Lunedì , 18 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marisa Cecchetti. Sole a Teheran di Fereshteh Sari
10 Aprile 2014
 

Fereshteh Sari

Sole a Teheran

Edipress, 2014, pp. 204, € 15,00

 

Trenta anni di storia dell’Iran trascorrono nelle pagine del romanzo di Fereshteh Sari, Sole a Teheran, traduzione di Anna Vanza, che nella nota introduttiva scrive: «Il romanzo, ancora inedito in Iran, è stato scritto per gli iraniani: tanto per i coetanei dell’Autrice, protagonisti delle prime fasi della Rivoluzione che certamente si troveranno nelle situazioni narrate, quanto per le giovani generazioni, che hanno memoria di quegli eventi tramite la narrativa ufficiale oppure grazie ai genitori». Fereshteh Sari è una delle maggiori scrittrici iraniane contemporanee che molto deve aver preso dal suo vissuto per la creazione delle storie.

Le protagoniste, Setareh e Nilufar, che nel 1979 erano giovani universitarie appartenenti ad una classe sociale medio alta, nel 2009, al tempo di Ahmadinejad e in attesa di una nuova consultazione elettorale, sono madri che hanno conosciuto la speranza e poi la sofferenza, l’insicurezza, la paura, per sé e per i propri cari. Si raccontano alternando le loro voci, e la narrazione procede tra passato e presente, facendo rivivere il clima prerivoluzionario, le speranze, i progetti, le ideologie. E poi la restaurazione postrivoluzionaria e le leggi della repubblica islamica, con il carcere, le esecuzioni, le fosse comuni.

Setareh ha militato nell’estrema sinistra a suo rischio, ma anche chi, come Nilufar, non si era fatta coinvolgere dalla politica, prova le conseguenze della trasformazione, colpita negli affetti più cari, privata di casa e sostanze. Donne che sono riuscite a sopravvivere e passare tra le maglie dei controlli di polizia, ma che continuano a buona ragione a temere per i loro figli, in un regime che vieta e reprime.

E a chi si lamenta dei tempi che corrono e accusa la generazione dei padri di essere responsabile di quella situazione di non libertà, rispondono che loro ci hanno creduto, hanno provato ed hanno pagato, ora tocca ai giovani cambiare ciò che non funziona.

Certo è che, nonostante la sofferenza e i morti giustiziati, prima vittime della polizia dello shah poi di Komeini, la loro capacità di adeguamento non viene mai meno: fuori della porta di casa sono costrette a piegarsi come giunchi, mentre i sentimenti, le idee, le scelte individuali, continuano a costituire la forza che spinge ad andare avanti e sperare, chiusi dentro le pareti domestiche e condivisi con gli amici veri.

 

Marisa Cecchetti


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy