Sabato , 31 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alberto Figliolia. “Yoyo” di Pierre Étaix 
Da vedere assolutamente
29 Marzo 2013
 
   Un po' clown un po' attore, un po' regista un po' mago, un po' disegnatore un po' organizzatore. E sempre toccando vertici di inaudita bravura. Difficile incasellare in un mestiere o attività Pierre Étaix, nato a Roanne nel 1928. Amico di Jacques Tati, con cui ha lavorato (Mon oncle, 1958), il genio di Étaix è fuori discussione. Per questo è altamente meritoria la riproposizione che la Fondazione Cineteca Italiana fa del suo lungometraggio (il secondo) Yoyo sino al 4 aprile nella Sala “Alda Merini” dello Spazio Oberdan della Provincia di Milano (viale Vittorio Veneto 2, Milano).
   Yoyo, film del 1964, restaurato di recente e ridistribuito nelle sale cinematografiche francesi, è una preziosa gemma, un capolavoro di delicata surrealtà. Girato in un poetico bianco e nero, è alimentato dalle più disparate fonti d'ispirazione ed è, nel contempo, un commosso omaggio al mondo del circo che tanto nel cuore sta a Étaix.
   La storia è semplice, ma sviluppata con gran sapienza, e si nutre di felici balzi: un ricco e annoiato signore, rovinato dalla crisi planetaria del 1929, ritrova il suo vecchio amore, che fa la cavallerizza/acrobata in un circo, con tanto di figlio che avevano fatto insieme (lo Yoyo del titolo). I tre si riuniscono con letizia e girano per ogni dove della Francia con il proprio circo familiare. Romantica visione, idilliaco senza sdolcinatezze. Gli eventi si succederanno sotto i cieli, ci sarà la Grande Guerra, altri circhi, e Yoyo diverrà famoso grazie anche a un nuovo mezzo: l'onnivora televisione. Recuperato il vecchio augusto palazzo dei suoi genitori, nel corso di un ricevimento fatto di finta allegria, nella scintillante dimora rimessa a nuovo, fra arrivisti e superficiali, macchiette e improbabile fauna umana, fa irruzione un elefante, un magico animale dell'infanzia per portarlo in salvo...
   Invero Yoyo è colmo di spunti, gag, muovendosi fra muto e parlato, spunti e idee, ricco d'immagini, ironia e citazioni (Buster Keaton, in primis) e, come detto, tanto amore per il circo, luogo di fantasia e d'innocenza. «Sono un ebanista, un artigiano del cinema, un falegname che si diverte a fare quello che vuole», dice di sé Pierre Étaix. «Umorismo e ritmo, mentre le prove di originalità e inventiva sembrano apparentemente senza limiti», è stato con giustezza scritto.
   Anche la sceneggiatura è di Pierre Étaix (con Jean Claude Carrière). Fra gli interpreti, oltre a Pierre, Claudine Auger, Luce Klein, Philippe Dionnet e Roger Trapp.
   Giudizio: deliziosamente spiazzante. Da vedere, assolutamente.
 
Alberto Figliolia

Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy