Domenica , 14 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Nuovi narratori italiani
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
NNI 4. Francesco Giubilei
23 Ottobre 2007
 

In questa puntata voglio presentarvi un ragazzo prodigio, un giovanissimo animatore culturale di 15 anni, molto attivo sul web, che dirige una rivista interdisciplinare come Historica ed è riuscito ad avvicinare al progetto culturale collaboratori del calibro di Francesca Mazzucato e Gianluca Morozzi. Il mio apporto è decisamente meno prestigioso e importante, ma pure io sto dando una mano alla crescita di un’idea interessante.

Francesco Giubilei ha molto da imparare e deve affinare una tecnica acerba, ma dopo un paio di racconti che ha inviato ne ho trovato uno (con la collaborazione del mio esperto di cose indiane Stefano Santangelo) degno di essere pubblicato. Preciso che se fosse stato presentato da un autore più navigato non lo avrei preso in considerazione, ma vista l’età ho deciso di dare un’opportunità. Francesco si cimenta nella narrazione giornalistica di un episodio della storia indiana, scrivendolo dalla parte dei nativi e drammatizza la figura del capo dei Nasi Forati in maniera scolastica ma abbastanza interessante. La sua narrativa è acerba ma immune da fronzoli decadenti e poetici che spesso contaminano le scritture giovanili. Tutto lascia intuire grandi margini di miglioramento. Se è vero che Rimbaud scrisse le cose migliori a diciotto anni, è anche vero che la maggior parte degli scrittori maturano con il tempo. Attendiamo Francesco Giubilei nelle prove future che considereremo con grande attenzione.

 

Gordiano Lupi

 

 

Chi è Francesco Giubilei

 

Nasce a Cesena l’1 gennaio 1992. Frequenta il Liceo scientifico “A. Righi”. Cura il blog Caffè Storico Letterario (http://caffestorico.splinder.com), fondatore e direttore dell’e-magazine Historica (www.historicaweb.com), collabora con il portale di letteratura e sogni Lankelot. Giovinezza. Partitura per mandolino e canto è il suo primo libro.

 

 

IL SIGNORE DELL’ALTOPIANO

 

L’ho sepolto in quella bella valle
dalle acque mormoranti. Amo quella
terra più di tutto il resto del mondo”

Giuseppe Dei Nez Percè

 

Quello che i nativi americani chiamano altopiano è in realtà un territorio molto esteso che va dalla Columbia Britannica Canadese (Vancouver) e, varcato il confine degli Stati uniti, comprende l’Oregon e il Washington orientali, più della metà dell’Idaho, oltrepassando le Rocciose, raggiungendo il Montana Nord-orientale. Clearwater (Acqua chiara) Salmon (Salmone), Boulder (Macigno), Beaverhead (Testa di castoro) e Cascade (Cascata) erano i nomi dei fiumi che solcavano quella terra meravigliosa. Questo era il territorio di Hein-mot Too-ya-la-kekt, conosciuto ai più come Capo Giuseppe. Il timore di Dio, il senso di responsabilità e il coraggio furono le sue caratteristiche fondamentali, aiutate tuttavia da una straordinaria capacità oratoria che contribuì ad amplificarne i reali contenuti. Protagonista incontrastato di quella che la storia americana chiama guerra dei Nasi Forati (1877) e alla straordinaria ritirata con l’umiliante perdita finale delle terre, cavalli e indipendenza. La lotta dei Nasi Forati per la libertà, uno degli episodi meno conosciuti ma più significativi della storia indiana. Attuale perché ancora oggi dobbiamo confrontarci con queste sgradevoli situazioni, ad esempio Myanmar - Birmania.

 

A Giuseppe, Capo supremo dei Nasi Forati.

Desideriamo dimostrarle i nostri buoni sentimenti e l’ammirazione per il suo coraggio e la sua umanità, rivelati nel recente conflitto con le truppe degli Stati Uniti, la invitiamo di tutto cuore a pranzare con noi alla Casa Sheridan, in questa città. Il pranzo sarà servito alle una e trenta di oggi.

 

Questo era il testo recapitato a Giuseppe quando arrivò a Bismarck dopo la resa al generale Miles. Ancora una volta si trattava di uno squallido sotterfugio per sottrarre ai nativi il territorio e le risorse che gli spettavano. W.T. Sherman ne fu in larga parte responsabile, pure se a posteriori ebbe l’onestà di ammettere che la guerra dei Nasi Forati fu una delle guerre indiane più straordinarie di cui si abbia memoria. Gli indiani mostrarono un grande coraggio e un’abilità che sollecitano una lode universale, si astennero dal togliere scalpi, lasciarono libere le donne, non commisero omicidi indiscriminati di famiglie pacifiche e combatterono con maestria scientifica usando truppe di avanguardia e retroguardia, linee di scontro e fortificazioni da campo.

 

Benvenuto Chief Joseph, tutti l’aspettano”.

Il nativo accennò un sorriso, incomprensibile e nascosto dalla durezza del volto. Entrò in modo trionfale nel salone. Non era di bell’aspetto, ma le formidabili notizie che lo avevano preceduto lo trasformarono in oggetto di interesse per molte signore. Venne servito salmone, il suo piatto preferito. Il Nez Percè non era abituato ai pranzi di gala, non sapeva stare in società, però aveva molta fame e si cibò con cupidigia. Tutti erano sicuri che l’animale fosse in trappola e purtroppo era vero. Per lui e per il suo popolo si stava avvicinando la fine. Conversò in modo affabile e a un certo punto gli venne chiesto di pronunciare un discorso.

 

Dio creò terra per gli Indiani ed era come se avesse disteso un panno. Sopra vi mise gli Indiani. Sono stati creati qui, su questa terra... e allora cominciarono a scorrere i fiumi. Poi Dio creò i pesci nei fiumi, diede la vita alla selvaggina sulle montagne e ordinò che si moltiplicasse. Poi il Creatore diede la vita a noi Indiani. Ce ne andavamo in giro e quando vedevamo pesci e selvaggina, sapevamo che erano stati creati per noi. Dio creò radici e bacche perché le donne le raccogliessero... Dio ci ha creati perché vivessimo qui ed era nostro diritto cacciare e pescare finché io e mio nonno riusciamo a tornare indietro nel tempo con la memoria.”

 

Erano parole di libertà per il suo popolo ma non sarebbero servite a molto. Per tutta la serata dissertò con le signore su come utilizzare la fibra di canapa, del sambuco, del salice nel procedimento della tessitura per ottenere eleganti indumenti.

Chaterine Wood esclamò: “Un pellerossa così istruito non lo avevo mai visto”.

Bevve con moderazione anche alcolici, restando sobrio senza penalizzare la sua immagine. Al momento di uscire, aveva capito perfettamente che tutto era perduto, che la libertà era stata lasciata dopo una resa incondizionata. Sapeva che lo consideravano soltanto un selvaggio al quale avevano tolto tutto. Non aveva perso la dignità, la cosa più importante. Per questo, uscendo dalla sala, fece cenno alla signora Wood di avvicinarsi. Tutti si stupirono, ma pare che le abbia sussurrato soltanto un rimprovero alimentare: “Il salmone andava servito meglio.”

 

Ventisette anni dopo, Capo Giuseppe partecipò in Pennsylvania al banchetto inaugurale della Carlish Indian Industrial School e sedette a tavola accanto al generale Howard, suo vecchio nemico. Oliver Otis Howard, dopo aver vinto la guerra contro i Ciricahua di Cochise, venne incaricato di mediare la resa dei Nez Percè.

Un giornalista dell’Inter Ocean invitò il vecchio capo a parlare e quest’ultimo rese onore a Howard: “Tu capo bianco hai sempre rispettato la nostra terra e hai anche cercato di farcela restituire. Ci accomuna l’amore per un Dio supremo che non conosce discriminazioni fra vinti e vincitori.”

Il vecchio generale non rispose ma mangiarono insieme con formidabile appetito.

Giuseppe ebbe nove figli, cinque femmine e quattro maschi, tutti morti in territorio indiano, a Nespelem e in Idaho.

Nel 1904, ventisette anni dopo la resa e a pochi mesi dalla sua morte, l’unica cosa che rimproverò al suo commensale, fu la cottura di pesci serviti a tavola: “Poco fragranti, asciutti, troppo cotti”.

 

Francesco Giubilei

francescogiubi@libero.it


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy