Martedì , 05 Luglio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spinus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Cani pericolosi od ordinanze pericolose. Informativa urgente del ministero della salute, l’alleanza trasversale a difesa dei cani!
31 Gennaio 2007
 

Stamani in XII Commissione (Affari Sociali) il sottosegretario al ministero della Salute Antonio Gaglione ha risposto alla richiesta di informativa urgente dei deputati Donatella Poretti (Rosa nel Pugno) e Claudio Azzolini (Forza Italia) sull’ordinanza del 12 dicembre 2006 in tema di “Tutela dell’incolumità pubblica dall’aggressione di cani”. Il sottosegretario ha sostanzialmente difeso il provvedimento ricordandone gli aspetti innovativi (come il divieto del taglio delle orecchie, della coda e delle corde vocali e dell’uso dei collari elettrici), ma anche ribadendo come la lista di razze cosiddette pericolose è in vigore anche in altri Paesi dell’Ue e che la possibilità della loro soppressione deve essere vista solo come estrema ratio.

La deputata della Rosa nel Pugno, Donatella Poretti, ha criticato la modalità con cui si è giunti all’ordinanza dettata fin dal 2003 da emergenza giornalistica. La lista dei “cani pericolosi” redatta all’epoca si è dimostrata non solo ingiusta ma anche inefficace; criticata da veterinari e specialisti: non esistono razze aprioristicamente pericolose, ma comportamenti aggressivi derivati dalle condizioni in cui vengono tenuti i cani. L’uso congiunto di museruola e guinzaglio non è sempre necessario, ne impedisce la socializzazione e può comportare il manifestarsi di atteggiamenti aggressivi. Gli eventi di morsicature si sono infatti realizzati o in casa o in presenza di cani sciolti, in alcuni casi scappati dai loro recinti.

Il punto cruciale è che l’ordinanza parte da un approccio culturale obsoleto, ha aggiunto la deputata dei Verdi, Grazia Francescato, che penalizza il cane ma non responsabilizza il padrone. Dobbiamo ribaltare quest’ottica come fa appunto il pdl di cui è prima firmataria l’on. Luana Zanella (Verdi) redatto insieme all’Associazione Animalisti Italiani e con l’aiuto di esperti. Al centro dell’intervento del legislatore deve esserci il possesso responsabile e la prevenzione delle aggressioni che sgombra il campo da soluzioni frettolose e rispetta sia le esigenze animali che quelle umane. Bisogna quanto prima calendarizzare questo pdl e mettere fine alla sequela delle ordinanze approssimative.

Per parte sua l’on. Zanella ha ricordato i punti chiave della sua proposta e la necessità di non considerare il cane come un’arma da difesa, addestrandolo di fatto all’attacco, ma di mettere l’accento sulla regolamentazione delle attività di allevamento e addestramento.

L’on. Azzolini ha ricordato un episodio di cui è stato protagonista: la “liberazione” di 18 pit bull tenuti segregati nello zoo di Napoli per la sola colpa di avere avuto proprietari malavitosi finiti in carcere. Ha richiamato inoltre la necessità di affrontare il tema nella sua complessità mettendo anche lui l’accento sull’educazione dei proprietari, non di rado i veri pericolosi. Nonostante i cambiamenti dei ministeri della Salute, e anche del Governo, le ordinanze che si sono susseguite dal 2003 fanno immaginare che a redigerle sia sempre lo stesso funzionario che continua a proporre la lista dei cani pericolosi contro tutte le critiche degli specialisti.

Grande delusione per l’approccio culturalmente sbagliato sia nel metodo che nel merito è stata espressa dall’on. Bruno Mellano della Rosa nel Pugno. Un approccio antiscientifico e burocratico per una misura varata senza neppure sentire veterinari ed esperti, a dimostrazione di come anche questo Governo, come quelli precedenti, debba ancora fare grandi passi avanti su questi temi.

L’on. Giancarlo Laurini (Forza Italia) ha concordato con i colleghi sull’importanza del ruolo del proprietario e sulla centralità del rapporto cane padrone. L’urgenza di far passare il messaggio che prendere un cane non è uno sfizio, ma un atto di grande responsabilità.

L’alleanza trasversale che si è venuta a creare e che da tempo esiste in Parlamento su questi temi, a riprova della loro popolarità, continuerà a dare battaglia affinché le ordinanze rispondano adeguatamente ai problemi e perché venga calendarizzato il pdl Zanella.

Il dibattito che si è svolto in Commissione è auspicabile che porti il ministero a rivedere le sue posizioni, la prima occasione è offerta domani in aula in occasione dell’interpellanza urgente, sottoscritta da 46 parlamentari. Un appello al ministro: si legga lo stenografo del dibattito in commissione e non si faccia solo scrivere la risposta dagli stessi uffici che hanno redatto l’ordinanza!

 

Donatella Poretti


Articoli correlati

  Modificata l'ordinanza “cani pericolosi”
  Cani pericolosi. Grazie Celentano! Uniamoci per chiedere al ministro Turco la modifica dell'ordinanza
  Cani o proprietari pericolosi? Vada avanti sottosegretario Martini, la ragionevolezza è dalla sua parte
  Cani e umani. Intervenire subito per non continuare a farci male entrambi.
  Ordinanza cani pericolosi. Conflitto politico tra Parlamento e Governo
  Cani pericolosi / proprietari pericolosi. Intesa in Parlamento
  Poretti e Francescato si tolgono la museruola e rispondono all'articolo di Sebastiano Messina su "La Repubblica"
  Cani pericolosi. Mercoledì mattina 8:30, informativa urgente sull'ordinanza
  Cani o padroni pericolosi? Martedì 20 marzo ore 12 manifestazione a Roma davanti Montecitorio
  Cani pericolosi / proprietari pericolosi. Risoluzione bipartisan in XII commissione
  Cani pericolosi. Leon, un pitbull di quasi 5 anni, ha accompagnato il presidente dell'Aduc alla manifestazione davanti Montecitorio
  Ordinanza cani pericolosi. Confermata legittimità da Tar del Lazio
  Donatella Poretti. «Io disobbedisco!»
  Cani soppressi per la sola "colpa" di appartenere ad una razza...
  Cani pericolosi. Evitiamo altre tragedie
  Ddl cani pericolosi: nulla cambia. Le razze dei cani continuano ad essere discriminate!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy