Domenica , 05 Aprile 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Ricerca su feti morti: una buona proposta per il progresso della medicina
21 Marzo 2008
 

Il progetto della banca di cellule e tessuti prelevati da feti morti per aborto spontaneo o volontario del Policlinico di Milano, è una buona proposta per il progresso della medicina che ci auguriamo venga realizzata al più presto nonostante le perplessità del Comitato etico. Una ricerca che potrebbe perfino portare alla cura di malattie nello stadio fetale e in utero, e quindi evitare aborti terapeutici.

Le criticità secondo Paolo Rebulla, direttore del Centro di Medicina trasfusionale, terapia cellulare e criobiologia della Fondazione Policlinico di Milano, dovrebbero essere superate dalla revisione del progetto iniziale.

Ciò che stupisce sono le perplessità sollevate dal comitato. Come quella di chiedere il consenso per la donazione solo dopo l'aborto e non prima, per «assicurarsi l'assenza di qualsiasi 'alleggerimento morale' dell'atto abortivo».

Più in generale si cerca di allontanare qualsiasi dubbio sul possibile accostamento alla legge 194, come se a qualche donna potesse mai venire in mente di abortire solo per fare una donazione, o sentirsi meglio per aver fatto una donazione!

Sono piccole spie di una sedimentazione culturale che anche grazie alle campagne demagogiche e populiste contro l'aborto, ci ricordano che anche se disciplinato e regolamentato da una legge l'aborto viene comunque e ancora percepito come un atto malvagio e in alcuni casi perfino come un omicidio.

Il fatto che la Regione Lombardia abbia pensato di promuovere la sepoltura dei feti invece che la loro destinazione alla ricerca scientifica è sintomatico del clima. Il fatto che non esistano delle leggi ad hoc a disciplinare la donazione di questi tessuti e cellule, ma che si decida attraverso i Comitati etici dei vari ospedali, è l'ulteriore conferma della difficoltà a legiferare in materia.

Del resto l'Italia è il Paese che preferisce destinare gli embrioni orfani, originati da tecniche di fecondazione assistita prima dell'entrata in vigore della legge 40/2004, alla crioconservazione infinita piuttosto che alla ricerca scientifica. Per fare questa operazione faraonica per i 2.527 embrioni abbandonati abbiamo stanziato 50.000,00 euro a favore dell'Istituto superiore di Sanità e 400.000,00 euro a favore dell'Ospedale Maggiore di Milano per creare una struttura per crioconservare gli embrioni. La stessa che ora vorrebbe ospitare la banca delle cellule e tessuti fetali?

Peccato che quell'operazione costosa e faraonica a quattro anni di distanza non sia mai stata realizzata, e nonostante interrogazioni presentate, il ministro della Salute Turco non solo non ha mai voluto modificare l'irrazionale scelta iniziale voluta dal precedente ministro Sirchia, ma neppure ha mai spiegato a che punto fosse.

 

Donatella Poretti

parlamentare radicale della Rosa nel Pugno,

candidata al Senato (Puglia) per il Partito Democratico


 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.1%
NO
 25.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy