Sabato , 24 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Mao Valpiana. Vincere il referendum a Vicenza
16 Settembre 2008
 

Alcuni hanno detto che è stato un successo, altri hanno parlato di un “flop”. Comunque sia, è andata bene, nel senso che non ci sono stati inconvenienti, e nessuno si è fatto male.

Ma è sufficiente questo per giustificare una manifestazione?

Sabato 13 settembre, a Vicenza, il corteo si è mosso da piazza Matteotti verso la periferia della città. Gli organizzatori hanno detto che erano ottomila, la questura ne ha dichiarati duemila, secondo i miei conteggi erano tremila. In ogni caso il confronto con le precedenti manifestazioni “No Dal Molin”, nel 2006, 2007 e 2008, è sconfortante. Da duecentomila, a centomila, poi trentamila, e ora qualche migliaio. Segno evidente che c'è una certa stanchezza. Ci sono momenti per le manifestazioni di massa, e ci sono momenti per altre strategie.

Ora l'obiettivo da raggiungere è quello della vittoria referendaria.

Una manifestazione, indetta da una sola parte del variegato movimento, probabilmente non è la risposta giusta. Tanto più che tra gli obiettivi degli organizzatori figurava anche quello della rimozione del questore. Non è il momento delle polemiche interne, ma è fuor di dubbio che i vicentini hanno a cuore più la sorte della propria città che il giudizio sul responsabile della polizia. E in effetti di famiglie vicentine alla manifestazione non se ne sono viste tante.

Rete Lilliput, Mir e Movimento Nonviolento di Vicenza hanno preso una posizione chiara di non adesione alla manifestazione. L'hanno espressa con un documento che valorizza al massimo il lavoro unitario per il referendum ed il dialogo con tutte le parti coinvolte, dentro e fuori dal movimento. Eravamo comunque presenti, per dimostrare che non c'è rottura e che il dialogo è sempre aperto, ma non abbiamo nascosto le nostre critiche ad una “gestione della piazza” che ci sembra datata. Moltissime delle persone e dei giovani che erano presenti hanno dimostrato un grande entusiasmo, e voglia di esserci. Certo, l'importante è fare qualcosa, ma bisogna anche farlo bene. Essere presenti alla manifestazione e spiegare le nostre ragioni, distribuire le bandiere con il fucile spezzato e far conoscere la rivista Azione nonviolenta è stato un modo per dare comunque il nostro contributo positivo. La pioggia battente ha fatto il resto, e tutto è andato bene. Punto e a capo.

Ora si lavori per conquistare l'opinione della maggioranza dei vicentini, e per aiutarli ad esprimerla al meglio, con il proprio “sì” al referendum del 5 ottobre.

 

Mao Valpiana


Articoli correlati

  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
  Vicenza. Si rimpiange il Craxi di Sigonella
  Aumento del gettito fiscale? Bene! Vediamo di valorizzarlo al meglio
  «Per fortuna digerisco anche i sassi». Le manovre al Senato e quelle col Vaticano
  Vicenza. Il digiuno di don Albino e l'abbraccio della gente
  Mao Valpiana. A Vicenza con la nonviolenza
  Michele Boato. Il 5 ottobre a Vicenza un'occasione da non perdere
  le nuove forme di lotta
  Dopo la manifestazione di Vicenza
  Passata la finanziaria, ci aspetta un lavoro di approfondimento e innovazione. Praticamente in tutti i campi
  Albino Bizzotto. Una lettera ai parlamentari
  La visita della delegazione del Senato a Vicenza
  Migliaia di bandiere al Dal Molin: yes, we can!
  Se i telegiornali non ne parlano...
  Lidia Menapace. Intervento al Senato su Vicenza
  Vicenza NoDalMolin: un inaspettato Abbecedario
  Mao Valpiana e Alberto Tomiolo. Un impegno nonviolento antinucleare e antimilitarista
  Il comitato di Vicenza Est: Per un presente senza basi di guerra
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy