Domenica , 15 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Moratoria: comunque un successo. Ma ora più che mai, occorre dare forza e fiducia al soggetto politico radicale
18 Giugno 2007
 

Nel momento in cui leggerete queste note, è possibile che si sappia l’esito dell’iniziativa radicale e di Nessuno tocchi Caino per quel che riguarda la moratoria delle esecuzioni capitali nel mondo. Quale che sia, e anche nella non improbabile ipotesi che il Governo italiano disattenda ancora una volta gli impegni cui Parlamento italiano e Parlamento europeo l’hanno chiamato ad assolvere, registriamo un indubbio dato positivo: la richiesta radicale, contenuta in un appello al Governo è stata fatta propria da una cinquantina di premi Nobel, da altrettante personalità internazionali, da decine di ONG, da centinaia di parlamentari europei e nazionali, da sedici presidenti di regione, da cinque regioni, da una cinquantina di presidenti di provincia, da centinaia di sindaci... L’iniziativa ormai è loro, dalle nostre è passata nelle loro mani. Non è più un SÌ o un NO a noi, ma a loro. A loro bisogna render conto e dare spiegazione.

Non ne siamo soddisfatti: ben altro avrebbe dovuto e potuto essere l’impegno del servizio pubblico radio-televisivo. Però è indubitabile che siano stati strappati spazi di informazione, dibattito e confronto che solo qualche mese fa non erano immaginabili. Se poi si tiene conto che tutto questo è il frutto e il risultato di non più di cento persone, con i mezzi limitati che tutti sappiamo, la vicenda ha del miracoloso.

In parte (minima) siamo riusciti a scalfire l’ostracismo che dura da anni nei confronti di Marco Pannella, che continua a vedersi precluse le trasmissioni di approfondimento politico. Da questo punto di vista, il problema c’è ancora tutto.

Se in questi giorni ci sono stati spazi di informazione su temi e proposte radicali, lo si deve al lungo sciopero della fame e della sete di Pannella; all’occupazione della sede RAI di viale Mazzini a Roma da parte di deputati e esponenti radicali; alla mobilitazione di decine di radicali in tutta Italia. Senza questo, il silenzio e la mancanza di informazione sarebbe stata totale.

Rimane dunque intatta la questione di un risarcimento di informazione da parte del servizio pubblico sulle proposte e i temi dell’iniziativa radicale: dalla giustizia alla libertà di ricerca scientifica, dalla laicità alla moratoria delle esecuzioni capitali: temi in cui c’è stato reale confronto e dibattito.

L’informazione, ancora una volta, come sempre, è la questione con cui dobbiamo fare i conti. Governi, Parlamenti, chi deve e può, certamente verranno “aiutati” nel loro fare, se sanno che l’opinione pubblica dei loro paesi “sa” ed è in condizione di giudicare. Se per quattordici anni si è potuto procrastinare e rimandare ogni impegno, è appunto perché quasi mai si informava, si conosceva, si dibatteva.

Per quel che riguarda noi radicali, la battaglia per la moratoria internazionale delle esecuzioni capitali, è solo un capitolo – grande e nobile – di una più complessa e vasta “agenda”: che comprende “Irak libero” ed “esilio per Saddam”; la proposta perché Turchia, Israele e paesi del Magreb facciano parte dell’Unione europea; il Satyagraha mondiale, la comunità della e delle democrazie, e molto altro. Bisognerà attrezzarsi, prepararsi per il lancio e il rilancio di queste iniziative. La situazione evolve rapidamente, e in direzione che richiede - lo vediamo giorno dopo giorno - risposte urgenti e adeguate. È bene acquisirne coscienza e consapevolezza.

In questo quadro diventa decisiva la campagna di iscrizioni a Radicali Italiani e al Partito Radicale Nonviolento Transnazionale. Mettiamola così: con la vicenda Welby, le marce di Natale e di Pasqua, la battaglia per la moratoria e le mille altre iniziative, abbiamo fatto un’eccellente semina. Ora però è necessario comprendere e far comprendere che tutto ciò rischia di essere pregiudicato in modo irreparabile se non si dà forza e fiducia al soggetto politico. Non è uno slogan, è una scelta di campo: chi è d’accordo con le nostre iniziative e battaglie politiche, o ci sceglie; oppure ci scioglie.

 

Gualtiero Vecellio

(da Notizie radicali, 18 giugno 2007)


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy