Sabato , 04 Aprile 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Ezio Maifrè. Il sogno di Marta
24 Febbraio 2010
   

Lo scrittore e caro amico Ezio Maifrè di Tirano mi ha inviato un suo breve racconto per “dare un messaggio di salvaguardia del territorio”, in particolare ai bambini e ai ragazzi, sostenendo che “gli anziani” l’ambiente l’hanno ormai, almeno in parte, rovinato. Allora leggiamo e riflettiamo, forse non tutto è perduto. (Paola Mara De Maestri)

 

 

Il sogno di Marta


Era una notte d’aprile del 1986. Marta con il nonno era seduta sotto i tigli di Ronco; non v’era luna, le stelle brillavano di luce tremula.

Videro una stella con una sciabola di luce. Il nonno disse a Marta: “È la cometa di Halley”. Sapeva che la cometa sarebbe ritornata nel 2061, dopo 76 anni; era l’ultima occasione della sua vita per ammirarla.

Il nonno pregava perché la cometa donasse fortuna alla nipotina; Marta sognava di poter afferrare la cometa e di chiuderla nel cuore. Guardarono per molto tempo la cometa, poi si addormentarono accarezzati dalla lieve brezza.

Il desiderio di Marta si avverò. La cometa entrò nel suo cuore. La bimba sognò d’essere immersa nella coda di cristalli di ghiaccio. Com’era bella la terra vista da lassù. Era simile ad una palla azzurra illuminata a metà nella notte; fili d’argento si muovevano lentamente sulla sfera fasciando il celeste dei mari tra le macchie della terra e il bianco chiarore dei ghiacci. La luna, dalla faccia argentea illuminata dal sole, seguiva il lento ruotare della terra. In alto il sole era una gigantesca palla, una fornace di fuoco, di luce, di sbuffi di vapori continui.

Marta era il cavaliere e la cometa il suo cavallo: veloci correvano tra i pianeti.

Nel suo viaggio incontrò Mercurio, il pianeta più vicino al Sole. Più piccolo della terra e simile alla luna era pieno di crateri; poi passò accanto a Venere, il pianeta più luminoso dopo la luna. Passò poi innanzi alla Terra piena di luci e colori con la luna che faceva da corona. Più lontano incontrò Marte, pietroso e pieno di vulcani spenti, fino a raggiungere il pianeta gassoso Giove. Poi incontrò Saturno con i suoi diafani anelli, e infine penetrò tra i freddi mondi di Urano e Nettuno e passò oltre.

Marta vide che il Sole era diventato una stella lontana; i suoi raggi erano deboli, fiochi e non riscaldavano. Marta ora pensava alla Terra, piena di colori, di suoni, di odori. Pensava al nonno, ai prati di Ronco, alla sorgente d’acqua scintillante di luce.

Così continuò il viaggio di Marta, finché la cometa tornò di nuovo verso il sole e la terra nell’anno 2061.

Vide la Terra e si rattristò. La Terra era immersa in una coltre gassosa e densa. Non era più una palla azzurra illuminata a metà nell’oscura notte; era diventata marrone, avvolta in una nebbia gassosa. I fili d’argento che prima si muovevano lentamente e fasciavano il celeste dei mari tra le macchie scure della terra e il bianco chiarore dei ghiacci erano scomparsi. I tigli di Ronco erano secchi, anche il nonno non c’era. I prati e i boschi non erano più verdeggianti. La valle era coperta da un denso mantello grigiastro e il calore aveva fatto sciogliere le candide nevi dei ghiacciai.

Marta si spaventò, ma come d’incanto si ritrovò tra le braccia del nonno sotto i grandi tigli. Si era svegliata, ma il sogno le era rimasto nel cuore.

Il nonno le accarezzò i capelli e disse:“Marta, bambina mia, mandiamo un bacio alla cometa. Sono vecchio e io non la vedrò più; tu però la rivedrai. Promettimi di tornare nel 2061 tra queste piante, tra questa natura incantata dove l’armonia del Signore si fa sentire in ogni momento per vedere la cometa e ricordare il tuo nonno”.

Marta ricordò come aveva visto la terra in sogno, abbracciò il nonno e non disse una parola.

 

Ezio Maifrè


Articoli correlati

 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.1%
NO
 25.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy