Martedì , 09 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
successivo  
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. Cent’anni di Pasolini, “Una vita violenta”
05 Marzo 2022
 

La trama di Una vita violenta mi si è fulmineamente delineata una sera del ’53 o ’54... C’era un’aria fradicia e dolente... Camminavo nel fango. E lì, alla fermata dell’autobus che svolta verso Pietralata, ho conosciuto Tommaso. Non si chiamava Tommaso: ma era identico, di faccia, a come poi l’ho dipinto... Come spesso usano fare i giovani romani, prese subito confidenza: e, in pochi minuti mi raccontò tutta la sua storia”. (Pier Paolo Pasolini, Le belle bandiere, 1966)


 

Pier Paolo Pasolini insegnava a Ciampino in una scuola media privata quando io nello stesso periodo frequentavo l’istituto “Nazario Sauro” a Frascati. Erano i primi anni Cinquanta. Se quella scuola non fosse stata privata ma pubblica, io avrei studiato col professor Pasolini. Una occasione allora mancata, ma in qualche modo recuperata con le tante lezioni apprese nel tempo attraverso l’opera, sterminata e complessa, dello scomodissimo e sempre sconvolgente Pasolini.

In quegli anni Pasolini scrive Ragazzi di vita, 1955, e Una vita violenta, 1959. Romanzi verità che svelano realtà sgradevoli. Con un linguaggio che urta il perbenismo e l’ipocrita moralità dell’epoca. Ma «a far scandalo non fu tanto il lessico forte del libro, ma la dignità letteraria che veniva conferita alla parte più bassa e disonorevole della nostra società, cosa che offendeva i benpensanti e l’idea che essi avevano della letteratura» scrive Vincenzo Cerami nella sua prefazione a Ragazzi di vita, edizione Garzanti 2005.

Leggo per primo nel 1960, fresco di stampa, Una vita violenta. Entro nell’animo disperato e fanfarone di Tommasino, ragazzo di borgata, e nella sua vicenda che sembra un vicolo cieco. Anche se in fondo traspare un barlume di luce.

Una vita violenta è violento come la vita. È lotta per la redenzione dalla miseria. È rivendicazione di una dignità di cui si sente forte il bisogno per non essere socialmente emarginati.

Tommasino parla il linguaggio quotidiano di periferia che rende tutto più vero e più crudo. Pasolini comincia a strappare i veli denudando chi dietro quei veli si è sempre parato. E ce n’è abbastanza per intentare un processo a suo carico per oltraggio al pudore.

Guai a dire all’epoca che ti eri letto Pasolini. Una vergogna: Pasolini è omosessuale. E con ciò l’argomento era chiuso.

Pasolini è scandaloso perché la realtà è scandalosa, ma dirlo non è lecito e tantomeno è lecito scriverlo. Pier Paolo Pasolini è “un perturbatore della società”, quella stessa società che non vuole, non può ammettere di vivere in piena perturbazione.

 

Maria Lanciotti

(da Controluce.it)

 

 





Articoli correlati

  Maria Paola Forlani. Pasolini 100 anni
  Gianfranco Cercone. “Uccellacci e uccellini” di Pier Paolo Pasolini
  Cosimo Cinieri in “Pier Paolo, Poeta delle ceneri”
  Gordiano Lupi. Nasce inCONTROPIEDE, editore sportivo
  Pier Paolo Pasolini: Il padre selvaggio. Ri-lettura di Maria Lanciotti
  Antonella Pierangeli. L’eresia e la visione: Pasolini l’impuro in un Paese orribilmente sporco
  Sergio Anelli. L’assassinio lento di Pasolini
  “PREMIO MONDELLO” 2006
  Gianfranco Cercone. “La macchinazione” di David Grieco: Pasolini inghiottito in un incubo
  Istituzioni/ Intervista ad Alessandra Borsetti Venier
  Pier Paolo Pasolini (Mediane Libri)
  Gordiano Lupi. I libri di cinema editi da Mediane
  La poesia degli Eretici. In Brianza per PoesiaPresente2008
  RICORDANDO PASOLINI
  Maria Paola Forlani. Il cinema cristologico
  Gianfranco Cercone. “Shéhérazade” di Jean-Bernard Marlin
  Maria Lanciotti. “La Pantera siamo noi” trent’anni dopo 2
  Gordiano Lupi. “Tutti al mare” (2011) di Matteo Cerami
  Walter Lazzarin. Pillole per prendere premi prestigiosi
  Iniziative/ La meglio gioventù di Pier Paolo Pasolini e Racconti ambigui di Enzo Siciliano
  Gianfranco Cercone. “Porno-teo-kolossal”: l’Epifania secondo Pasolini
  Gianfranco Cercone. “Foxtrot – La danza del destino” di Samuel Maoz
  Maria Lanciotti. Bignamino di una cronaca non ancora storicizzata – 4
  Pier Paolo Pasolini. Il sogno di una cosa
  Salò o le 120 giornate di Sodoma, il Pasolini più discusso al Cinema Eden
  Pasolini su Israele e il mondo arabo
  Pier Paolo Pasolini, «La sua morte è un drammatico, disperato rapporto con la madre»
  Anna Lanzetta. Omaggio a Matera 3
  Alberto Figliolia. Più dei santi, meno dei morti
  Giuseppina Rando. Una nota su Educazione e Scuola
  Roberto Malini. Omofobia di Eugenio Montale
  Gianfranco Cercone. “Il Vangelo secondo Matteo” di Pier Paolo Pasolini
  Emanuele Trevi. Qualcosa di scritto
  Franco Morelli e le sue “genti”
  Gabriella Sica: L’artista e la croce. Caravaggio e Pasolini
  “Orgia” di Pier Paolo Pasolini
  Gianfranco Cercone. “Pasolini” di Abel Ferrara: troppo esatto per essere vero
  Gordiano Lupi. Quattro consigli di lettura
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy