Mercoledì , 06 Luglio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Scritture & Web
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Doriana Goracci: La mia Praga. Oblò Mondo 8
Praga, Città vecchia, orologio astronomico
Praga, Città vecchia, orologio astronomico 
09 Settembre 2009
 

La mattina del 28 agosto ero a Praga alle 11,  a Piazza della Città Vecchia, come centinaia di altri turisti ad aspettare che l’Orologio astronomico medievale scoccasse l’ ora e mettesse in moto i 12 apostoli, tanti come  i 12 mesi dell’anno. Tutto ha funzionato per la meraviglia dei grandi e dei piccoli, come accade dal 1410, quando venne costruito, con un evento estemporaneo in questa stagione 2009: Greenpeace dall’alto della Torre ha contemporaneamente srotolato, grazie ad una serie di attivisti, un enorme striscione sul clima. Dovevamo sembrare tutti piccoli da lassù e in effetti lo siamo, anche visti da vicino, dal basso, noi del low-coast. Sappiamo  poco o nulla e ci interessa ancora meno di quanto accade nel mondo…è accaduto, come è accaduto che il  1 giugno 2009 “tre organizzazioni ecologiste Greenpeace, Friends of the Earth e Sortir du nucléaire, che finora facevano parte del Forum europeo sull’energia nucleare Enef ( finanziato con fondi pubblici, creato nel 2007 dalla Commissione europea per incoraggiare, secondo l’Esecutivo Ue, un dibattito aperto e “senza tabù” sul futuro dell’energia nucleare nell’Ue)  hanno abbandonato per protesta l’organismo durante la sua riunione in corso a Praga, sotto la presidenza congiunta dei governi ceco e slovacco e con il sostegno della Commissione europea… Le tre Ong concludono che senza la partecipazione della società civile, dopo la loro uscita, il Forum ha perso la sua legittimità e dovrebbe perciò essere sciolto”.

 

Sono dunque stata una testimone partecipe e  una dei quindici milioni di turisti che visitano ogni anno Praga,78.886 kmq, poco di più   di dieci milioni di persone in tutto il Paese, che parlano la lingua ceca. Il crogiolo di case dai tetti rossi, pinnacoli e stili è oggi un mondo in cui  il 40% si dichiara ateo, l’altro 40%  cattolico, e un 20%  se lo contendono protestanti e  altre religioni. Non ha sbocchi sul mare. Da godere camminando, increduli che tutto è rimasto illeso dai bombardamenti, si apprezza da fuori ed entrando nelle strade e nei vicoli. Mi sono rifiutata di pagare un biglietto per entrare in chiese e sinagoghe, nonchè  cimiteri israelitici, con soste al massimo di 20 minuti. Ho camminato  lungo il fiume Moldava, in ceco Vltava, dove si danno convegno amici di tutte le età con uno sgabello e un pacchetto con dentro cibo e da bere. Risento  adesso mentre scrivo, Rozeta, una chitarrista di musica medievale,  seduta in un parco, piccola elegante signora di Brno, con quasi 400.000 abitanti, e ricordavo certe tarantelle del ‘600

 

L’euro circola, circolano tutti, non ho visto militari, polizia e ronde, neanche davanti al Senato, di certo più poveri di noi, di certo non strillano, non schiamazzano, non si chiamano e non si celebrano:  non ho avvertito nessuna violenza neanche verbale. Tanti e intraducibili graffiti e writers  sui muri e i tram di Praga, quella nuova e periferica:  ognuno può tradurli come crede.

L’ ho sentita tutta l’aria  pesante, alla partenza e al rientro, nella cloaca romana del traffico, della sporcizia, dei richiami volgari, del buttare a  terra  tutto, pestando rifiuti ed escrementi. La gentilezza e la discrezione come l’onestà semplice e non dichiarata, popolari,  le ho lasciate nelle vie della città Vecchia e Nuova, sulle migliaia di panchine, su un tram…L’irreale, la magica Praga, quella notturna, mi è sembrata tale solo perchè si cammina, perchè è un’isola che ti accoglie e non ti respingono le lamiere e la cialtroneria del commercio, come a Mala Strana, la “Parte piccola”  che compone la città, fatta di nuovo e di vecchio.

 

Non  mi sono divertita a Praga, nell’accezione comune, non ho sgranato gli occhi di fronte a spettacoli e negozi, luci e suoni…Sono stata quieta, in pace con me stessa e con l’ambiente intorno, ho preso decine di mezzi pubblici, compresi i tram che arrivano veloci in qualunque periferia.  Ho potuto mettere gambe e piedi in una fontana con l’acqua fresca, sdraiarmi in un parco senza temere alcunchè, fermarmi per “consumare”  una pietanza  o bere , senza timore di dare fondo al portafoglio: niente di magico, di misterioso come tanto si è scritto, solo di umano e civile.

 

In compenso hanno anche loro un personaggio come il nostro, dal nome fiabesco ,Topolanek:  spero non li abbrutisca, non li ecciti come  in una scadente pellicola americana,  lui è il presidente dell’ Unione europea.

Sono andata e tornata con una compagnia low- coast, un volo  economico,  a basso costo:  non era SkyEurope. E’ fallita.

 

Si attendono i rimborsi…si attende l’autunno, si attende sempre quì in Italia, la Madonna, un santo, un condottiero, un patron, un padrone. Che ci liberi e ci protegga qualcuno,  a partire da noi stessi. Dobbiamo ancora apprendere l’arte della fuga, ma anche quella di sostare e ascoltare altra musica. Forse come dice Klaus Werner-Lobo “stiamo solo cominciando a giocherellarci  con il web”, come sto facendo io, tentando di diventare un clown politico, fare “humour per irritare il potere. Che è basato sulla paura, e non c’è arma migliore contro la paura che riderle addosso“.

 

Un tentativo di fare il punto, fosse un G20, un breve viaggio  low-coast, con molta troppa malinconia, all’ andata e sopratutto al ritorno. Dalla Parte piccola.

 

 

 

                                                   Doriana Goracci

 

 


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy