Giovedì , 19 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Bianca Pitzorno e il premio della vergogna
Bianca Pitzorno
Bianca Pitzorno 
25 Novembre 2011
 

Al peggio non c'è mai fine.
Prensa Latina - l'agenzia di veline castriste - oggi pubblica questo articolo.

 

Insigniscono a Cuba la scrittrice italiana Bianca Pitzorno

 

L'Avana 23 nov (Prensa Latina) La scrittrice italiana Bianca Pitzorno ha ricevuto la Distinzione all’Umiltà Dora Alonso, concesso dalla casa editrice cubana Gente Nuova, ed un riconoscimento speciale del Centro Nazionale di Educazione Sessuale (Cenesex), in onore alla sua rivelante traiettoria. Ambasciatrice di Buona Volontà dell'UNICEF e nominata al premio Hans Christian Andersen del 2012, considerato il Nobel della letteratura infantile, Pitzorno ratificò il suo compromesso con Cuba. Conferendogli il lauro, la direttrice del Cenesex, Mariela Castro, sottolineò la contribuzione dell'autrice all'arricchimento spirituale dei bambini ed adolescenti dell'isola e del mondo. Il direttore di Gente Nuova, Enrique Perez Diaz, lodò, da parte sua, l'interesse dell'intellettuale per avvicinare la sua opera ai lettori cubani e sottolineò la sua preoccupazione, da una prospettiva femminile, per i conflitti dei più giovani nelle sue relazioni con la famiglia e l'ambiente sociale. Invitata alla Settimana della Cultura Italiana, la narratrice ha sostenuto un incontro con i bambini delle scuole elementari, con i quali ricordò i suoi inizi nella letteratura, ad otto anni, e come si ispira alle più diverse esperienze. Nata in Sardegna nel 1942, Pitzorno è considerata la più importante scrittrice di letteratura infanto-giovanile dell'Italia. I suoi testi si sono tradotti a lingue come il francese, tedesco, spagnolo, greco e giapponese.

 

 

La pedestre traduzione dallo spagnolo non è mia e non so di chi sia. Mi preme sottolineare che è una vergogna da parte di uno scrittore italiano (paese libero e democratico) accettare un premio assegnato da un regime dove gli intellettuali non sono liberi di esprimere le loro opinioni. Non solo. A Cuba uno scrittore o un blogger non possono uscire dai confini nazionali per fare la stessa cosa che ha fatto la signora Pitzorno. Yoani Sanchez non ha mai potuto ritirare un premio perché non le hanno mai concesso il permesso di uscita. La stampa cubana non è libera ma è asservita al governo e al partito unico, la televisione pure e l'Editorial Gente Nueva (che ha premiato la Pitzorno) è una casa editrice che pubblica e premia ciò che vuole la gerontocrazia al potere. Per questo sostengo che il premio vinto dalla scrittrice italiana è un premio alla vergogna. Un vero intellettuale libero lo avrebbe rifiutato e si sarebbe detto disposto ad accettarlo solo quando a Cuba verranno rispettati i diritti umani e i principi elementari di democrazia e libertà.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 12 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy