Martedì , 21 Gennaio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marisa Cecchetti. “La mano stretta” Storia di un padre felice di Simone Antonelli
05 Ottobre 2016
 

Simone Antonelli

La mano stretta

Storia di un padre felice

Mauro Pagliai, 2016, pp. 104, € 7,00

 

Il percorso dell’adozione di un bambino è lungo e complesso, è fatto di infinite pratiche burocratiche, di colloqui chiarificatori e spiazzanti, di illusioni e speranze, di attese che talora cadono nel vuoto. Questo padre che parla del figlio adottato in una parte sperduta della Russia ha ragione di essere felice. Il fatto che sia il padre a raccontare la propria felicità non vuole trascurare le emozioni ed il ruolo della madre, che è insostituibile, ma risponde ad una realtà concreta: solo nel percorso di adozione l’attesa è veramente condivisa in modo paritario, quasi una speciale forma di gestazione portata avanti a due.

Non conta più ciò che è accaduto nell’attesa, non contano le difficoltà incontrate sul posto -soprattutto le difficoltà di comunicazione- né il fatto che il piccolo, al suo primo apparire agli occhi della coppia nell’istituto, sia diverso dall’immagine ideale che è stata coltivata nella mente, un bambino incapace di sorreggersi da solo sulle gambe, portato a braccia da due donne, perché troppo turbato e spaventato. Poi, in un silenzio carico di domande e richieste e paure, la mano di lui che afferra e stringe quella dell’uomo seduto accanto sul divano, a stabilire accettazione e fiducia.

Ma è solo l’inizio di un percorso che richiede dedizione, ascolto, presenza, disponibilità, amore, e soprattutto umiltà. Se è vero che genitori non si nasce ma si diventa giorno per giorno con i figli naturali, imparando a relazionarci con loro e rispondere ai loro bisogni ed a riflettere sui nostri errori, tanto più c’è da imparare se il Cielo ci destina un bambino venuto da lontano, con una storia sconosciuta alle spalle carica di enormi sofferenze. Non è automatico che la nuova vita, in un ambiente sicuro, porti accettazione e serenità immediate, anzi, le ferite pregresse hanno bisogno di una lunghissima cura. Un bambino non abituato ad essere amato, ad essere al centro dell’attenzione e dei pensieri altrui, si chiederà la ragione di tanto amore, si sentirà non all’altezza, diventerà anche provocatorio, nascondendo la sua paura più profonda e inespressa: quella di perdere tutto, di ricadere nell’inferno di prima.

Antonelli non ha ricette da dare agli altri genitori adottivi, perché ogni bambino ha il suo percorso e la sua storia, ha capito che non ci sono certezze e linee educative da sbandierare come preconfezionate e funzionanti ma ha scoperto che l’unico modo, tra l’altro il più immediato e naturale, è quello di farsi conoscere anche con le proprie paure, con la propria solitudine sperimentata ed il proprio dolore. Con umiltà.

Ha sentito l’importanza di creare un rapporto umano alla pari, di capire i momenti di crisi, di lavorare a fianco con fiducia, per costruire una persona che si sappia finalmente accettare con il proprio passato, e riconosca come meritata la bellezza del presente.

 

Marisa Cecchetti


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy