Mercoledì , 06 Luglio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Michele Meomartino. Esempi di buone pratiche e di istituzioni virtuose 
Note sul 31° incontro nazionale delle Comunità Cristiane di Base (Castel S. Pietro, 25-27 Aprile 2008)
04 Maggio 2008
 

A me sembra che il dialogando finale del 31° incontro nazionale delle Comunità Cristiane di Base svoltosi a Castel S. Pietro (Bo) dal 25 al 27 Aprile 2008, pur collocato al termine della tre giorni, quando una buona parte delle comunità si appresta ad organizzarsi per il ritorno precludendo a non pochi di partecipare attivamente, abbia sostanzialmente raggiunto l’obiettivo che il gruppo di collegamento nel preparare l’incontro si era posto.

Sia le testimonianze delle 4 realtà rappresentative che il dibattito successivo ci hanno offerto un quadro abbastanza variegato, ricco ed interessante, anche se non esaustivo, delle tante pratiche dal basso verso la costruzione di una società più sobria, equa e solidale.

L’intento che si voleva perseguire, dopo il conversando iniziale più incentrato sull’analisi dei problemi, era quello di indicare esperienze concrete e fattibili, non un elenco delle buone intenzioni, consapevoli che spesso le azioni di resistenza all’attuale modello di sviluppo, iniquo e insostenibile, iniziano dalla prevenzione dei gravi problemi che esso genera e contemporaneamente investendo le risorse in una progettualità credibile.

Gli interventi di Titti Malorni della Casa di Zaccheo di Caserta, di Alberto Castagnola della Città dell’Altra Economia di Roma, di Eugenio Baronti, già assessore all’ambiente del comune di Capannori e infine di Loris Asoli della Rete di Economia Solidale Marchigiana hanno offerto più di uno spunto di riflessione all’assemblea.

La testimonianza di Titti Malorni ci ha fatto conoscere le attività sociali di alcune realtà ecclesiali di Caserta dove il messaggio evangelico si confronta con la dura quotidianità e in un territorio fortemente segnato dall’illegalità. In 3 parrocchie della città, da qualche tempo e con risultati apprezzabili, si è avviata la raccolta differenziata dei rifiuti. È un piccolo segnale, ma significativo perché cerca di correggere l’irresponsabile abitudine invalsa in alcuni segmenti della società a considerare i rifiuti come qualcosa di avulso dal resto della loro vita. Essi, al contrario, appartengono a tutti e una loro corretta gestione non può prescindere da stili di vita ispirati ai principi del consumo critico e responsabile che, unitamente ad un’ efficace campagna di informazione e formazione, possono rappresentare quel giusto combinato per farli diventare una risorsa per tutta la collettività.

Sempre sul problema dei rifiuti, ma in un ben altro contesto, arriva puntuale la testimonianza dell’assessore Eugenio Baronti, già assessore all’ambiente del comune di Capannori e da pochi mesi assessore alla regione Toscana. “Verso rifiuti zero”: con questo chiarissimo slogan, Capannori in provincia di Lucca, uno dei comuni più “ricicloni” d’Italia con il suo invidiabile 82% di raccolta differenziata, si avvia a risolvere uno dei problemi più gravi che stanno assillando le società consumistiche. Il risultato straordinario di questo comune virtuoso sta nel dialogo che l’Amministrazione ha saputo instaurare con i suoi cittadini individuando e scegliendo insieme a loro le soluzioni più sostenibili da un punto di vista ambientale, economico e sociale.

Sempre lavorando in sinergia con e fra tutti gli attori socio-economici, nella stessa regione, si sono avviate le “Vie dell’Acqua e del Latte”. Queste iniziative sono esempi di filiera corta che privilegiano il rapporto diretto con i produttori, titolari di piccole realtà economiche locali, fortemente minacciati da un sistema aggressivo dominato dalle multinazionali dell’agri–bussines e dalla gdo (grande distribuzione organizzata).

Gli interventi di Castagnola e di Asoli, invece, ci portano a conoscenza due importantissime esperienze di economia solidale del nostro centro Italia.

Il primo ci ha descritto una breve cronistoria della Città dell’Altra Economia ubicata presso l’ex mattatoio nel quartiere Testaccio a Roma e il secondo ha fatto altrettanto parlandoci della Rete di Economia Solidale Marchigiana. Il CAE (Città dell’Altra Economia) di Roma è forse uno dei centri più interessanti degli ultimi anni sul consumo critico. Un vero e proprio laboratorio delle economie solidali che già in fase di recupero e di restauro degli immobili ha visto l’utilizzo di materiali ecologicamente compatibili, rispettosi dell’ambiente e della salute. Tutte le realtà che fanno parte del consorzio che gestisce il CAE nei settori: del commercio equo e solidale, dell’agricoltura biologica, della finanza etica, del turismo responsabile, del riuso e del riciclo, delle energie rinnovabili, della comunicazione aperta, della ristorazione e bar bio-equo concorrono a formare una delle più ricche e articolate proposte di pratiche di consumo consapevole in Italia.

Altrettanto interessante è l’esperienza marchigiana che si snoda sull’intero territorio della regione. Anche qui diverse realtà dell’economia solidale hanno costituito un’associazione ed elaborato una carta d’intenti dove tutti si riconoscono. L’associazione organizza eventi culturali, fiere, corsi di aggiornamento ( l’ultimo riguarda la formazione all’economia solidale ad alcuni dipendenti della pubblica amministrazione ) e tante altre iniziative sul territorio. La Rete marchigiana in questa fase sta individuando aree più piccole e circoscritte per costruire i distretti che permetteranno alle realtà promotrici che ne fanno parte una migliore sinergia tra di loro. È evidente che nessuna rete o distretto sarà mai possibile senza implementare il rapporto tra la rete dei consumatori che spesso si costituiscono in gas (gruppo d’acquisto solidale), i vari produttori e le istituzioni. L'obiettivo è quello di fare sistema.

E infine, ritornando al dibattito di Domenica mattina, dove sono intervenuti più di una decina di persone, si può tranquillamente affermare che è stato molto vivace e interessante. Alcuni sono intervenuti ponendo domande attinenti al tema, altri con domande, comunque interessanti, anche se hanno riguardato altre emergenze sociali, come i posti di lavoro a rischio. Non sono mancati in alcuni passaggi i toni forti e le rivendicazioni accorate a dimostrazione di una partecipazione attiva. In tutti gli interventi c’è stata una forte richiesta che la politica e i partiti recuperino la loro funzione di servizio al bene comune.

Su tutto, almeno dal mio osservatorio, ho colto una grande attenzione dei partecipanti e una passione davvero encomiabile che ci lascia una qualche fondata speranza che le pratiche e le culture dal basso per una società più sobria, equa e solidale non sono una mozione degli intenti, ma una realtà viva e operante. Un mondo che già esiste, anche se piccolo. Spetta a noi farlo crescere affinché porti frutti per tutti.

 

Michele Meomartino


Articoli correlati

  La Bambola birmana. Scandicci, Teatro Studio, l'8 marzo 2010
  Maria Paola Forlani. Un Cinquecento inquieto
  Letteratura e censura a Cuba
  Maria Paola Forlani. Borderline: Artisti tra normalità e follia
  Al via l'Undicesima Edizione del Premio Giornalistico “Gaspare Barbiellini Amidei”
  Sondrio. Convegno “Scuola ed Europa” del 30 novembre
  Doppio turno per Gasp: Special Olympics e CSI
  Grand Tour. Sogno d’Italia da Venezia a Pompei
  Gordiano Lupi. Fidel Castro contro Yoani Sánchez
  Lidia Menapace. Il Gasparri pensiero
  “Sacra violenza: terrorismo, guerra, religione, dialogo e libertà”
  XI Kilometro Verticale. Domenica 25 a Chiavenna in corsa contro il cancro
  Open Day ANFFAS. Lo Sport che crea Comunità
  Antonio Stango. La blogosfera libererà Cuba?
  Carlo Forin. Il periodo del lustro
  Roberto Dell’Ava. Jazz Podcast
  Al via la Quinta Edizione del Premio Giornalistico Gaspare Barbiellini Amidei
  Ernesto Gastaldi. “Una vita per il cinema”
  Edizioni Il Foglio. Buon Natale con “Il Lodo Alfa”
  Madrid. Yoani riceve (e assegna) il Premio “Ortega y Gasset”
  Verde, Bianco e ROSA? L'Italia delle donne
  Le Fiabe di Gramos
  Morbegno, 2-3 aprile. Mag2 in Valtellina
  Vizzolo. Due argenti per GASP
  Il fascino e il mito dell'Italia. Dal Cinquecento al Contemporaneo
  Gaspare Serra. Non votare non è un “delitto” bensì un “diritto”!
  Gaspare Serra. Caro PD (“meno L”): dì qualcosa (o almeno qualcosina…) di sinistra!
  Al via la Sesta Edizione del Premio Giornalistico Gaspare Barbiellini Amidei
  Firenze. Il nuovo allestimento di gemme al Museo Archeologico
  Emilio Ciapponi. L'agricoltura sociale in festa
  Poesia d'autore/ Cesare Pavese. Verrà la morte e avrà i tuoi occhi...
  Maria Paola Forlani. Pietro Bembo e l’invenzione del Rinascimento
  Gianfranco Cercone. “Il nome del figlio” di Francesca Archibugi: metti Benito a cena
  “Questa strana famiglia tra crisi e conferme”
  Gordiano Lupi. Raúl o Fidel la sostanza non cambia
  Gordiano Lupi. SMILE di Francesco Gasperoni (2009)
  Gordiano Lupi. 7 Days in Havana (2012) di sette abili e coraggiosi registi
  Paolo Farinella. Il parlamento clandestino dichiara illegale la clandestinità (degli immigrati)
  Terza Edizione Premio Giornalistico “Gaspare Barbiellini Amidei”
  Gordiano Lupi. A Cuba non si legge e non si scrive poesia
  Presepe Camera. Insultata in Trasatlantico da Gasparri (An)
  Yoani Sánchez diventa una celebrità
  Michele Tarabini. Il migliore dei governanti
  Gordiano Lupi. Le foto proibite d’una signora bene (1970) di Luciano Ercoli
  GASP. Trasferta movimentata a Ravenna
  Sergio Martino. I corpi presentano tracce di violenza carnale (1973)
  In libreria/ Giulio Gasperini. Migrando
  La terrazza (1980) di Ettore Scola
  Valter Vecellio. Burkina Faso, Camerun, Ciad, Congo, Costa d'Avorio, Guinea Bissau, Mali, Senegal...
  Al via la Decima Edizione del Premio Giornalistico “Gaspare Barbiellini Amidei”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy