Domenica , 25 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Floriana Lipparini / Adam Keller. Con i pacifisti israeliani contro la guerra
30 Dicembre 2008
 

Dove c'è guerra, non c'è verità e soprattutto non c'è più diritto al dissenso. Le voci critiche vengono ignorate o tacitate. Ogni prospettiva viene falsata. Emergono soltanto le “verità” ufficiali, e persino le immagini trasmesse possono essere manipolate per ingannare l'opinione pubblica.

Questo l'ho capito molto bene durante la guerra jugoslava, grazie al rapporto diretto con oppositrici e oppositori alla guerra.

Ecco perché è sempre molto importante dare eco al lavoro degli attivisti contro la guerra, far circolare i loro appelli, raccontare le loro posizioni. The Other Israel, un gruppo di pacifisti israeliani, nel primo giorno di guerra ha organizzato a Tel Aviv una coraggiosa manifestazione contro il massacro di Gaza. Allego qui di seguito la traduzione del loro resoconto inviato in rete.

Non è certo facile essere pacifisti in Israele, eppure i pacifisti ci sono e hanno bisogno della nostra riconoscenza e del nostro sostegno.

Nulla può giustificare la violenza, la guerra e i massacri, nessuna rivendicazione politica, statuale o personale. Per uscire da questa orrida spirale, che insanguina il Vicino Oriente da oltre mezzo secolo, l'unica strada da seguire forse è quella del Sud Africa, dove la riconciliazione è potuta avvenire per mezzo della verità e del riconoscimento delle reciproche responsabilità. Ma Olmert non è Mandela...

Dietro la tragedia palestinese ci sono risoluzioni Onu ignorate per oltre cinquant'anni, promesse non mantenute, e un'incolmabile sproporzione: da una parte uno stato, dall'altra un ghetto; da una parte il benessere, dall'altra la miseria, la fame, le malattie, l'assenza di medicine, la disoccupazione...

Nessuna popolazione dev'essere condannata a vivere in una gabbia, come oggi vivono i palestinesi, fra muri, diaspora e campi profughi, e nessuno più degli ebrei può saperlo.

 

Floriana Lipparini



Ringraziamo Floriana Lipparini per averci messo a disposizione nella sua traduzione il seguente articolo di Adam Keller per The Other Israel dal titolo “Guerra a Gaza. È cominciata", datato Tel Aviv, 27 dicembre, poco prima di mezzanotte.

 

 

Manifestando a Tel Aviv contro la guerra


Questa mattina, alcuni di noi si sono alzati ansiosi di ascoltare il primo notiziario sperando ancora nell'impossibile. Questa mattina, più di duecento cittadini di Gaza i cui nomi probabilmente non conosceremo mai si sono alzati senza immaginare che fosse la loro ultima mattina. E anche nella città di confine israeliana di Netivot il cinquantottenne Beber Vaknin si è alzato ed è andato a passeggiare per le tranquille strade del weekend nella sua cittadina natale, senza sapere che molto prima del tramonto sarebbe diventato un numero nelle statistiche...

Il bombardamento e il massacro sono arrivati come una scioccante sorpresa alle 11:30 del mattino, anche se non c'era in realtà ragione alcuna di sentirsi sorpresi. In preda alla rabbia e all'indignazione abbiamo febbrilmente scritto dure parole di protesta e denuncia e le abbiamo indirizzate a tutti gli altri attivisti, ai media e a chiunque in Israele e nel mondo intero fosse possibilmente intenzionato ad ascoltare: «La guerra di Gaza è una brutale pazzia di un governo in bancarotta», «Barak conduce la sua campagna elettorale per mezzo di stragi da entrambi i lati del confine».

A tempo di record, un incontro di protesta viene suggerito dalla Coalizione delle Donne per la Pace e velocemente raccolto da Hadash, da Gush Shalom, dagli anarchici, da Marabut e anche dalla base di Meretz. Il messaggio si diffonde fra tutti per passaparola, per telefono, per e-mail, sms e Facebook: «Fermate la guerra. Fermate la guerra. Troviamoci alle 18 per un'assemblea aperta in piazza della Cineteca a Tel Aviv. Corteo alle 19:30. Vieni tu, venite tutti».

Sono stati contattati amici sia a Gaza sia a Sderot, entrambe sotto le bombe, e da entrambe è arrivato il loro sentito sostegno a ogni tentativo di fermare la follia. S'improvvisano trasporti da Haifa e Gerusalemme, e persino dalle città arabe di Tyra e Nazareth alcune persone vengono a Tel Aviv, nonostante vi siano cortei anche nelle loro città.

La polizia in qualche modo viene a sapere della cosa. Molto prima delle 18 la Cineteca è circondata da tutti i lati, polizia regolare in tenuta antisommossa, reparti a cavallo e un mucchio di macchine di pattuglia che scaricano agenti in continuazione. «Guardate, questi non hanno pistole, hanno fucili automatici. Vogliono portare la guerra anche qui?», sussurra una ragazza con indosso una maglietta dell'Associazione per i diritti degli animali.

Da una parte, una dozzina di giovani prepara dei cartelli: «Fermate il massacro», «La guerra è di Olmert, le vittime sono nostre», «No all'omicidio degli innocenti», «Noi israeliani diciamo: il governo di Israele commette crimini di guerra», «Intervento internazionale ora», «Europa ferma la guerra», «Livni, l'omicidio non è femminista», «Il comandamento dice: non uccidere».

Uno slogan ripetuto di frequente, «Questa non è la mia guerra», è scritto in arabo, ebraico, inglese o in una combinazione dei tre. Nel frattempo, all'interno del palazzo della Cineteca, ha luogo un evento organizzato molto tempo prima. La comunità dei rifugiati africani in Israele chiede alle autorità di dare asilo ai rifugiati e di non deportarli. È arrivata una giovane donna di colore a parlare dei bambini del Congo, dove sono forzati a lavorare nelle miniere e a maneggiare materiali cancerogeni. Le circostanze non hanno permesso di entrare per dare a questa causa l'attenzione che merita.

Alle 19 in piazza della Cineteca ci sono più di mille persone, più di quante ci si potrebbe aspettare in Israele durante le prime ore di una guerra, con la febbre bellica di cui sono responsabili i media israeliani.

Formati i cordoni e spiegati gli striscioni, i percussionisti danno il via alla musica, ma la polizia blocca tutte le uscite. Uno scontro su larga scala sembra inevitabile ma gli organizzatori gridano: «Fermi, aspettate», e cominciano a negoziare. Dopo circa venti minuti di tensione, nella meraviglia di tutti, gli agenti si dividono per lasciar passare i manifestanti. L'accordo con la polizia è che il corteo si dirigerà verso il Ministero della Difesa evitando di interferire con il traffico sulla strada principale. Gli abitanti della normalmente tranquilla via Sprintzak guardano giù dai loro balconi il flusso in movimento continuo di manifestanti che gridano: «Ebrei e arabi si rifiutano di essere nemici», «A Gaza e Sderot i bambini vogliono vivere», «La guerra è un disastro, la pace è la soluzione», «Fermiamo la guerra, torniamo alla tregua», «Facciamo tacere i fucili, salviamo la gente», «Barak, Barak, quanti ne hai uccisi oggi?», «Le stragi non ti daranno il potere», «Il sangue scorre per il prestigio dei ministri», «Il sangue scorre per i sondaggi dei partiti corrotti», «No alla guerra, torniamo alle trattative». Persino «No alla guerra, sì alla pace» che di solito suonerebbe come un truismo naif, oggi suona come un messaggio netto e radicale.

Per un tempo ragionevole la polizia non interviene, ma all'angolo di via Kaplan d'improvviso una carica a cavallo va direttamente contro la folla. Alcune centinaia di metri sulla destra si vedono i cancelli del Ministero.

«Signore e signori della stampa, il nostro attacco di oggi su Gaza è stato chirurgico e precisamente mirato», la voce di Olmert alla radio che alcuni attivisti hanno acceso viene trasmessa dalle torri dall'altra parte della strada. «Bugiardo, criminale di guerra», sale un urlo in risposta, e molti giovani cercano di sfondare i blocchi della polizia ma sono immediatamente trascinati nelle auto delle pattuglie in attesa.

Va avanti fino alle 21:30, quando si annuncia: «Abbiamo terminato qui per oggi. Ma continueremo a tornare finché sarà finita. Chiunque voglia spendere qualche altra ora, può unirsi a noi per picchettare la stazione di polizia dove sono riuniti i nostri amici».

Sull'autobus, andando verso casa, la radio fra i vari servizi di guerra dal sud trasmette una breve notizia sulla manifestazione. Il numero di partecipanti viene indicato come duecento... Ovviamente è un servizio ostile, un tentativo di sminuire l'opposizione alla guerra. Ma forse non ci si dovrebbe scoraggiare troppo, essendo almeno stati nominati, in un giorno di euforia di guerra orchestrata dai media.

 

Adam Keller

 

(da Notizie minime della nonviolenza in cammino, 30 dicembre 2008)


Articoli correlati

  Primarosa Pia. L'eco dei mortai. Viaggio in Israele, 1-8 gennaio 2009
  Enrico Peyretti. Sulla qualità dei due diritti
  Una iniziativa a Viterbo e una lettera al Presidente del Consiglio contro il massacro a Gaza
  Federazione Anarchica Italiana: Per la pace, per l'autodeterminazione del popolo palestinese
  Renato Pierri. Illegittima difesa
  Ecumenici. Veglia con lettura di Davide Melodia
  Stop alla guerra! Sabato 17 iniziativa in piazza a Sondrio
  Francesco Pullia. Il sangue, Gaza, l’esilio della parola
  Boicottare i prodotti di Israele finché opera il genocidio? Indagine sull’economia che dirige politica e bombe.
  Doriana Goracci: Riflessioni finita l’epifania… che le bombe non porterà via.
  Veglia ecumenica di preghiera “Per il cessate il fuoco immediato nella striscia di Gaza!”
  Il Movimento Nonviolento aderisce alla manifestazione del 17 gennaio ad Assisi per la pace in Medio Oriente
  Appello degli intellettuali ebrei contro il genocidio di Gaza
  Peppe Sini. Dalla parte di tutte le vittime, contro tutte le uccisioni
  Domenico Stimolo. Riflessione notturna su Gaza… e dintorni
  Coraggio israeliano
  Roberto Malini. Fermiamo le armi!
  Doriana Goracci: NO al fascismo militare israeliano. Roma. La Libertà non striscia
  Valter Vecellio. Israele. Lettera aperta a Furio Colombo: è vero, i veri colpevoli siamo noi
  Bruna Spagnuolo: Il frastuono della guerra giustizia gli echi del Vangelo.
  Nino Lisi > Cdb San Paolo. Per Gaza. Presidio a Roma, 8-10 gennaio
  Enrico Peyretti / Pax Christi. Gaza-Israele. Mobilitazione a Torino
  Emigrazione-notizie. E la sua difesa degli attivisti per la pace a Gaza
  Marco Lombardi. Nell'epoca di Saladino interinale
  Vetrina/ Emmanuel Attard-Cassar. Veduta su Gaza (da Malta)
  Comunità dell'Isolotto. Socializzazione su: fondamentalismi e violenza
  Marco Lombardi. Legami di sangue
  Brenda Gazzar. Le attiviste di Gaza si aspettano tempi più duri
  Urlo imprigionato (Merendelli – Garofalo)
  Gila Swirsky: Nessuna notizia è cattiva notizia. Bombe su Gaza.
  Daniele Dell’Agnola. La vostra scuola sembra un museo
  Vetrina/ Giuseppe Samperi. Chiedo perdono
  Bassem Eid. “Noi palestinesi dobbiamo sbarazzarci di Hamas”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy