Sabato , 20 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Nella “Stella che non c’è”, la crisi di un uomo e lo sfacelo della Cina
13 Settembre 2006
 
L’ultimo film di Gianni Amelio narra l’incontro fra un personaggio e un paese.
Se si toglie il paese, o lo si mette in secondo piano, resta il ritratto, finemente introspettivo, di un uomo di mezza età che perde il lavoro; se invece si valorizza il paese a scapito del personaggio, resta un viaggio nella Cina contemporanea, che mostra – per la prima volta, a mia memoria – l’orrore della fabbriche dove anche i bambini sono impiegati come manodopera, di condomini popolari alti come grattacieli e stipati di uomini e cose fino a scoppiare; ma anche la bellezza di antichi villaggi (dove i figli, nati fuori dalle regole demografiche stabilite dal regime, possono essere mandati clandestinamente a crescere).
Ma se anche ognuno di questi due poli potrebbe essere il centro di un film compiuto, la suggestione della Stella che non c’è, nasce proprio dal confronto fra il protagonista e la nazione che si trova ad attraversare.
La ragione dichiarata che lo induce a mettersi in viaggio è quasi parodossale, ma la maestria dell’autore (e dell’attore principale: Sergio Castellitto) è tale, che lo spettatore difficilmente se ne meraviglierà, ci crederà senza troppi problemi.
L’altoforno, di cui l’uomo era “manutentore”, venduto a imprenditori cinesi ed esportato in Cina, è affetto da un vizio di costruzione; ed egli si affanna a rintracciare i nuovi proprietari per consegnargli un pezzo di ricambio.
Perché davvero lo fa, se non gliene viene nulla, e anzi nell’impresa perde tempo e denaro? Per rigore professionale; perché l’altoforno è stato per tanti anni al centro delle sue occupazioni, e non riesce a separarsene; perché fugge dalla propria solitudine.
Come si vede, non ci viene fornita una motivazione univoca; così come, nella vita reale, difficilmente si possono spiegare in due parole le ragioni vere di certe scelte e decisioni.
Certo, il protagonista, malgrado la fermezza del suo proposito, è un uomo in crisi. E la crisi, invece di sciogliersi o illimpidirsi nel corso del viaggio, sembra aggravarsi, quando la fabbrica che ospita l’altoforno si fa sempre più fantomatica e irrintracciabile; quando la gravità dei mali che affliggono la Cina, danno all’uomo il senso della propria impotenza a porvi rimedio (anche soltanto nei confronti della persona che lo accompagna, una giovane interprete cinese, di cui egli forse si innamora); e rende vana, quasi ridicola, la sua missione.
È emblematica l’immagine conclusiva: l’uomo siede a fianco della ragazza sul bordo di una ferrovia, che si stende su una prateria deserta. Un po’ meno di realismo, e saremmo nel mondo di Uccellacci e uccellini di Pasolini: anche lì luoghi spesso desertici, lunghe strade che conducono chissà dove, cartelli segnaletici surreali, individui – e forse l’umanità – che non hanno più idea della propria destinazione, ma continuano a camminare; qui, ad attendere un treno, che forse arriverà, forse no.
Non ci si aspettino emozioni dirompenti guardando la Stella che non c’è; ma è uno di quei film, che dopo la visione, continuano ad agire sullo spettatore, grazie alla forza e alla sincerità del sentimento che lo permea per intero e gli dà coerenza.
 
Gianfranco Cercone De Lucia
(da Notizie radicali, 12 settembre 2006)

 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.6%
NO
 35.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy