Venerdì , 19 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni [08-20]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Patrizia Garofalo. “Nel verso della vita” di Angelo Andreotti
27 Dicembre 2010
 

«sono cieco ed ignorante, ma intuisco

che sono molte le strade»

J.L. Borges

 

 

«Dai dolori sofferti impariamo a medicare la solitudine, ma dalle gioie dovremo imparare il senso del dono».

È tematica ricorrente delle liriche di Angelo Andreotti la riflessione religiosa e filosofica della valenza della vita, meravigliosa e possibile epifania entro la quale armonizzare il proprio coraggio, forza e dolore e scorgervi, in un percorso di intenso scandaglio dell’animo, attraversamenti di sorpresa e d’energia.

«Troppo attenti all’orizzonte, spesso trascuriamo il viaggio che così ci fugge rapido e senza peso. È nell’ora vuota di una pausa, con lo sguardo lassù in alto e il passo fermo, che quel senso ci raggiunge e ci racconta calmo la gioia taciuta di esserci».

Questa sensibile introspezione dell’anima è trascritto da La faretra di Zenone (Corbo Editore), silloge successiva a Porto Palos (Book Editore) e disvela, nel paradosso di Zenone, l’eterna dicotomia spazio-tempo, tempo reale e tempo dell’anima che tanta parte occupa nell’orizzonte poetico di Angelo Andreotti.

È dal silenzio che derivano l’ascolto, la sosta, l’ormeggio dal viaggio che sfinisce e nutre, affatica e riflette, naufraga e salva.

«…in attesa di me / mentre mi scortico / sui bordi di un taccuino dove l’anima / la forma della voce / la sua carne / la ritrovo trascritta tale e quale / nel fondo di una frase / ascoltata / giorni dopo essere stata pronunciata».

Le liriche si addensano di paesaggi sfumati da una temporalità indefinita e vasta ed in essa il poeta dà forma a sogni e rinascite anche nell’angusta spazialità del quotidiano ove le immagini trasfigurano in metafisica dell’essere, il momento in cui l’uomo si differisce nell’oggi rispetto al futuro come solo obiettivo, in nome dell’intensità arricchente di momenti, attimi, incontri, percezione del sé, ascolto e sentimenti.

«Può darsi che quando il tempo s’annotta / noi si cerchi quel che ancora non c’è / affinché sognato possa esistere».

E l’incontro si anima di respiro, la luce d’ombra nello spazio si rifrange specchiata nel corpo «su cui scorre la vita» e aria nella quale danzare aggrappati «dentro quel palpito / improvvisato nel tempo / […] qui dove sarà ospitato il ritorno / della mia stessa dispersa presenza».

L’immagine femminile ricorrente nelle liriche entra “nel verso della vita” dell’autore e attraversa la parola del silenzio, dell’attesa e, nella musica del vento, compare, scompare, illumina «svagata su sabbie […]». Ed è proprio la vita che si fa spazio per il rimarginare lento delle ferite, per quella proiezione armoniosa e circolare sottolineata dai disegni del pittore Gianni Cestari, che coglie l’inquietitudine del poeta e suggestivamente ne abbraccia i versi. Entrambi offrono un susseguirsi di immagini e spazi, luci e figure informali che annodano una luminosa fisicità, trasparente, immaginifica, energica, pulsante, «[…] per gioire insieme nell’inquietudine / del riconoscersi non più al sicuro». E cielo e mare si fondono in pennellate di pittura e parole che si cercano e si ascoltano; il volo dall’alto «scialle traforato su ardesia» abbraccia l’uomo che a terra lo accoglie «[…] oltre il limite in cui l’anima è corpo» stupefatto «dal fruscio rallentato di un pastello / steso / a diradare il cielo in mare»,e «[…] a schiumare / nuvole improvvisamente incupite / ma dai bordi incendiati d’oro ambrato».

E quando il tempo disvela di essere ma di essere anche stato, e il divenire assume forme diverse e percepibili, proprio in quel cogliersi nudi davanti all’esistenza, leggiamo «se pensi che questo fiocco di neve / non sia soltanto neve ma racconto / prendimi la mano / e di te parlami».

 

Patrizia Garofalo

 

Angelo Andreotti,

Nel verso della vita

Este Edition, Ferrara 2010, pagg. 88, € 10,00


Articoli correlati

  Vetrina/ Angelo Andreotti & Patrizia Garofalo. Pantografia marina
  In libreria/ Angelo Andreotti. “Geometria della Rosa” di Giuseppina Rando
  Invito letterario: Angelo Andreotti. Il Guardante e il Guardato
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Tra parola e mondo” di Angelo Andreotti
  Ferrara. Il silenzio dei violini alla Biblioteca Comunale Ariostea
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Dell’ombra la luce” di Angelo Andreotti
  In libreria/ Giuseppe Ferrara su “A tempo e luogo” di Angelo Andreotti
  Daniele Serafini. Là, dove l’orizzonte accade
  Ferrara: Un invito, “A tempo e luogo”
  Macerata, 1° aprile. “Il Guardante e il Guardato” di Angelo Andreotti
  “Il guardante e il guardato”
  Angelo Andreotti. POLAROID (1999)/ Pudore
  Annagloria Del Piano. Il guardante e il guardato di Angelo Andreotti
  In libreria/ Angelo Andreotti. Dell'ombra la luce
  Spot/ Ferrara: Marco Munaro per “I Poeti dei poeti”
  Vetrina/ Angelo Andreotti. Dimmi di te
  Spot/ Ferrara: Duccio Demetrio per “I Poeti dei poeti”
  Spot/ A Ferrara, Monica Pavani per “I Poeti dei poeti”
  Angelo Andreotti. Il silenzio e le parole
  Angelo Andreotti. Le viol
  Angelo Andreotti. A tempo e luogo
  In libreria/ Angelo Andreotti. A tempo e luogo
  Recanati Art Festival à la culture
  Ferrara. Angelo Andreotti: Di due pubblicazioni, una a fianco dell'altra
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Custode di dune” di Lucia Boni
  Istituzioni/ Accademia del Silenzio. 'Scuola estiva' ad Anghiari, fine agosto
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “A tempo e luogo” di Angelo Andreotti
  In libreria/ Angelo Andreotti. Porto Palos
  In libreria/ Silvia Comoglio. “Tra parola e mondo” di Angelo Andreotti
  Anticipazioni: Flavio Ermini. L’appello silenzioso dell’essere
  In libreria/ Giuseppina Rando. Il cuore segreto delle cose
  Spot/ “I Poeti dei poeti” per I lunedì a casa di Ariosto
  Patrizia Garofalo. Note a margine del convegno di ecologia narrativa di Anghiari
  Angelo Andreotti. Chi ha paura del giallo, del rosso e del blu
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Dell’ombra la luce” di Angelo Andreotti
  Angelo Andreotti. Il guardante e il guardato
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.6%
NO
 35.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy