Martedì , 18 Gennaio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lucio Garofalo. “Lettera a un Giudice” di Paolo Saggese
22 Agosto 2016
 

Propongo il testo di una mia recensione critica dedicata ad un romanzo breve, scritto in forma epistolare da Paolo Saggese, Lettera a un Giudice, incentrato sul tema della corruzione. L'autore lo definisce un “racconto fantastico”, ma temo che non sia affatto immaginario, né surreale. È proprio questo il limite principale del libro, che tenta di discostarsi e prendere le distanze dalla realtà, senza riuscire ad intaccarla minimamente. Per mettere in discussione un ordinamento politico-istituzionale che è profondamente, organicamente marcio e corrotto, temo che occorra una presa di posizione assai più coraggiosa intellettualmente, una critica serrata e radicale che provi a mettere seriamente in discussione le radici e le fondamenta stesse del sistema di potere e dei rapporti di forza vigenti. Le radici strutturali affondano nel dominio di classe del capitalismo e dell'alta borghesia che detiene il controllo dei principali mezzi di produzione e di distribuzione economica, nonché il potere politico incarnato in alcuni organismi istituzionali ed amministrativi nazionali e sovranazionali, che non sono altro che “mega-comitati di affari”. Se non si coglie una siffatta complessità dialettica e non si prende atto di un fenomeno strutturale che è assai più vasto, articolato e controverso di quanto si voglia far credere, la piaga sociale della corruzione non verrà mai inquadrata e compresa nella sua entità reale, nella sua essenza intrinseca, cioè connaturata agli assetti capitalistici dominanti. Di conseguenza, non potrà mai essere estirpata in modo radicale e definitivo dalla nostra esistenza quotidiana.

 

 

Paolo Saggese

Lettera a un Giudice

Racconto fantastico sulla corruzione

Addictions-Magenes Editoriale, 2015, pp. 105, € 7,50

 

Ho letto Lettera a un Giudice di Paolo Saggese. È un bel romanzo epistolare che racconta l'amara vicenda, non autobiografica (almeno così precisa l'autore), di un “secchione” (inteso qui in un'accezione simpatica) che, non essendo raccomandato, fallisce la prova di un concorso per dirigenti pubblici, per cui decide di rivolgersi ad un magistrato per offrire libero sfogo al suo sdegno contro la corruzione della società. La trama narrativa è ambientata in un paese immaginario denominato Repubblica dei Pomodori. L'idioma nazionale è il pomodorese, i gendarmi sono pomodoresi, tutto è pomodorese. Certo, l'autore non sembra essersi arrovellato troppo l'immaginazione per inventare nomi di fantasia. Non mi pare originale l'idea ispiratrice che stimola la narrazione.

La passione per il grande scrittore siciliano (Leonardo Sciascia) si evince dai frequenti richiami alle opere e ai personaggi sciasciani: Candido, A ciascuno il suo, Il giorno della civetta ed altri contenuti nel romanzo. Il tratto che forse risulta meno originale, risiede in uno spunto ideologico moralistico ovvero (come si direbbe oggi) giustizialista. Questa valutazione critica non vuol essere affatto una stroncatura nei confronti della prima fatica letteraria di questo autore mio conterraneo. Il quale è un intellettuale esperto in lettere classiche, umanista e critico letterario, per cui non potrei competere con l'autorità e l'erudizione dello studioso. Non possiedo la perizia necessaria ad esprimere un giudizio pertinente a livello tecnico-letterario. Mi limito ad osservare che il registro stilistico del romanzo, per quanto lieve e scorrevole, nient'affatto stucchevole, né volgare (ed è già tanto di questi tempi) non risponde al mio personale gusto estetico. Trattasi di un giudizio soggettivo e relativo. Il romanzo si legge tutto d'un fiato, non è mai tedioso, ma non sono riuscito ad intravedere il fuoco che infiamma il genio, l'inquietudine o il pathos che assale lo “spirito guerriero” dello scrittore. Per me la letteratura e l'arte non sono uno “specchio” che riflette il mondo reale, bensì una sorta di “martello” che picchia sull'incudine con furia e sofferenza per plasmare e modificare lo stato di cose esistente. Scrivere, dipingere, scolpire, esigono un ardore militante, una tensione o una pulsione rivoluzionaria. È una battaglia in cui l'artista si cimenta in modo indiretto, senza tessere di partito. Ciò esalta il valore autentico dell'arte, che altrimenti non sarebbe in grado di esternare nulla. Aggiungo una chiosa conclusiva, ma non esaustiva. Non basta saper scrivere per fare di un autore un grande scrittore.

 

Lucio Garofalo


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy