Martedì , 24 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Twitteando in cerca di libertà
02 Novembre 2010
 

Non giungono buone notizie dal Twitter di Yoani. Continua la repressione ai danni di chi ha la sola colpa di esprimere un pensiero non conforme, non cessano repressioni e arresti ai danni di blogger (Ricardo Medina) e Damas de Blanco (Reina Tamayo). Si parla di 32 detenuti nelle ultime ore: è inutile liberare e deportare in Spagna i prigionieri politici, se le leggi non cambiano. Poche ore fa Yoani ha scritto: «Vado a risposare. Se ci sono notizie di primo mattino lancio un tweet mezzo sonnambulo».

La blogger sa che sta facendo una cosa proibita, ma non può smettere di twittear, così come non può evitare di avere un'opinione. Vede il Festival del balletto illuminato a giorno e lo paragona all'oscurità totale dell'Avana Vecchia. Si chiede: «Metafora a parte: cosa sarà di noi?». E ancora: «Come posso consigliare a mio figlio di mettere radici in un paese dove è quasi impossibile vedere i frutti del proprio lavoro?». L'intolleranza, gli autoritari e la mancanza di prospettive fanno parte della vita della blogger, sono il suo bersaglio preferito: «Un giorno ho scritto un graffiti dove parlavo del futuro, le parole si sono scolorite, ma l'avvenire non è mai arrivato». Non sa cosa fare per cambiare le cose, perché a Cuba non è permesso il dissenso e la critica costruttiva, ma è consapevole che deve continuare a esprimere il suo pensiero, twitteando ancora più forte: «Potrei twittear fino al punto di esorcizzare i demoni dell'apatia e della simulazione che offuscano ogni cosa».

Yoani accenna alla precaria situazione economica: «Lo zucchero proviene dal Brasile, il caffè dalla Colombia e quanto alle arance. non ne vedo una da mesi. Cuba è un'isola che possiede una terra fertile ed è popolata da gente creativa, nonostante tutto importa l'80% dei generi alimentari. Dalla monocoltura della canna da zucchero siamo passati a una quasi totale dipendenza dalle importazioni. Persino la TV confessa un'eccessiva spesa per importare gli alimenti che vengono consumati a Cuba».

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy