Martedì , 16 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni [08-20]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Ragazzi @l pc# Giulia B. Le Fantastiche avventure di Filippo 7
17 Giugno 2010
 

7.

 

Finalmente anche il quinto amuleto era stato recuperato.

Filippo era seduto sulla scrivania, pensando a come poteva affrontare la prossima prova, sarebbe sicuramente stata difficile.

Non poteva farci nulla, doveva recuperare anche il sesto amuleto.

Alle otto era già seduto sulla sedia, nell’aula di chimica.

Oggi dovrai andare nell’Ottocento, lì troverai un amuleto. Ricorda, colui che guarda i particolari saprà trovare tutto ciò di cui ha bisogno. – Gli raccomandò il prof. mentre premeva il tasto di invio che portò Filippo nell’epoca destinata.

Filippo si trovò seduto su uno sgabello, in mezzo ad un prato, con davanti qualcuno che stava dipingendo, su un album posato su un cavalletto, c’era qualcosa che non riusciva a vedere, allora si alzò in piedi. Fu apostrofato dal pittore che armeggiava con il pennello come se fosse una spada,

Stai fermo, altrimenti mi rovini il dipinto! O vuoi far parte di una delle collezioni dei dipinti di Van Gogh? – Disse il pittore sbucando da dietro la tavolozza piena di colori.

Così Filippo, appena il pittore ebbe finito il suo disegno, scrutò con attenzione quel personaggio che aveva di fronte e notò con stupore che il suo orecchio luccicava.

Cosa c'è da guardare, ragazzo? – Gli chiede Van Gogh.

Niente, niente, signore, notavo solamente che il suo orecchio sfavilla di una luce intensa – rispose titubante Filippo.

Il pittore rimase in silenzio, prese il dipinto e se ne andò per la sua strada.

Quando si allontanò dalla sua vista, Filippo si mise l’auricolare per mettersi in contatto con il professore: – Professore, come le salta in mente che io possa tagliare un orecchio ad una persona! – Sussurrò il ragazzo come se avesse paura che qualcuno lo sentisse. – Filippo, è tutto nelle tue mani, ricordati, non sono io che debbo portare i chiarimenti alla terra, devi provare il tutto per tutto.

Quelle parole gli risuonarono con odio nella sua mente, non poteva credere a ciò che il professore lo stava spingendo a fare. Non aveva altra scelta, doveva seguire Van Gogh senza farsi notare.

Pochi metri più avanti vide una stradina di campagna che si interrompeva a causa di una costruzione dove il pittore si accingeva ad entrare.

Piano, piano il ragazzo si avventurò giù per la strada sassosa, facendo attenzione di non scivolare per non essere smascherato durante il suo inseguimento.

Arrivato all’altezza della sontuosa casa, si nascose dietro ad un albero per spiare l’artista che stava parlando con un uomo, a prima vista, molto ricco.

Van Gogh sembrava arrabbiato, Filippo voleva sapere a tutti i costi di cosa stavano parlando, si avvicinò alla finestra aperta ma rovinosamente inciampò in un sasso e fece così interrompere bruscamente la discussione dei due.

Il ragazzo si alzò per nascondersi, ma venne colto sul fatto e si ritrovò in prigione, disperato, con la testa tra le sbarre.

Cercò di parlare con il prof. ma lui non gli rispondeva, era proprio in trappola.

I gendarmi gli avevano persino tolto lo zaino che portava in spalla, con tutte le sue armi.

Non so cosa fare, ho solo con me il mio braccialetto… ma certo il braccialetto! – Si disse tra sé e sé.

Prese il bracciale ed esclamò: – Vorrei la chiave per aprire la porta della mia cella. – Con sorpresa si ritrovò l’oggetto tra le mani. Senza farsi notare uscì di soppiatto dalla prigione sorvegliata da tantissime guardie.

Riprese la “caccia” a Van Gogh, provò ad andare in piazza dove si svolgeva il mercato pullulante di gente, ma niente.

Allora si recò verso la casa signorile dove aveva assistito al litigio tra Van Gogh e quel signore.

Questa volta doveva stare più attento! Lentamente attraversò la strada di ciottoli, si nascose e vide di nuovo il pittore intento a parlare con lo stesso uomo della volta prima.

Bastò solo un minuto e Van Gogh uscì dalla casa e, con le lacrime agli occhi, si tagliò l’orecchio-amuleto e lo buttò in fondo al viottolo.

Filippo non voleva credere a ciò che aveva visto, raccolse l’orecchio ed in quel medesimo istante venne subito ricapultato nell’aula.

Si alzò, appoggiò l’orecchio sulla scrivania e alzando lo sguardo vide, sul viso del prof., un ghigno spaventoso.

 

Giulia Barillaro

 

(7 - Il seguito alla prossima puntata...)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.8%
NO
 35.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy