.

Amore lieve come una piuma, come polvere che turbina nell’aria e presto non ci sarà più.

 

Leggerezza e complessità, in fondo, (sembra voler dire l’autore) fanno parte della vita di ciascuno di noi chiamati, ogni giorno, alla responsabilità della decisione...

Leggero è il sogno. Pesante e complessa, a volte, la scelta.

Lui, così vicino al suo sogno si ferma, a un passo. Perché? Non è dato saperlo.

Forse… per lasciare intatta e splendente, nell’azzurrità del cielo, la bellezza del sogno.

 

Giuseppina Rando


Articoli correlati

  Angelo Andreotti. POLAROID (1999)/ Pudore
  Giuseppina Rando: Nota a margine su “Pudore” di Angelo Andreotti
  Angelo Andreotti. POLAROID (1999)/ A un passo
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Odore d’abisso...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Tetra luce...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A notte basta un soffio...
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  “Bioccoli” di Giuseppina Rando in Limina di Anterem Edizioni
  Giuseppina Rando. Movide selvagge del “bel paese”
  Spigolature/ Giuseppina Rando. Solitudine o isolamento?
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non abita il tempo...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Vaga sui tetti...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Gli anni bianchi
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Variazione in gioco
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Una fila di foglie acuminate...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A sera
  Vetrina/ Giuseppina Rando. la mia alba
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nella notte sempre più notte...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non sapeva il bambino dagli occhi neri...
  Giuseppina Rando. Le belle parole
  Vetrina/ Giuseppina Rando. E quel che è peggio
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Del buio della terra...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Consummatum est
  In libreria/ Pina Rando. Verità
  Vetrina/ Giuseppina Rando. La deriva
  Vetrina/ Giuseppina Rando. La realtà è inganno
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Resiste il corpo alla ferita...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nastro di memoria...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Luce blu
  Vetrina/ Giuseppina Rando. La lucciola
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Leggera l’ombra...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Verso l'ignoto
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Invisibile quel fuoco...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A Mario Luzi
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Altalena di giorni...
  Giuseppina Rando. Covid 19: “lectio magistralis”
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Del dire indicibile...
  Vetrina/ Pina Rando. Il volto
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Strugge la caducità...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non cessa la vendetta
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Follia di sole
  Vetrina/ Giuseppina Rando. danza magica
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Come l’erica
  Giuseppina Rando. Etica e valori sociali
  Vetrina. Giuseppina Rando. Geografie dell’io
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Tempo
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Trasparenze
  In libreria/ Geometria della rosa di G. Rando. Nota di Claudia Vazzoler
  Vetrina/ Pina Rando. ingiustizia dei giusti
  Vetrina/ Giuseppina Rando. S’adagia sonnolenta...
  Giuseppina Rando. L’America dei miracoli
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Dilata la giostra...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Soffocate dallo scirocco
  Giuseppina Rando. Misura
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Occhi aperti non videro
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Fuoco spento
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Controvento
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non odo più parole
  Giuseppina Rando. Rifrangenze
  Barcellona Pozzo di Gotto. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando alla Biblioteca N. Di Giovanni
  Vetrina/ Parvenze. Giuseppina Rando con Gianluca Moiser
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Albero stecchito...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ofelia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Acqua di gora ti inchioda
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ogni istante si muore...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Oltre la pietra la voce
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Corpo e mente afflizione...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Smarrito il codice...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Due poesie di stagione
  Giuseppina Rando. Voci di mare
  In libreria/ Ginevra Grisi. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. vittima innocente
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Danza sotto il cipresso...
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Giuseppina Rando. I dipinti di David
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Se il presente colorando...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Piccola silloge senza dedica
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Eterna sinfonia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Adesso abiti dove...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nel labirinto di parole
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Bianca salmodia del silenzio
  Premi e concorsi/ Poesia e prosa: i vincitori del “Lorenzo Montano” XXXI edizione
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Vertigine mortale
  Giuseppina Rando. Empatia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Come cervi assetati larve umane...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Il silenzio della fine...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. All’alba
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Si fa scrittura la mano
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Il gioco dei dadi...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. L'angelo della sera
  Vetrina/ Giuseppina Rando. analfabeta
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Némesis
  Vetrina/ Giuseppina Rando. S’apre il sipario...
  In libreria/ Pasquale Matrone. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. parvenze di giorni
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Camminano i sogni...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Fioriscono tra le mani...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nel variar di vento...
  L’almanaccone impertinente. Tellus 34-38
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Stelle marine
  Giuseppina Rando. La paura
  In libreria/ Domenico Pisana. “Pianeta donna”
  In libreria/ Domenico Pisana. In punta di libro…
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Mutazione
  Giuseppina Rando. Sulla statua di Indro Montanelli
  Piera Isgrò. Le belle parole di Giuseppina Rando
  Giuseppina Rando. Si riaprono i cancelli delle scuole, finalmente!
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A notte – al gelo...
  Giuseppina Rando. Sensibilità e delicatezza
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Oro filato
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Resiste al disincanto...
  Vetrina/ I maledetti. Giuseppina Rando con Patrizia Garofalo
  Patrizia Garofalo. Le belle parole di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. I lager non sono mai finiti
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Trovino rifugio le lacrime
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Dal monte a valle saette...
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Urla squarciano il silenzio...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Va la barchetta all’alba...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ala di sogno
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nel vuoto domenicale...
  Giuseppina Rando. Un clone
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  Giuseppina Rando. Sulla noia
  Pina Rando. A Patrizia
  In libreria/ Pina Rando. Attesa
  Vetrina/ Giuseppina Rando. l’ordine dell’esistere.
  Giuseppina Rando. Era un angelo
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Fluidoandare
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Incompiuta
  Premi e concorsi/ Giuseppina Rando. Vuoto
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. S’è spenta la luce...
  Patrizia Garofalo. Dei Bioccoli di Giuseppina Rando
  Giuseppina Rando. L’artista pellegrino
  Vetrina/ Pina Rando. Nella nebbia
  Vetrina/ Pina Rando. Di te
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Sull’isola del silenzio (con Patrizia Garofalo)
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Allo scoccare dell’ora...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Sgomenta l’aggirarsi...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Al poeta Ashraf Fayadh*
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Luce altra
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Sul veliero...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Mormora il vento
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Immane tu
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nei giorni tiepidi di quest’inverno...
  Vetrina/ Giuseppina Rando (Due inedite poesie)
  Vetrina/ Pina Rando. Esistenza che s’attarda...
  In libreria/ Giuseppina Rando. L’altra letteratura contemporanea siciliana di Carmelo Aliberti
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Voci
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  In libreria/ Angelo Andreotti. “Geometria della Rosa” di Giuseppina Rando
  Pina Rando. Distacco
  Giuseppina Rando. Il fantasma di Dora
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Da stazione marina...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. In basso continuo
  In libreria/ Guglielmo Peralta. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Giuseppina Rando. Guerra in tempo di pace
  Vetrina/ Giuseppina Rando. In processione...
  Giuseppina Rando. Un alito metafisico
  Vetrina/ Giuseppina Rando, Ada Negri. Riflessioni
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy