Giovedì , 28 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lucio De Angelis. All’Eliseo “Le conversazioni di Anna K.” 
Una grande Giuliana Lojodice per uno sguardo diverso su “La metamorfosi” di Kafka
27 Gennaio 2009
 

«Quando Gregor Samsa si risvegliò una mattina da sogni inquieti si ritrovò nel suo letto trasformato in un insetto gigantesco». L’incipit, probabilmente, più folgorante di tutta la letteratura moderna, potrebbe essere cambiato nel più dimesso «quella mattina quando Anna arrivò in ritardo di oltre cinque minuti, vide il signore e la signora Samsa seduti nel tinello in attesa di fare colazione. La figlia Grete aveva già messo il latte sul fornello e Anna, scusandosi con tutti, notò che il signorino Gregorio non era ancora in piedi malgrado fossero già le otto passate».

Questo cambio prospettico è uno sguardo diverso su uno dei racconti più emblematici del novecento, La metamorfosi di Franz Kafka, ed è «un testo questo de Le conversazioni di Anna K.», come ci avvisa Ugo Chiti che ne ha curato la stesura e la regia, «che trae spunto da quell’opera senza però aver la presunzione d’essere un adattamento teatrale».

 

La storia fin troppo nota di Gregor Samsa, l’impiegato-commesso viaggiatore che diventa scarafaggio, densa di riferimenti socio-contestuali da porgere il fianco a letture psicoanalitiche, politiche, autobiografiche, riacquista, a cento anni circa dalla sua stesura, una freschezza vitale proprio per il transfert su Anna K., la serva tuttofare, premurosa, loquace, improvvida quanto si vuole ma libera dalla forma e per di più tenace nell’estrinsecazione di sentimenti istintivi e profondamente umani che, nella lettura di Chiti, diventa l’asse portante dello sviluppo teatrale.

Giuliana Lojodice (foto), ripetutamente applaudita a scena aperta ed alla fine della performance, ne è l’eccezionale interprete, ricoprendo con geniale bravura e con trasparente amorevolezza la parte di ‘Anna’: l’anziana vedova che la famiglia Sansa assume come donna tutto fare, dopo il dramma di Gregorio. La sua è una figura appena accennata nell’opera di Kafka, ma rigorosa in vari momenti del racconto. Inizialmente la ‘donna di fiducia’, mostra un carattere loquace, pieno di buona volontà che gradualmente lascia intravedere un cuore ruvido e semplice. Nell’intimo v’è infatti un animo segnato da molte ferite e in grado comunque di rapportarsi con tutti i personaggi di un insolito ‘dramma familiare’.

Anna K. con la sua tenera e riduttiva visione del vivere diviene sguardo amoroso, giaculatoria affettuosa che commenta e accompagna la “tragedia” di ogni diversità, come la condizione estrema del vivere accanto al dolore. Attraverso di lei le scene assenti o appena ‘ascoltate’, attraverso la porta dalla claustrofobica condizione di Gregorio, passano in primo piano. Diventano cioè materia drammaturgica autonoma ma non estranea al racconto. Scelta prospettica che sottolinea un aspetto “portante” della metamorfosi; quella disperante ovvietà quotidiana che si respira in casa Samsa come la studiata comicità involontaria che spesso illumina i personaggi evidenziandone il tragico.

Anna si muove, in parte, parallela alle dinamiche conosciute della vicenda, in parte “attivando” quelle che potremmo chiamare “le scene assenti” del racconto o le “scene appena percepite” da Gregorio attraverso la porta chiusa della camera. Con la protagonista si integrano efficacemente nei rispettivi ruoli: Giuliana Colzi, Andrea Costagli, Dimitri Frosali, Massimo Salvianti, Lucia Socci. Fanno da sfondo le musiche di Vanni Cassori e Jonathan Chiti.

La scenografia è di Daniele Spisa; i costumi sono firmati da Giuliana Colzi: il disegno luci è di Marco Messeri.

 

Teatro: Eliseo

Città: Roma

Titolo: Le conversazioni di Anna K.

liberamente ispirato a La metamorfosi di Franz Kafka

Testo e regia: Ugo Chiti

Interpreti: Giuliana Lojodice, Giuliana Colzi, Andrea Costagli, Dimitri Frosali, Massimo Salvianti, Lucia Socci

Scene: Daniele Spisa

Costumi: Giuliana Colzi

Luci: Marco Messeri

Musica originale e adattamento: Vanni Cassori e Jonathan Chiti

Periodo: fino all’8 febbraio

Teatro “Eliseo” / Arca Azzurra Teatro

Testo vincitore del 49° Premio Riccione per il Teatro

 

Lucio De Angelis

(da Notizie radicali, 23 gennaio 2009)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy