Giovedì , 08 Dicembre 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni [08-20]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vetrina/ Adriano Angelini. Suna 
Quod incipit desinit et resurgit
Dis-Grazia (foto P. Garofalo)
Dis-Grazia (foto P. Garofalo) 
27 Settembre 2016
 

L'infanzia è la più significativa

perché presente e viva.

Da lei man mano ci si allontana

maturando l'hai come età più sana

ove sorge rinascita

tra sorti vicendevoli.

Il primo è fondamento

tornante sentimento.

Tellus Mater prima fons et religio,

ombelical legame

che istinto appaga di sete e di fame.

La religione è un sentimento

nato dal primordiale accadimento:

nascita e nutrimento

in terreno firmamento

ove sole e luna son suoi lumi

che rischiarano la via ai nostri costumi.

L'uomo delle coppelle

mostra la terra madre

circonfusa di stelle

ov'è la casa del Sole, il padre;

della madre simbol Pietra,

fuoco da cui s'arretra

dell'altro, che qui in Tarten ha un viso

che richiama all'antico paradiso

ei ha carattere, è individuo, agisce.

Ma la terra è la specie, patisce.

È umida, segue il ritmo della luna

il Sol feconda, gioca con Fortuna.

Terra e donna eran in comunione

lei aveva il governo

presiedea al fuoco e al rito

piene le coppe di sacro e di mito:

si facea con la terra un patto eterno

di pace e fedeltà

e di fertilità

tutelando i bisogni della prole

da cui irraggiava vita, come il Sole

verso cui la donna era prima attrice.

Striscia alla terra, tua genitrice!

E possa ella salvarti dal nulla” (Rgveda X, 18,10)

In Tarten ha la culla

Amnis, dono del fiume

il suo nome è Suna

viene a darci lume

e rinascita buona

nel bimbo è il selvaggio

il volere più saggio.

In nozze con la terra padre Cielo,

di Sol s'inchina e Pioggia

creando Primavere d'ogni foggia,

proteggendo il mistero sotto un volo.

La natura ama nascondersi” (Eraclito)

Matriarcato? Sì, dominio della specie.

Patriarcato? Sì, l'individuo fece.

L'amor profondo di questi Orobici

pro terra e donna libere

dichiara di essere figlio del Sole;

svelta han robusta mole,

dell'età della pietra,

di Suna fieri e di sua faretra.

Quel volto di fiera capigliatura

che da millenni giunto a noi perdura

sopportava intemperie e soli cocenti,

notti stellate algenti.

L'infanzia ci vien dell'umanità

restituita con la sacralità

della pietra, la terra nostra madre.

Coro – “La quale ne sustenta et governa

et produce diversi fructi con coloriti flori et herba”

[(San Francesco, cantico)

Nella modernità arde

bisogno del ritorno

ce lo chiede la società ogni giorno

ed è da ora che caso o necessità

ci fornisce l'avvio alla libertà

d'un cammino a ritroso di bellezza

selvaggia e fanciullesca.

Coro – Salvezza è il “salvatico” (accezione usata da Leonardo Da Vinci)

e non il tecnocratico.

Uomini superiori, fuggite il mercato” (Zarathustra)

Come il paganesimo

così il cristianesimo

il Sole e la pietra

stessa ierofania

e sull'altare la sacra pietra

e Cristo segue del Sol la poesia:

rinascita e morte

d'entrambi il donarsi, loro sorte,

l'uno il piano dei sensi

ma l'altro dello spirto,

l'equivoco è il dualismo

la vision del panteismo

concilia spirto e sensi

vieppiù sensi più spirto.

Nessuno ha il monopolio del sacro

ov'è il profano s'impone il sacro

e nella materia vive lo spirto

che l'uccide è il venale

non certo il naturale.

Coro – Natura è utilità

il sacro, libertà.

 

Adriano Angelini


Articoli correlati

  “Le radici”. Spettacolo in Val Tartano, domenica 20 luglio
  “Ul gir de l’an di āf”. Un’impresa da argonauti
  Personaggi del bosco
  Luciano Angelini. A Dante nell’anniversario della morte
  F.lli Angelini. Il simbolo degli Orobi, la religione del Sole
  Adriano Angelini. Suicidio di un sedicenne
  Adriano Angelini. Protesta giovanile il '68
  Val Tartano. “Sol Invictus”
  Vetrina/ Adriano Angelini. Alla preistoria: Amnis dalla fiera chioma
  Fratelli Angelini: La mostra e il teatro, di luglio a Morbegno
  Vetrina/ Adriano Angelini. Per il mio compleanno
  Giulio Brambilla. Giordano Bruno in due dipinti di Angel
  Vetrina/ Adriano Angelini. Sol invictus
  Adriano Angelini. Perché votare?
  Adriano Angelini. La politica nobile, l'amore del paese
  Luciano Angelini. “Amnis”, l’orobico di Tarten
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 66.4%
NO
 33.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy