Venerdì , 12 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Il regime schiavista
02 Luglio 2009
 

Dati delle Nazioni Unite, giugno 2009. L'Italia è sia destinazione sia transito per donne, bambini ed uomini “trafficati” a livello internazionale per sfruttamento sessuale e lavorativo. Donne e bambine vengono portate a prostituirsi nel nostro paese principalmente da Nigeria, Romania, Bulgaria, Albania, e tutti i paesi dell'ex Unione Sovietica; un numero minore viene dall'America del sud, dall'Africa del nord e dell'est, dal Medio Oriente e dalla Cina. Uomini e donne cinesi arrivano in Italia soprattutto per essere impiegati nel lavoro nero. Bambini romeni sono venduti e comprati ad uso sessuale o per forzarli a mendicare. Il 90% dei lavoratori stagionali in agricoltura, nel sud dell'Italia, non sono registrati come tali, e due terzi di essi sono in Italia “illegalmente”, il che li lascia alla completa mercé degli schiavisti: i quali li spostano di frequente, come pacchi, da una zona all'altra al fine di evitare i controlli. I lavoratori stagionali “clandestini” provengono da Polonia, Romania, Pakistan, Albania e Costa d'Avorio.

Il rapporto delle Nazioni Unite conclude attestando che il traffico di esseri umani in Italia è in aumento, e inoltre interessa sempre di più settori “privati”, nascosti, il che rende maggiormente difficoltoso identificare le vittime e punire i perpetratori. Una vera e propria invasione, uno scandalo, sarà d'accordo il nostro illuminato governo che le vittime le punisce e i perpetratori li esalta, li salva con leggine ad hoc, li promuove a seggi parlamentari.

Ho una sola domanda da fare. Queste e questi arrivano in Italia da tutto il mondo, maledizione, a prostituirsi e a lavorare in condizioni di schiavitù: per chi? Chi è “l'utilizzatore finale” della donna nigeriana, del bambino romeno, dell'uomo pakistano? Chi si ingozza di soldi sulle loro vite? Le prostitute hanno clienti, le piantagioni ed i campi hanno proprietari. Di che nazionalità sono, di grazia?


Maria G. Di Rienzo

(da Nonviolenza. Femminile plurale, 2 luglio 2009)


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy