Venerdì , 19 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni [08-20]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Il Meridiano di Maribruna Toni 
Ristampa dell'opera omnia a 15 anni dalla scomparsa dell'autrice
08 Luglio 2013
 

Gordiano Lupi (a cura di)

Il Meridiano di Maribruna Toni

EIF, pagg. 280, € 15,00

 

A quindici anni dalla scomparsa di Maribruna Toni (Piombino, 1951 - 1998), EIF ristampa il Meridiano che storicizza il suo corpus poetico pubblicato nel decennale. Si tratta di un corposo volume che include le quattro sillogi edite: Le vele, i voli, i veli (Libroitaliano, 1997), unica antologia pubblicata in vita, L’urlo si fa silenzio (Traccedizioni, 1999), Un sogno smarrito (Il Foglio Letterario, 2001) e Rimpianto d’onde, di sale e di tempeste (Il Foglio Letterario, 2003). In appendice è inserita una preziosa e inedita raccolta di Poesie ritrovate, apparse dopo la sua morte sulle colonne delle riviste Il Foglio Letterario, Carmina e relativi supplementi antologici. A emblematica chiusura il volume propone “L’occhio incantato”, lirica che racchiude il pensiero filosofico-religioso di Maribruna Toni.

 

 

Maria Bruna Toni: “I sogni, ombre

suicide del presente, si sciolgono

in pianto”

Recensione di Patrizia Garofalo

 

«Ho innalzato/ su piedistalli di cartapesta/ idoli di creta/ poi è piovuto./ E ora/ i basamenti son poltiglia/ e gli idoli/ soltanto una fanghiglia// Resta intatta solo la memoria/ incisa a fuoco dentro la mia carne/ così il passato diverrà presente».

La memoria fa da collante, da tessuto all’oggi di cui siamo protagonisti e responsabili, nessuna condanna anche nei versi più esasperati dell’autrice se non a se stessa che non ha saputo né voluto essere diversa e ha sentito e cantato la pena del disincanto, dell’inganno, dell’amore non ricevuto, dei sogni trovati impiccati alle sbarre – «suicidi disperati per paura/ che li uccidessi con l’indifferenza»; ma l’indifferenza non regna in nessuno dei suoi versi, la ricerca di autenticità è esasperata al punto da affidare a scrigni, segreti, dolori, amori, se stessa e le sue ceneri, in groppa a un'onda che la porti lontana e la congiunga al cielo.

Una tavolozza di colori che si mescolano e diventano parola poetica, sconvolgono di pennellate le stelle, il pianto, la vita e la morte e l’ordine delle cose; la ricerca del colore diventa trascendenza, spiritualità, infinito.

Se il mondo non ha voluto entrare nel suo giardino, darle la mano e conoscere «il mio bosco, il mio lago e le foreste/ i paradisi o i magici miraggi di oasi incantate/ i giochi, le canzoni, le risate/ i flauti, gli organi i violini», la poetessa lo terrà con sé racchiuso nella «veglia della morte mia” dove non c’è olio sufficiente/ per riaccendere/ il lume dei ricordi» e attraverserà la vita, consapevole che l’uomo ha già da sempre sostituito l’amore di una carezza con l’indifferenza, elemento in lei presente solo come linea di demarcazione dal suo mondo e mai possibile rifugio al dolore così come invece la suggerì Montale. Maribruna penetra il mondo con una fisicità sorprendente, con un’aderenza d’anima che via via si fa sempre più metamorfosi panica con gli elementi della natura con la quale “gioca” a vivere creando puzzle di cui lei è tessera integrante: «ho razzolato/ tra le nubi/ che concimavano solchi di mare:/ cercavo la luna/ se ne stava nascosta/ pudibonda/ tra le rughe della notte», notte che Mariarosa vive nelle sfumature e nell'eco delle conchiglie, dei silenzi, delle albe attese, nei tramonti che tralucono ombre, mistero, ignoto nella preghiera di un pianto che ristori mentre la luna specchia sul mare, «meduse/ flaccide e dolenti/ racchiuse nel pallore tremolante/ di una morte recente».

Consapevole che basterebbe «la svirgolata d’ala/ d’un sorriso» a parare a festa una solitudine, inventa cieli e farfalle e bagliori e ombre fatate, pleniluni tremuli d’acqua e di mare, d’incanti e di salsedine, di bleu cobalto e di meraviglia e di tutto questo stupore si farà «vestale d’amore» per sempre. Intense nel dolore che le incide le parole di Giovanna Vizzari: «se non c’è chi ti ascolta a che pro aprirsi ad una vertigine di suoni, meglio nascondere la scoperta del male come un virus e amare indifferentemente uomini e cose a loro insaputa». La poetessa aveva risposto già alla prefigurazione della sua fine con il silenzio del suo urlo, perché la poesia è anche elaborazione del dolore ma non della propria morte che faticosamente si dipinge e si scrive; di essa Maribruna vive la sua investitura per l’infinito.

Mi vesto di paillettes e di perline

mi velo di voiles e di chiffons,

mi lego il collo, le caviglie, i polsi,

con le fredde catene dei bijoux.

Mi ha messo anche un diadema sulla fronte

e un nastro di seta allo chignon,

un anello di ametista al dito

ed alle orecchie due pendents.

Adesso sono pronta per la festa

eccomi prostituta per la strada.

Sono di tua proprietà.

Tu sei il padrone.

Ed io la tua puttana.

Un'investitura solitaria e disperata che non trova conforto se non nell’abbandono di un mondo in cui neanche i gabbiani hanno più ali, il corvo perseguita il sonno, le rondini sono fulminate e le vene sono trapassate inutilmente da aghi, analisi e camici bianchi, il sole è talvolta vissuto come incanto “ubriaco” ma sempre più presenti insistono coni d’ombre, silenzi che neanche nella tela distendono più il colore; resta l’urlo silenzioso «il grido muore/ e mi gorgoglia in gola» e la mano che non si distende sulla tela, «ha solo dita adunche/ chiuse a pugno/ rattrappite/ in un’imprecazione» e solennemente dichiara la morte come unica nostra proprietà ineludibile.

Ma la vestale non spegne il fuoco, non si spoglia della veglia, non smette di custodire, vive da cieco vate «tra tenaglie d’onde/ ripiegate/ in lamine di fogli/ di latta/ in una lotta/ liquida spirale/ di cavalli/ e creste» e dona ceneri di vita. «e mentre il vento/ ti si aggrappa in grembo/ prendi il mio cuore/ e inchiodalo ad un palo» per una crocifissione di rinascita.

 

 

 

ALCUNE POESIE TRATTE DALLA RACCOLTA:

 

1.

Al tramonto manciate di conchiglie

rubavano i respiri delle maree,

per farne dono a orecchie di bambini,

insinuando l’ignoto e il mistero,

rimescolando incanti e sortilegi.

E le alghe,

la brezza cospargeva,

di sabbia ancora tiepida di sole.

E le meduse,

flaccide e dolenti,

racchiuse nel pallore tremolante

di una morte recente,

senza voglia,

senza coscienza

e senza compiacenza,

specchiavano la luna.

 

2.

I muri asciutti

e vinti,

un fondo congelato

che si staglia

e ritaglia i bordi

dei rami,

cinerei fiumi,

sbuffi di terra d’ombra

delle ciminiere

su un fondo cupo

di lavagna

dove un gabbiano

che non trova il mare

s’appiglia, s’impiglia

ad un pino,

strozzato

da una forcella

di due rami

in croce.

 

3.

Sono un vascello che va senza rotta

che ha perso le onde e anche il vento

e che ha perso pure

la prua e la poppa

il canto di sirene,

che ha perso perfino

il dondolio delle carene.

Sono un vascello con le stive vuote

senza neanche reti

per pescare,

senza neanche vele

da innalzare,

senz’albero maestro,

senza un remo.

Ora è bonaccia e mi rimane solo

una triste deriva.

 

 

 

Illustrazioni: Opere di Mariabruna Toni

e la spiaggia di Piombino


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.6%
NO
 35.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy