Sabato , 02 Luglio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Il blog di Alejandro
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
A. Torreguitart. Primo Maggio a Cuba 
Dialogo tra un cittadino e un rivoluzionario
(foto Samuel Hernandez - www.siporcuba.it)
(foto Samuel Hernandez - www.siporcuba.it) 
03 Maggio 2008
 

Compagno, la patria ti chiama. Non ti far trovare impreparato.

Cazzo, no che non mi faccio trovare impreparato.

Non far passare l’alba di questo giorno radioso senza aver dato parte del tuo tempo alla Rivoluzione.

Cazzo, no davvero. Non lo farei mai.

La patria ti convoca all’altare della Rivoluzione. Non far mancare il tuo grido per il leader storico Fidel e per il presidente Raúl.

Cazzo, no. Pa’ lo que sea, Fidel!(1)

La giornata dei lavoratori ti chiama in Piazza della Rivoluzione. Festeggeremo uniti la nostra vittoria.

Cazzo, mi sono perso un passaggio. Quale vittoria?

Compagno, non fare domande stupide! La vittoria di una Rivoluzione sempre più solida e forte. La nostra vittoria!

Cazzo, è vero. Mi ero confuso.

E allora cosa aspetti? Le strade e le piazze che circondano Piazza della Rivoluzione si riempiranno di rappresentanti di diverse generazioni di cubani, sindacalisti, movimenti sociali e di solidarietà con Cuba.

Cazzo, allora vado. Ci saranno proprio tutti…

I volti di Lázaro Peña e di Jesús Menéndez, leaders del proletariato cubano, domineranno la piazza. Saranno loro a intimare: Presente!

Cazzo, come posso mancare?

Il primo maggio è festa popolare, patriottica, proletaria. Partecipano pionieri, studenti, professionisti, donne di casa, contadini, pensionati, combattenti…

Cazzo, forse non sono abbastanza degno.

Tutti siamo degni. Tutti dobbiamo partecipare. E gridare la nostra fedeltà ai principi rivoluzionari. Pa’ lo que sea, Fidel!

Cazzo, sì che vado, allora. Sono già pronto a gridare come ogni anno. Pan aunque sea, Fidel! Pan aunque sea!(2)

 

Alejandro Torreguitart Ruiz

L’Avana, 1° maggio 2008

Traduzione di Gordiano Lupi

 

 

Note

 

(1) Pa’ lo que sea, Fidel! Non è facilmente traducibile. Significa: Siamo pronti a tutto, Fidel! Per tutto quello che serve, noi ci siamo, Fidel! È importante lasciarlo in spagnolo per l’assonanza che ha con la frase che viene pronunciata dopo.

(2) Pan aunque sea, Fidel! Pan aunque sea! Significa: Almeno il pane, Fidel! Almeno il pane! L’assonanza con la frase rivoluzionaria Pa’ lo que sea, Fidel! lo fa sembrare il medesimo grido ma vuol dire ben altra cosa.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 9 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.1%
NO
 24.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy