Mercoledì , 08 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vaticano/giudici. Question time Camera: il Governo non riconosce la palese violazione del Concordato
12 Aprile 2007
 

Il Sottosegretario per i rapporti con Parlamento e Riforme istituzionali, Paolo Naccarato (foto), ha risposto oggi all'interpellanza urgente - a mia prima firma e sottoscritta anche dagli altri colleghi radicali Marco Beltrandi, Daniele Capezzone, Sergio D'Elia, Bruno Mellano, Maurizio Turco e dal capogruppo della Rosa nel Pugno Roberto Villetti - presentata per avere chiarimenti sull'evidente violazione del Concordato avutasi con la nota diffusa lo scorso 16 marzo dalla Pontificia accademia per la vita (Pav) che esortava i giudici cattolici al «doveroso esercizio» di una «coraggiosa obiezione» nell'applicazione di quelle «norme giuridiche vigenti, sia quelle codificate sia quelle definite dai tribunali e dalle sentenze dei tribunali" che contrastano con i dettami della fede cattolica».

Nella lezioncina di risposta, il sottosegretario ha riassunto la storia dei rapporti Stato italiano - Chiesa cattolica partendo dagli articoli 7 e 8 della Costituzione per arrivare ai giorni d'oggi, escludendo la possibilità di violazione del Concordato. Secondo la Presidenza del Consiglio le esortazioni della Pav che erano indirizzate a tutti gli Stati e non solo allo Stato italiano, rientrano nelle libertà di espressione della Chiesa. Saranno poi i cittadini che decideranno se considerarle o meno!

Non dichiarandomi soddisfatta della risposta ho ricordato che l'appello contenuto nel documento è un «invito doveroso» e tecnicamente una istigazione a violare le leggi esercitato nei confronti di una categoria ben precisa: quella dei giudici. Quanto detto da Naccarato avrebbe senso se in Italia non esistesse il reato di istigazione a delinquere, ma questo reato d'opinione, purtroppo c'è.

È importante precisare che l'obiezione di coscienza può essere praticata con la disobbedienza civile, come più volte è stato fatto dai Radicali nelle loro battaglie, e quindi con l'autodenuncia e la richiesta di condanna per avere violato una legge ritenuta ingiusta, di cui si sollecita una modifica. Può essere anche prevista dalla legge e praticata perciò nel pieno rispetto della normativa vigente, come è successo dall'approvazione della legge nel 1975 che riconosceva il diritto all'obiezione di coscienza al servizio militare, fino a quando la leva è stata obbligatoria. E non ultima è l'obiezione di coscienza del medico che può esistere solo in quanto ammessa dalla legge, come nel caso della legge 194/78 sull'aborto. Costituisce reato laddove il medesimo sanitario eserciti la propria disobbedienza fuori dai casi tassativamente previsti.

La disobbedienza a cui si riferisce l'esortazione della Pav, che non a caso la definisce «coraggiosa», inequivocabilmente fuoriesce dai casi tassativamente previsti, perché si riferisce anche a categorie che non hanno alcuna possibilità legale di obiettare alla legge secondo propria coscienza, ad esempio i magistrati. L'istigazione quindi esiste eccome e appare tanto più grave quando è rivolta ad una categoria di pubblici ufficiali e funzionari quali i magistrati, soggetti per il dettato dell'art. 101 della Costituzione esclusivamente alla legge. La Corte Costituzionale ha chiarito in più occasioni che l'obiezione di coscienza dei giudici è in netto contrasto con la tutela dell'ordine giuridico. Pare evidente che una disobbedienza civile degli organi dello Stato deputati proprio a far rispettare quella legge a cui disobbediscono, si tradurrebbe nella morte dello Stato di Diritto e della legalità. Nonché nell'imposizione della propria scelta disobbediente a chi si era invece rivolto al magistrato proprio perché agisce in nome del popolo italiano.

Oltre a questa interpellanza ho inviato a 40 procure un esposto/denuncia in cui chiedo di verificare la sussistenza dei reati di istigazione a delinquere e violazione del Concordato. Invito tutti i cittadini a fare altrettanto ricordando che dal sito dell'Aduc (associazione per i diritti degli utenti e consumatori www.aduc.it) può essere scaricato il modulo per effettuare l'esposto.

 

Donatella Poretti


Articoli correlati

  Enea Sansi. La confusione dell'articolo 7
  Assemblea nazionale di “Facciamo Breccia”. Domenica 14 dicembre 2008 a Firenze
  Lidia Menapace. Libera chiesa in libero stato, oppure libera Chiesa nel libero Stato della Repubblica?
  Vincenzo Donvito. Dimissioni papa e media
  “Noi Siamo Chiesa”. Cattolici anticoncordatari
  Fisco. Maurizio Turco: Rivedere il Concordato? No, c'è da abolire l'articolo 7 della Costituzione
  Gianfranco Spadaccia. Una voce anticoncordataria alla commemorazione del 25ennale della revisione del Concordato
  Vincenzo Donvito. 11 febbraio 1929 – 11 febbraio 2011
  Vincenzo Donvito. Crocifisso e giudice Tosti. La fiera dell'ipocrisia. Aboliamo l'art. 7 della Costituzione
  Se quello islamico è «risveglio», vi prego non svegliatemi
  Lidia Menapace. Smemorandum
  Primo Mastrantoni. Unioni civili: Voto segreto? Palese per il Conclave
  Convegno "Libere chiese in libero Stato - la Rosa nel pugno per il superamento del Concordato"
  Valter Vecellio. Il Vaticano impazzito
  Mario Staderini. Gli occhi dell’Europa puntati sull’Italia (e sul Vaticano)
  Emanuele Severino. Concordato e Costituzione
  Giulia Crivellini. Chiesa e Ici: chi ne è (davvero) esente?
  Comunità cristiane di base. ICI e Chiesa cattolica
  Lidia Menapace. Graduatoria tra Papi
  Michele Dubini. ICI Vaticano: benefici costosi e distorsivi
  Privilegi vaticani. Un esempio per tutti: gli insegnanti di religione
  Doriana Goracci: San Valentino e amore laico antiautoritario. NO VAT. Facciamo Breccia
  Lidia Menapace. Datemi ascolto, per favore!
  Arriva col treno l'ultimo numero del GAZETIN
  Per una nuova Breccia, un altro 20 Settembre di lotta
  Abolire i privilegi fiscali degli enti ecclesiastici
  “Facciamo Breccia”. NO VAT 2009
  “Noi Siamo Chiesa” sull'ora di religione
  Walter Mendizza. CATTOLAICI
  Privilegi Vaticano. Ecco le prove di attività commerciali che non pagano l'ICI
  Walter Castaldo. W l'Italia!!!
  Vaticano/giudici. Domani question time alla Camera
  Ru486. Metodo già previsto in legge. Contraccezione, clandestinità e obiezione di coscienza
  Bioetica. D'Agostino eserciti la sua coraggiosa obiezione di coscienza e si dimetta da presidente onorario del CNB
  "Dico" bene o male? Bene!
  Contro il fondamentalismo clericale e i privilegi vaticani, per la libertà religiosa
  In primavera fioriscono i fichi… o cadono?!
  Per il Vaticano i giudici non devono applicare la legge
  Vaticano/giudici. Pav e Avvenire consapevoli di averla fatta grossa
  Il Vaticano istiga e delinquere e viola il Concordato? Campagna dell'Aduc: invia un esposto alla tua Procura della Repubblica
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy