Lunedì , 27 Giugno 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito. Cortei e stazioni bloccate 
Come calpestare i diritti di utenti e consumatori in nome di una presunta e suicida superiorità del proprio diritto a manifestare
30 Ottobre 2008
 

Molte stazioni ferroviarie oggi hanno subito l'occupazione dei binari da parte dei cortei studenteschi che protestavano per l'approvazione del decreto Gelmini sulla scuola. La conseguenza è che il traffico ferroviario è stato sospeso e i ritardi per i viaggiatori sono stati notevoli e diffusi. In modo più o meno simile, anche se con meno conseguenze (a parte Roma, dove quasi ogni mobilità è stata impedita), è accaduto lo stesso nei centri di molte città italiane per la circolazione veicolare.

Niente di nuovo, per carità. Cortei e manifestazioni sindacali per anni hanno continuato e continuano a fare altrettanto. Per non parlare degli scioperi selvaggi (cioè quelli non preannunciati e non programmati sì che l'utenza possa organizzarsi in modo diverso) nello specifico settore dei trasporti: dai ferrovieri agli autotrasportatori che bloccano le autostrade.

Chi non c'entrava nulla -cioè i cittadini che prendono il treno, gli autobus, i taxi o che fruiscono delle strade coi loro mezzi privati- sono diventate tra le principali vittime di queste manifestazioni.

Abitualmente, chi fa queste lamentele su queste violenze incivili, viene tacciato come fiancheggiatore dei detrattori di questa o quell'altra motivazione che ha indotti le persone a manifestare. Quindi si viene indicati come destrorsi o sinistrorsi base alla critica di inciviltà che si fa ad una di queste invasioni, dando per scontato che la critica in sé alla inciviltà di una manifestazione comporti di conseguenza l'accettazione delle motivazioni di chi si oppone alle ragioni opposte a quelle dei manifestanti. È la logica di chi considera gli utenti e i consumatori solo come funzionali a questa o quella parte politica e non soggetti civici con una loro dignità e un loro diritto,trasversali a quelli degli schieramenti dei contendenti il potere politico. Logica che dimostra il costante imbarbarimento della lotta politica e, soprattutto, l'incapacità di quest'ultima di puntare contro il proprio obiettivo, amalgamandolo ai beni e servizi di tutta la comunità: in un certo momento -quello della manifestazione, per l'appunto- i manifestanti se la prendono contro i beni e servizi di tutti, come se questi fossero della loro controparte e non anche loro; oppure, quando li considerano loro, partono dal presupposto -violento- che chiunque, in virtù della superiorità delle loro motivazioni, sia disponibile a sospenderne la fruibilità.

Quindi noi, che oggi rileviamo come siano incivili gli studenti che hanno bloccato stazioni e strade urbane, saremo apostrofati come coloro che sostengono il decreto Gelmini sulla scuola o, peggio, emuli della follia istituzionale dell'ex-presidente della Repubblica, senatore Francesco Cossiga, che vorrebbe fossero picchiati a sangue tutti coloro che manifestano per quello che lui ritiene sbagliato.

Noi, invece, crediamo che sia tutta qui la differenza tra civile e incivile. Lasciamo a chi manifesta -oggi gli studenti, ieri e domani tutti gli altri- la voglia di prendere in considerazione questa nostra istanza di utenti e consumatori. Noi crediamo che le loro rivendicazioni sarebbero rafforzate e le ragioni meglio comprese se, nel manifestarle, non creassero vittime inconsapevoli del loro linguaggio. Fate voi.Noi, utenti e consumatori, proprio perché non succubi di questa o quell'altra scelta di parte, ci difenderemo cercando di portare in tribunale chi ha attentato ai nostri diritti, per niente dissimili o secondari da quelli di manifestazione ed espressione delle proprie idee.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy